Gocce di lampone per la cura dei fibromi

Siamo venute a conoscenza dei numerosi benefici e delle incredibili proprietà del lampone grazie a Ornella che qualche mese fa ha scelto di condividere con noi la sua storia e la sua esperienza con le gocce di lampone, acquistate in erboristeria.

Ornella racconta di averle utilizzate per il suo fibroma di ben 8 centimetri e per il ciclo irregolare.
Risultato? In breve tempo il fibroma non è più cresciuto e il ciclo è diventato regolare.

Indicativamente, la posologia del gemmoderivato di lampone varia fra le 40 e le 50 gocce diluite in un po’ d’acqua. Ornella, ad esempio, ne assume 50 al mattino e 50 la sera.

E poiché il lampone è un rimedio che non presenta controindicazioni o effetti indesiderati possiamo definirlo, senza ombra di dubbio, un alleato prezioso, direi irrinunciabile.
Vediamo perché.

Innanzitutto la gemmoterapia utilizza, delle piante, solamente le gemme e i giovani germogli che, una volta raccolti, vengono lasciati macerare in una soluzione composta da acqua, alcol e glicerina.

Proprio perché si tratta di soluzioni idroalcoliche, i gemmotarapici si assumono in gocce.

Nello specifico, il gemmoderivato di lampone è indicato in casi di dismenorrea (mestruazioni dolorose), amenorrea (assenza di mestruazioni), menopausa precoce, cisti ovariche, fibroma uterino e vaginiti solo per citarne alcuni.

La gemmoterapia, inoltre, fa ricorso al lampone anche per contrastare i disturbi legati alla sindrome premestruale: sintomi non soltanto fisici, ma anche psicologici come gli sbalzi d’umore, l’irritabilità, l’ansia e la depressione.

Da tenere presente è anche l’infuso preparato con un cucchiaio di foglie e lasciato in infusione in una tazza per dieci minuti circa; bere l’infuso lontano dai pasti, inoltre, consente di beneficiare della sue proprietà diuretiche.

Ma perché i lamponi fanno così bene? Perché sono un frutto ricco di principi attivi; sono inoltre antinfiammatori, dissetanti, dalle proprietà antispasmodiche e decongestionanti. Contengono buone quantità di vitamine e sono soprattutto…Buoni!

Si, perché al di là degli ottimi prodotti ricavati dal lampone che ritroviamo in commercio, non dobbiamo dimenticare di mangiarlo questo frutto! Con i lamponi possiamo preparare confetture, torte, liquori, vini, gelatine e tanto altro.
Oppure, gustarlo semplicemente così, fresco, come un qualsiasi altro frutto: pare sia ottimo anche per i diabetici.

Tuttavia, non mancano le testimonianze di chi non ha riscontrato nessun particolare beneficio. Patrizia, ad esempio, che  scrive di aver fatto uso delle gocce di lampone per tre mesi circa dopo il trattamento con Esmya, ritiene che i risultati ottenuti siano dovuti al farmaco e non alle gocce. Pertanto, è intenzionata ad assumerle, in futuro, per scoprirne gli eventuali benefici.

Sandra, invece, le sta ancora assumendo.  Racconta di averle acquistate per contrastare i problemi legati alla sindrome premestruale e al ciclo irregolare.  E’ presto, dice, per parlare di risultati concreti, perciò andrà avanti con la cura.

E poi c’è Letizia chefiduciosa,  ha cominciato da poco mentre Elisa, ha scelto di assumerle affidandosi ad un omeopata esperto in fitoterapia, ma anche per lei,  nessun risultato. Almeno per il momento.

In attesa delle vostre testimonianze, direi…..Non resta che provare!