Rita che subirà un’isteroscopia operativa

Rita è di Ancona ma vive da 9 anni e mezzo a Barcellona.

Tra anni fa le è stato diagnosticato un mioma, che oggi misura 3cm e che secondo i medici andrebbe rimosso. Si tratta di un fibroma intramurale e submucoso che distacca di pochi mm dalla parete dell´utero, e che secondo i medici potrebbe compromettere una futura gravidanza.

Rita non ha grossi sintomi dovuti al fibroma: un ciclo mestruale di circa 5-6 giorni con flusso abbondante di 3 giorni che tiene sotto controllo con i Tampax super. Non soffre di anemia.

In preparazione all’intervento le è stato consigliato di prendere Esmya.

Rita a Barcellona lavora per una multinazionale americana che le paga l’assicurazione privata, quindi riesce anche ad avere velocemente appuntamenti con cliniche private. Anche se queste hanno purtroppo la tendenza a prescriverle esami in più per aumentare i guadagni.

Al momento Rita è stata visitata in ben tre cliniche private: la Quiron, la Sagrada Familia e la Dexeus. Ha fatto anche un’ecografia in un ospedale pubblico. Alla Quiron Rita è stata seguita per due anni e sono stati proprio i medici di questa clinica ad informarla, improvvisamente, che avrebbe dovuto sottoporsi ad intervento chirurgico e che in preparazione avrebbe dovuto prendere Esmya o una pillola anticoncezionale.

Quando è stata alla clinica Dexeus è stata sottoposta anche ad isteroscopia diagnostica. Le hanno fatto firmare il foglio di autorizzazione però Rita non aveva capito che gliel’avrebbero fatta subito. Per fortuna l’intervento è durato poco e il dolore è stato tollerabile.  Anche dopo l’isteroscopia le hanno però confermato che è meglio operare e le hanno prescitto una serie di test pre- operatori: analisi del sangue completa, elettrocardiogramma, raggi al torace.
Rita non sa ancora se dovrà prendere una pillola pre-operatoria in preparazione o sarà possibile procedere  immediatamente.

Il suo intervento avverrà in isteroscopia e sotto anestesia totale. I medici proveranno a rimuovere tutto il fibroma anche se è attaccato alle pareti dell’utero.

In bocca al lupo cara Rita! Vedrai che presto potrai cominciare vittoriosa la tua nuova vita senza fibroma!