Sarcoma uterino: è diagnosticabile con sicurezza attraverso risonanza magnetica

Ultimamente torna spesso, nelle vostre email e nei vostri messaggi, il discorso relativo agli esami istologici effettuati sui fibromi dopo l’intervento chirurgico di rimozione degli stessi.

L’esito dell’esame istologico fornisce poi la certezza riguardo la natura benigna del fibroma.

Quando ci si sottopone invece ad embolizzazione, come si può essere certi che il fibroma trattato non sia in realtà un sarcoma? Come ho scritto spesso l’insorgenza di un sarcoma uterino è davvero un’eventualità rarissima, tuttavia un birciolo di preoccupazione è legittimo..

Ho chiesto quindi al dr Rampoldi e al dr Magnano di aiutarci a capire come può, chi sceglie l’embolizzazione, sentirsi rassicurata sotto questo punto di vista.

Dr Rampoldi

La risoluzione diagnostica della Risonanza Magnetica (con mdc) permette una diagnosi di sicurezza.

Dr Magnano

Le tecniche interventistiche percutanee come l’embolizzazione non consentono l’asportazione dell’organo del nodulo quindi l’esame istologico non è possibile a meno che non si proceda ad una biopsia ecoguidata.
La biopsia non si fa praticamente mai in quanto la possibilità che ci sia un sarcoma è davvero remota.
Si tratta di un tumore molto raro, mentre i fibromi sono molto frequenti.
Si stima una incidenza di 3 casi di sarcoma uterino ogni milione. In Italia ci sono poco più di 100 casi l’anno mentre una donna su 4 ha almeno un fibroma.

Nonostante la statistica sia favorevole, comunque non si può correre il rischio di embolizzare per errore un sarcoma scambiandolo per un fibroma.
Occorre quindi un esame preliminare completo con ecografia e raccolta di anamnesi, sintomatologia e studio dell’evoluzione della malattia nel tempo.
Nei casi di crescita rapida si esegue la risonanza.
Molti radiologi interventisti chiedono la risonanza sempre prima dell’embolizzazione. Questo non è sempre necessario, in molti casi le donne con i fibromi prima di arrivare ad una decisione di farsi trattare sono seguite per molti anni con ecografia sia interna che esterna. In questi casi è praticamente certo che non ci siano “sorprese”.

Nei casi di prima insorgenza e crescita rapida si deve invece indagare.

Direi quindi che l’embolizzazione è una scelta sicura anche quando qualcuno può avervi messo in testa che forse avete un sarcoma! E’ veramente pazzesco leggere che la risonanaza magnetica permette una diagnosi certa quando io per prima mi sono sentita dire che l’unico modo per stare davvero tranquilli era togliere l’utero.

Fibroma colliquato: che cos’è e come può essere trattato

Ho chiesto al dr Magnano alcune informazioni riguardo i fibromi colliquati, dei quali sento parlare sempre più spesso nelle voste mail.

Anche il mio maledetto fibroma presnetava aree di colliquazione. All’inizio mi ero illusa che questo significasse che il fibroma stava morendo, ma poi avevo ahimè capito che significava solo che sarebbe stato sempre più doloroso..

Il professor Marco Magnano, Medico Chirurgo, primario interventista, si occupa di embolizzazione dei fibromi uterini a Catania (oltre 800 donne trattate da lui e dalla sua equipe), risponde di seguito alle mie domande.

Che cos’è un fibroma colliquato?

Il fibroma è una massa la cui architettura e vascolarizzazione è disarmonica. In alcune aree l’insufficiente vascolarizzazione porta a zone di necrosi colliquativa (morte di cellule che si sfaldano e diventano liquide). Una cosa che avviene anche nei tessuti dove alcuni batteri determinano la morte delle cellule con un meccanismo suppurativo (produzione di pus). Quando c’e’ pus di parla si suppurazione (colliquazione batterica) che e’ una cosa grave e pericolosa per la presenza dei batteri, la colliquazione dei fibromi invece e’ asettica, non infettiva e avviene per apoptosi (morte programmata delle cellule) o per ischemia.

Perché i fibromi vanno in colliquazione?

Ho risposto sopra. I fibromi oltre i 6 cm presentano quasi tutti aree di colliquative . I fibromi dopo l’embolizzazione (si tratta di necrosi ischemica) colliquano con grande soddisfazione di noi medici che abbiamo provocato questo evento (segno che l’embolizzazione è stata efficace).

I fibromi colliquati sono più “pericolosi” degli altri? Possono con maggiore probabilità trasformarsi in sarcoma?

I fibromi e i sarcomi non hanno nessuna parentela. Sono due malattie diverse e non c’è nessuna attinenza.
Il sarcoma ed il fibroma talvolta si “assomigliano” per la forma e quindi si deve stare attenti a non confonderli, ma la colliquazione non porta a sarcoma.
Uno delle complicanze è la suppurazione. Trattandosi di tessuto non vitale scarsamente vascolarizzato e con poche cellule è un bersaglio di eventuali batteri che stabilendosi li dentro possono provocare infezioni. In questo caso i sintomi diventano importanti con febbre e leucocitosi e occorre una terapia antibiotica o un intervento chirurgico di asportazione.

I fibromi colliquati sono fibromi che “stanno morendo”?
La colliquazione è una parte “morta” del fibroma.

I fibromi colliquati possono essere sottoposti ad embolizzazione?

Certamente. Non ci sono problemi di nessun genere.

Se un fibroma è colliquato, è meglio rimuoverlo?

Non in quanto tale. Il fibroma non è una malattia grave e si deve curare solo se da sintomi. Il fatto che sia colliquato è assolutamente irrilevante.

 

Grazie mille al dr Magnano per aver come sempre risposto in maniera puntuale ed esaustiva. Se desiderate  contattarlo:

mmagnano@sirm.org

tel +39 329 208 1545

Maggiori informazioni qui https://www.embolizzazionefibroma.it

Margherita alla ricerca di informazioni riguardo l’isterectomia

Margherita ha 43 anni e dall’età dei 30 anni combatte i suoi fibromi che sono piccoli ma fastiosi perchè le causano emorragie forti e molti dolori.

Mi sono operata per la prima volta in resettoscopia e ho tolto il fibroma in anestesia locale, andò bene per quattro anni non ebbi nulla. Ho una figlia e nel frattempo allora ne cercai un secondo di figlio, andò male per trisomia18 dovetti interrompere la gravidanza. Qualche tempo dopo un secondo fibroma riapparse lo stesso medico non ebbe la stessa attenzione della prima volta poca cura e tanta leggerezza da parte sua mi portarono all’intervento con un’anemia importante. Ma durante l’intervento il dottore ebbe difficoltà e ci mise più del solito (sempre in resettoscopia) troppa acqua fisiologica, intravasazione, acqua nei polmoni, rianimazione per mezza giornata. Non contenta dopo un mese al controllo mi trovò il solito dottore un nuovo fibroma (palese che non lo aveva tolto tutto). Da lì mollai questo dottore e decisi dopo un anno l’embolizzazione.

Cinque anni perfetti se non che ad un controllo trovarono una ciste all’ovaio curata con la pillola in maniera non continuativa ma sotto controllo ogni tre mesi. Ad uno dei controlli il luglio scorso mi trovano un fibroma di 2 cm ad ottobre la prima emorragia e cado ancora nel baratro. A questo punto decisa a trovare un ginecologo decente (non vi sto ad elencare i dottori che ho incontrato) una mia amica mi manda a Palermo. A questo punto io ho deciso per l’isterectomia, la dottoressa inizialmente non era d’accordo, ho fatto tre mesi di Esmya e sono stata benone, avrei dovuto operarmi per la cisti, beh a questo punto mi tolgo tutto. Sono stanca non andò in depressione per questo è non voglio più avere la paura di ricadere in questo baratro. Ho fatto già il day ospital mi dovrei operare a breve in laparoscopia, ho un po’ di ansia come credo sia normale ma spero che tutto finisca presto perché sono stanca. L’embolizzazione serve ma come ho potuto constatare non è per sempre…

Margherita vorrebbe ha deciso per l’isterectomia perchè ha paura che i suoi fibromi, anche se rimossi, tornino ciclicamente, causandole ogni volta dolore fisico e psicologico. Io le ho suggerito di informarsi comunque riguardo la possibilità di rimuovere l’utero per via vaginale e anche la sua ginecologa glielo aveva proposto, solo che nell’ospedale in cui subirà l’intervento sono maggiormente propensi per la laparoscopia, e poi comunque lei dovrebbe rimuovere anche una ciste all’ovaio.

Le ho anche consigliato di rivolgersi al dr Magnano per avere un parere su un’eventuale seconda embolizzazione, ma lei mi ha detto che che è staot proprio questo medico ad effettuarle il primo intervento. L’equipe che invece la seguirà adesso è coposta dal dr Cucinella e dalla dottoressa Billone, che si è specializzata a Lione nel trattamento dell’endometriosi.

Margherita vorrebbe mettersi in contatto con qualche donna che si è sottoposta ad isterectomia, magari con gli stessi medici, perchè vorrebbe sapere com’èstato il decorso post operatorio e come va adesso.

Qualcuna può aiutare Margherita?