Come cucinare la pasta senza glutine?

In attesa di sapere, in base all’esito degli ultimi esami, se la mia intolleranza al glutine è confermata o meno, io stà cercando di evitare quanto più possibile il glutine.

Trovo la cosa piuttosto complicata perchè l’infido glutine si nasconde un po’ dappertutto e, soprattutto, presidia gli alimenti che maggiormente amo, come pane e pasta. E poi perchè sono spesso in giro e non ho una gran voglia di andare alla ricerca di cibi adatti alla mia situazione (la verità è che sono troppo golosa!).

Diciamo però che, almeno a casa, ho preparato una scorta di pasta, biscotti e crackers senza glutine (il pane invece è impossibile tda trovare!) e stò cercando di nutrirmi, almeno in prevalenza, con questi prodotti.

Perciò la situazione la sera a casa mia è: una pentola con pasta normale per il Bighi, un pentolino con la pasta di Giorgia (che mangia solo la pasta condita con olio e parmigiano e certe volte si impunta su certi formati), una pentola con la pasta per me, e poi un’eventuale padella con un condimento per la pasta mia e del Bighi (che comunque andranno condite sepratamente). Così a fine cena sembra che io abbia cucinato chissà cosa mentre in realtà abbiamo mangiato solo un piatto di pasta!

Stò quindi provando vari tipi di pasta senza glutine, di diverse marche, e ho pensato di raccontarvi qui come va. Anche, anzi soprattutto, per avere i vostri consigli riguardo marche, condimenti, ecc. Diciamo che in generale la pasta senza glutine, con farina di mais o di riso che sia, è accettabile, o anche quasi buona, se condita con qualche sugo molto saporito, magari a base di panna, o con il ragù.  Con salse più leggere il sapore del mais, e la consistenza un po’ gommosa, prendono il sopravvento. Però non posso nemmeno utilizzare ogni sera condimenti così calorici, perciò bisogna trovare una soluzione.

Probabilmente basterà individuare la marca, o il tipo di pasta, migliore, o comunque che più mi aggrada, e concentrarsi per preprarlo al meglio, ad esempio non sbagliato i tempi di cottura! Si perchè ho notato che la pasta senza glutine un minuto prima è dura ed un mituno dopo è già scotta, perciò bisogna beccare al volo il preciso istante in cui la cottura risulta quella giusta. Mica banale eh!

Insomma sono proprio bisognosa di consigli da parte delle amiche che hanno già bandito, con successo, il glutine della loro vita. E mi piacerebbe anche conoscere le vostre ricette segrete visto che le mie sperimentazioni di torte, dolcetti e muffun senza glutine si sono rivelate dei completi fallimenti.

“Deliciously Ella. Semplicemente green” di Ella Mills

Inauguro questa nuova sezione dedicata ai libri con il super consiglio che arriva da Laura, che ha appoggiato con grande entuasiamo la mia idea di iniziare a parlare sul blog anche di altri temi, sempre legati alla salute, come ad esempio l’alimentazione.

Invece di riassumere quanto dice Laura, riporto direttamente quanto scrive, anche perchè non potrei trovare parole migliori! Laura consiglia la lettura del libro “Deliciously Ella. Semplicemente green” di Ella Mills. Ecco perchè dovremmo leggerlo!

Ho acquistato da poco il libro scritto da Ella Mills. Una malattia rara aveva messo a dura prova il suo sistema immunitario ad appena soli 19 anni. Ella si sentiva stanca, priva di energie. Bombardata da medicinali e steroidi, si sentiva peggio di prima, bloccata a letto isolata dal mondo con l’autostima precipitata a livello zero.
Poi la svolta. Legge il libro di Kriss Carr e decide di adottare una nuova dieta basata solo su prodotti integrali e vegetali (esclude del tutto carne, latticini, zuccheri, oltre agli alimenti contenenti glutine e ai prodotti industriali). Piano piano recupera energie e si innamora del cibo semplice e naturale. Per lei conta il benssere, non le calorie. Da allora non prende più farmaci, se non la sua dose di spirulina perchè le dona una carica fantastica.

Ed io posso confermare, per esperienza personale  che anche a me l’alga spirulina dona tanta energia, è un super concentrato di ferro, utilissimo per contrastare l’anemia (regalo dei “maledetti mostri”). L’alga spirulina è un superfood, un’alga d’acqua dolce con un contenuto proteico elevatissimo (pari al 6o%-70%). Controlla anche il rilascio di glucosio nel sangue con ottimi effetti anche sull’umore.
Contiene magnesio, vitamina E, selenio, zinco, calcio.

Senza arrivare ad estremismi esagerati penso che sia giusto limitare carne, latticini, zuccheri e prodotti industriali.

Ella sottolinea l’importanza di trovare del tempo per cucinare, di organizzarsi. Lei impiega 2 ore ogni domenica a preparare i pasti che le serviranno durante la settimana, così evita di acquistare pasti pronti e mangia sano.
Sottolinea le innumerevoli proprietà nutrizionali della frutta secca, che giudica essere un toccasana per i suoi problemi di stanchezza cronica. Mandorle, noci, nocciole e pinoli sono efficaci anche per purificare la pelle, rinforzare le unghie ed avere capelli forti e lucidi.

Consiglia di preparare il porridge a colazione con avena, acqua, latte vegetale, una banana, uvetta, mandorle, cannella, lamponi o mirtilli freschi. Io ho provato a mangiarlo e lo trovo molto delizioso e saziante.

Insegna a nutrirsi in modo sano e naturale, per essere sempre felici ecariche di energie e pervivere al meglio. All’interno del libro ci sono pure delle ricette, la grafica è stupenda, ci sono un sacco di meravigliose foto. Il libro non ha nulla a che vedere con le diete restrittive e punitive. E’ un inno alla gioia. “A contare”- scrive Ella- “sono la bontà ed il benessere, non le calorie. Le piante ci nutrono e ci guariscono. Possiamo stare meglio senza rinunciare alle delizie del palato.”

Deliciously Ella - Semplicemente Green Ella Woodward Deliciously Ella – Semplicemente Green
Piatti strepitosi, ricette facilissime, ingredienti super sani: cucinare vegano non è mai stato così facile
Ella Woodward
Compralo su il Giardino dei Libri