Le complicanze dell’isterectomia subtotale di Paola

Paola ha 51 anni e l’anno scorso si è sottoposta ad un’isterectomia subtotale alla Clinica San Luca ad opera del dr Rolfo.

Paola non ha specificato se si tratta del San Luca di Torino ma io credo si parli proprio di questo ospedale, che rappresenta per me davvero un luogo dell’orrore, un incubo che a volte credo di non aver ancora completamente superato, nonostante siano passati anni.

A parte ciò, ecco cosa ci chiede Paola..

 

Nell’aprile 2017 ho subito un intervento di isterectomia subtotale al San Luca, dal dr Rolfo.

Al di là di come mi trattava (mi prendeva in giro per la pancia e mi guardava a malapena per dare attenzione alle sue pazienti private) dopo il detto intervento ho avuto una vita da incubo. Menopausa forzata (vabbè ci sta avevo 50 anni), sacca di siero subfasciale e ora, a causa di dolori cronici al basso addome per cui mi è stata prescritta una risonanza magnetica ho avuto come esito laparocele.

Non posso più effettuare il mio lavoro al 100% perché non posso più fare servizio esterno (sono vigile urbano e non riesco più ad indossare il cinturone) per cui mi sono state decurtate varie indennità dallo stipendio. In più dovrò subire un altro intervento per questo laparocele.

Cosa devo fare? Ci sono gli estremi per la richiesta di un risarcimento?

C’è qualche avvocato tra le lettrici del blog? O qualcuna che ha vissuto una situazione simile? Come potrebbe procedere Paola?