Fibromi uterini: un aiuto dalle sostanze naturali

Buongiorno amiche, oggi ho una bella novità da raccontarvi!

Ho appena scoperto che, a quanto pare, esistono delle molecole naturali che possono aiutare nella gestione di quei fibromi uterini che non devono essere operati (per esempio quelli asintomatici e di piccole dimensioni).

Cercando informazioni su terapie alternative per il trattamento dei fibromi ho trovato un articolo della dottoressa Giusi Porcaro che racconta che diversi studi scientifici recenti hanno dimostrato come alcune sostanze naturali come le Epigallocatechine gallato contenute nel tè verde e la Vitamina D possono aiutare nella lotta ai fibromi uterini e a mantenere sano l’utero.

Epigallocatechine Gallato

Le Epigallocatechine gallato (EGCG) sono la principale catechina contenuta nel tè verde, un prodotto naturale, che ha dimostrato di avere numerosi effetti benefici a livello biologico: effetti antinfiammatori, anti proliferativi e antiossidanti.

L’efficacia delle Epigallocatechine gallato sui fibromi è stata osservata in uno studio clinico condotto da Eman Roshdy e altri studiosi, pubblicato sull’International Journal of Women’s Health. I risultati hanno dimostrato che questa sostanza è in grado di inibire la proliferazione dei leiomiomi, agendo sulla riduzione del volume e del peso del fibroma stesso. Ricordiamoci che i fibromi altro non sono che tumori benigni che si sviluppano dalle iperproliferazione delle cellule della muscolatura liscia dell’utero.

L’articolo che cito è accessibile pubblicamente e potete trovalo qui:
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23950663/

Questi risultati rappresentano un’alternativa davvero attraente per la gestione di lungo periodo dei fibromi, e potrebbero aiutare anche a contrastare lo sviluppo di sintomi più gravi risolvibili di solito solo attraverso un intervento chirurgico.

La Vitamina D

La Vitamina D esercita importanti azioni nell’organismo umano e svolge una potente azione immunomodulatoria e antiproliferativa.

Rispetto ai fibromi uterini, una delle scoperte più interessanti è che la carenza di Vitamina D è stata recentemente associata a una maggiore prevalenza di fibromi uterini. Michał Ciebiera e altri autori hanno riportato che i livelli nel sangue di Vitamina D sono inversamente correlati alla gravità dei fibromi. Inoltre, La Vitamina D sarebbe in grado di inibire l’angiogenesi (sviluppo di nuovi vasi sanguigni) e di stimolare l’apoptosi cellulare (morte delle cellule).

Lo studio è stato pubblicato sull’International Journal of Molecular Science e potete trovarlo qui:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5751189/pdf/ijms-18-02586.pdf

In sintesi, sia gli studi che la letteratura scientifica dimostrano come ci siano sostanze naturali, quali l’Epigallocatechina gallato e la Vitamina D, che possono rappresentare un valido aiuto nel mantenere sano, e senza fibromi, il nostro utero.

Come si assumono queste sostanze? Ovviamente, in primis, è fondamentale adottare una corretta ed equilibrata alimentazione (che faticaccia in questi giorni strani in cui non so voi ma io non faccio altro che sfornare dolci, focacce, paste al forno e compagnia bella!). E poi è possibile valutare l’introduzione di alcuni integratori.

Ho scoperto che in commercio esiste un complemento alimentare che si chiama Delphys che è proprio a base di queste sostanze. Chiedete al vostro medico cosa ne pensa, io intanto cerco di reperire maggiori dettagli in merito e di capire se qualcuna di voi l’ha già utilizzato e ha voglia di raccontarci!
Anzi se avete qualche informazione aggiuntiva scrivetela nei commenti!

Esmya sospesa dall’EMA, in attesa di una nuova revisione

Buongiorno amiche, come state?

Voglio condividere con voi un’importante comunicazione dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) che ha iniziato una procedura di revisione di Esmya a seguito della segnalazione di un caso di danno epatico che avrebbe comportato il trapianto di fegato in una donna che assumeva il farmaco. L’EMA quindi raccomanda la sospensione di Esmya durante il periodo di revisione.

Trovate la stessa comunicazione anche sul sito dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA): https://www.aifa.gov.it/-/comunicazione-ema-su-ulipristal-acetato.

Mi rivolgo perciò a tutte voi che in questo momento state facendo la terapia con Esmya: niente panico! State tranquille, le autorità sanitarie sono già al lavoro per fare tutte le verifiche del caso e speriamo di avere aggiornamenti presto.

Intanto, in attesa che vengano completate le verifiche, e in via precauzionale, è stato disposto che non dovranno essere avviati nuovi trattamenti e che le donne attualmente in terapia con Esmya interrompano la cura. State tranquille, si tratta di misure precauzionali temporanee e non è escluso che presto Emsya sia di nuovo prescrivibile.

Se state assumendo Esmya vi consiglio prima di tutto di consultare il vostro ginecologo.

Io per quanto possibile continuerò a tenervi informate sulla vicenda. E ricordatevi sempre che non siete sole!

H-Open Weekend Ginecologia: servizi gratuiti in molti ospedali italiani

Dal 6 al 9 marzo, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, in molti ospedali italiani troverete l’H-Open Weekend di Ginecologia: un fine settimana dedicato alla prevenzione e alla cura di tutte le patologie in ambito ginecologico in tutte le fasce di età della donna.

L’iniziativa è stata lanciata dalla Fondazione Onda, l’Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere.

All’H-Open Weekend Ginecologia hanno aderito oltre 200 ospedali con i Bollini Rosa. I Bollini Rosa sono un riconoscimento che la Fondazione Onda conferisce agli ospedali che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili.

Negli ospedali aderenti sarà possibile accedere a servizi gratuiti clinico-diagnostici e informativi alla popolazione femminile (consulenze e colloqui, esami strumentali, conferenze, info point e distribuzione di materiali informativi). Sul sito www.bollinirosa.it trovate l’elenco degli ospedali che partecipano all’iniziativa e l’elenco dei servizi offerti con indicazioni di date, orari e modalità di prenotazione.

L’obiettivo dell’iniziativa è sensibilizzare le donne sulle problematiche ginecologiche che caratterizzano le diverse fasi della vita femminile, in particolare il periodo della menopausa in cui avvengono profonde modificazioni non solo fisiche ma anche psico-emotive.

Mi pare un’iniziativa davvero interessante e credo che dovremmo approfittarne e partecipare!

Compaiono gli spazi banner su Maledetto Fibroma

Oggi voglio raccontarvi di qualche novità che vedrete comparire sul blog nei prossimi giorni.

Questo blog esiste dal 2013. Come ho raccontato nella sezione Un po’ di me, Maledetto Fibroma è nato per condividere la mia storia e la mia esperienza con tutte voi che leggete. Nel tempo è cresciuto, e nella mia vita sono cambiate tante cose..

Nel 2013 avete letto i miei articoli in 3.300. Nel 2014 in 67.000. Nel 2019 in 325.000. In 4.400 avete commentato. In 1.200 circa mi avete scritto via mail. In moltissime mi avete scritto dalla pagina Facebook o privatamente su Messanger. Ho risposto a tutte (o almeno, così credo! Se qualche mail è malauguratamente rimasta senza risposta è perchè non l’ho vista, ahimè).

Nel 2014 ho definitivamente risolto i miei problemi con i fibromi. Sono “guarita”. Il Maledetto Fibroma non è più tornato. Giorgia, che quando ho aperto il blog aveva 1 anno, è cresciuta. L’anno scorso, da un utero che “ormai” era “da buttare” è nato il mio Matteo.

Ma la mia battaglia contro i fibromi non è finita. La mia lotta continua. Perchè ognuna di voi possa disporre di tutte le informazioni che le occorrono. Perchè nessuna di voi si senta sola. Perchè tutte le isterectomie che possono esser evitate lo siano. Perchè, insieme, siamo più forti.

Veniamo quindi al dunque!

Ho deciso di pubblicare sul blog sei banner e di destinarli alla promozione di medici o strutture competenti ed affidabili. Presto quindi vedrete già in homepage una grafica leggermente diversa.

Ho preso questa decisione per tre motivi.

  1. Ho bisogno di guadagnare qualcosa dal blog. Dedico veramente molto molto tempo a rispondere alle vostre email, ai vostri messaggi, ai commenti sul blog e su Fb, alla redazione di nuovi articoli, alla ricerca delle informazioni più utili e interessanti per voi. Per continuare a farlo, ho davvero bisogno che questo, che è già un lavoro, ripaghi almeno in parte, in qualche modo, il mio tempo. Altrimenti dovrò abbandonare il tutto (chi di voi ha dei bambini piccoli, un marito, un lavoro, una casa, e magari anche qualche hobby, sa bene cosa intendo..).
  2. Mi piacerebbe che i medici più capaci e competenti e le strutture sanitarie maggiormente adeguate potessero trovare qui uno spazio specifico per indicare i loro servizi e i loro contatti.
  3. Credo sarebbe utile per chi visita il blog vedere da subito quali sono medici e/o strutture di fiducia cui potrebbe rivolgersi.

Che ne dite?

Tra l’altro se avete qualche centro, struttura, ente (nonchè medico) da segnalarmi perchè adeguato al mio progetto fatemi sapere!

Il Centro Demetra per le isteroscopie operative e diagnostiche

Su segnalazione di Francesca, che me ne ha parlato tempo fa, vi lascio qualche informazione sul Centro Demetra a Firenze. Si tratta di una struttura in cui è possibile sottoporsi ad isteroscopia diagnostica e isteroscopia operativa in tempi brevi.

Per capire meglio di cosa si occupa il Centro e come funzionano i servizi proposti ho contattato direttamente un loro referente, che ha gentilmente risposto alle mie domande. Ecco quindi qualche informazione per voi!

Cos’è il Centro Demetra? Chi può rivolgervisi?

Il Centro Demetra è un Centro di diagnosi e trattamento dell’infertilità. È operativo da 25 anni ed è costituito da un gruppo di medici che si occupano esclusivamente di questa branca della ginecologia. Presso il Centro è possibile effettuare tutta la diagnostica e i cicli di trattamento, compresi i cicli con diagnosi preimpianto e con donazione di gameti. Al Centro può rivolgersi chi non riesce a concepire spontaneamente un figlio e desidera iniziare un iter diagnostico, chi ha già una diagnosi e vuole effettuare cicli di trattamento, chi desidera preservare la propria fertilità.

L’assistenza avviene a pagamento o in convenzione con il SSN?

Può avvenire secondo entrambe le modalità. La diagnostica non è all’interno del percorso convenzionato. I cicli di trattamento possono essere eseguiti in regime convenzionato perché molte regioni hanno inserito la PMA nei Livelli Essenziali di Assistenza. Le modalità possono variare da regione a regione; solo alcune regioni (Puglia, Sicilia, Sardegna, Valle D’Aosta) non concedono l’autorizzazione necessaria per effettuare i cicli in regime di convenzione.

Quanto è ampia la vostra casistica di interventi di isteroscopia diagnostiche e operative per la diagnosi e/o rimozione di fibromi?

La nostra casistica per le isteroscopie diagnostiche e operative è molto aumentata dal 2013, anno in cui il Centro si è trasferito nella nuova sede, che dispone di una sala per interventi molto attrezzata. Nel 2019 abbiamo eseguito 427 isteroscopie di cui 80 operative (polipi, fibromi, setti, istmocele). La responsabile del servizio di isteroscopia è la dr.ssa Cristiana Barbosa, che ha una lunga formazione in endoscopia, e che lavora a stretto contatto con il dr. Mario Franchini, punto di riferimento nazionale per le isteroscopie operative. Recentemente è entrata a far parte del team di Isteroscopisti la dr.ssa Eleonora Ralli. La filosofia che ci guida è “see and treat”, cioè di trattare contemporaneamente alla parte diagnostica tutto ciò che può essere corretto senza una preparazione specifica. Questa ottimizzazione dei tempi è molto importante in una paziente che deve intraprendere trattamenti per la fertilità.

Per quel che riguarda le isteroscopie operative, che tipo di fibromi siete in grado di trattare?

Nella nostra struttura si eseguono isteroscopie operative per fibromi G0-G1* e alcuni fibromi G2* entro 20 mm di diametro che vengono asportati dopo una specifica preparazione. L’intervento è in sedazione profonda e non prevede ricovero ospedaliero. Siamo una struttura di chirurgia ambulatoriale e non eseguiamo interventi a rischio elevato di intravasazione. È da sottolineare che alcuni fibromi possono richiedere un intervento in due tempi.

Fino a quali dimensioni un fibroma può essere rimosso con isteroscopia operativa?

Si rimuovono generalmente fibromi sottomucosi di massimo 2 cm di diametro. Si eseguono anche correzioni di istmocele e setti uterini, oltre naturalmente ad asportazioni di polipi e sinechie. Le nostre pazienti sono soprattutto pazienti infertili. Abbiamo due miniresettori di 16F ideali per questa tipologia di pazienti e gli strumenti che utilizziamo nella grande maggioranza dei casi non richiedono dilatazione cervicale.

Come si fa per prenotare una visita presso la vostra struttura?

Basta telefonare al centralino (055416231 oppure 055488709 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18, il sabato dalle 8.30 alle 12.30)

Per quel che riguarda le isteroscopie ci sono tempi di attesa?

Nessuna attesa per le diagnostiche, che si eseguono nel periodo fra la fine del flusso mestruale e l’ovulazione. Dal momento che anche le isteroscopie diagnostiche sono effettuate in sedazione, la reception al momento della prenotazione invierà l’elenco degli esami ematici necessari, che la paziente deve presentare il giorno della isteroscopia. In caso di isteroscopie operative, se la diagnosi è stata fatta in altra sede, la paziente deve inviare agli accertamenti già effettuati per una prima valutazione deità responsabile del servizio, in modo da poter decidere il tipo di intervento necessario. Inoltre nelle isteroscopie operative generalmente è prevista la preparazione dell’endometrio, che inizia un mese prima dell’intervento.

Se avete domande sul Centro Demetra o informazioni aggiuntive potete scrivere tutto nei commenti!

*per la classificazione dei fibromi si veda l’articolo ‘Isteroscopia operativa per la rimozione dei fibromi: intervista al dr Camilli’.