Aiuto, sono intollerante al glutine!

Amiche da quanto tempo non vi aggiorno su di me e su quello che accade nella mia vita! Non ho più scritto in primis per mancanza di tempo e poi perchè stavo bene (i miei fibromi sono ormai un lontano ricordo) e ho preferito dare maggiore spazio a chi stà ancora combattendo la sua battaglia e ha bisogno di tutto il nostro supporto.

Ma ora anche io mi trovo di nuovo a fare i conti con una questione spinosa ..

Il tutto è iniziato lo scorso ottobre, proprio quando sono andata dalla mia parrucchiera (che non visito di frequente) per fare la piega prima delle foto per la copertina libro (le avete viste vero???). Lei non mi vedava da tanto e mi ha fatto notare piuttosto allarmata che perdevo un sacco di capelli, anzi che a suo avviso ne avevo la metà dell’ultima volta in cui ci eravamo viste, o forse ancora meno.

Pensavo mirasse più che altro a vendermi fiale o lozioni (che ho comprato, tra l’altro!) ma visto che insisteva anche dopo che avevo confermato il mio acquisto sostenendo che la questione fosse a suo avviso seria e che io avessi bisogno di uno specialista mi sono recata dal mio medico di base chiedendogli la ricetta per la visita da un tricologo. Lui mi ha detto che la prima cosa da fare erano le analisi del sangue, tanto per verificare che fosse tutto ok. E queste analisi hanno rivelato, con mia grande sorpresa,  una grave anemia.

Ho pensato fosse causata dal fatto che da un po’ di tempo, da un annetto circa, ho eliminato la carne dalla mia alimentazione, ma il medico mi ha detto che a suo avviso la causa era un’altra, più profonda, perchè la sola sospensione dell’assunzione di carne avrebbe potuto generare degli scompensi ma non un’anemia così seria.

Ho subito iniziato la cura di ferro (che non digerivo e che mi causava, anzi mi causa, spesso diarrea) e dopo un mesetto sono tornata a fare analisi del sangue, e anche quelle delle feci, perchè il medico voleva verificare che, appunto, non ci fosse sangue (occulto) nella cacca. Un esame veramente anticpatico da fare! Comunque sia l’anamia era ancora presente, ancora più grave di prima, ed il verdetto del medico è stato scioccante: sono intollerante al glutine, cioè celiaca. E il glutine mi impedisce di trattenere alcune nutritive degli alimenti, quali ferro e acido folico.

Ma come?? Così? Improvvisamente?

Mi è subito venuta in mente la dottoressa Eid, che sosteneva la tesi di un qualche nesso tra l’insorgenza dei fibromi e l’intolleranza al glutine. Lei già mi aveva diagnosticato una sensibilità al glutine prelevandomi un campione di saliva e facendolo analizzare nel suo laboratorio e già ero risultata positiva.

Certo che la celiachia mi pare troppo ..

Dopo un fine settimana di sconforto, durante i quali manco a farlo apposta avevamo una serie di cene e feste di compleanno in cui ho mangiato senza far caso alle mie nuove restrizioni, ho preso coscienza della situazione e sono andata alla ricerca di prodotti senza glutine, almeno per non privarmi della mia adorata pasta!

Ora l’iter prevede una serie di altri esami, compresa la gastroscopia, che mi spaventa un po’ (a proposito, c’è qualcuno che l’ha fatta?), cuo però mi sottoporrò quando torneremo. Siamo infatti in partenza per Zanzibar, dove trascorreremo due meravigliose settimana di sole, relax ed escursioni. Sono molto felice perchè Zanzibar è una meta che porto nel cuore da tanto. Abbiamo con noi un sacco di regali per i bambini di lì, abbigliamento, cancelleria e giocattoli, e davvero non vediamo l’ora di incontrarli.

Al mio ritorno penserò a questa mia nuova gatta da pelare .. Quello che mi chiedo è se sia capitato perchè davvero c’è una correlazione tra intolleranza al glutine e insorgenza dei fibromi .. e allora forse è meglio aver scoperto questo, prima di scoprire un nuovo fibroma .. e forse ora è su questo che devo “indagare”, forse è ora di capire, ma per davvero, esattamente perchè vengono i fibromi.

Mi aiutate? Qualcuna di voi ci aveva mai pensato? Qualcuna è intollerante al glutine, o al lattosio?