Il protocollo ERAS

Chi di voi sa che cosa era l’ERAS? Prima che me lo spiegasse il dr. Camanni ignoravo il significato di questo termine, però dentro di me aveva già preso piede la consapevolezza che i miei due interventi in laparotomia avevano seguito iter ben diversi, con notevoli conseguenze sia sul mio stato fisico che su quello mentale.

Non sapevo bene perchè, se la cosa dipendesse dalla struttura di ricovero o dalle “convinzioni” del medico di riferimento, ma mi era ben chiaro di aver ricevuto all’ospedale Gradenigo di Torino un trattamento molto diverso da quello ricevuto alla (maledetta) clinica San Luca, dove mi aveva operato il dr. Bracco. Niente purga, niente digiuno pre operatorio (vabbè che in ospedale per il secondo intervento ci sono arrivata d’urgenza..), niente digiuno post operatorio, niente ghiaccio sulla pancia (!!), ecc. (per i dattagli leggete i miei post ‘Il mio intervento in laparotomia‘ e  ‘Il mio intervento in mini laparotomia‘).

Questo è accaduto perchè il dr. Camanni applica per le sue pazienti il protocollo ERAS, ovvero una serie di pratiche pro pazienti, un modus operandi volto al benessere di chi ha subito un intervento chirurgico.

Guardate il video per capire meglio di cosa parlo!

 

Purtroppo l’ERAS è ancora davvero poco diffuso però è fondamentale che tu sappiate che esista e che proviate a richiederlo (e, perchè no, a pretenderlo) ogni volta che ne avete occasione.

Convegno su Isterectomia miniinvasiva ed Eras

Domani a Vicoforte, vicino a Cuneo, si terrà un convegno sull’Isterectomia mininvasiva, organizzato dal dott. Andrea Puppo, primario ginecologo dell’Ospedale di Mondovì, e dal dr. Camanni, il mio ginecologo.

Tra i temi affrontati durante il convegno, quello dell’Assistenza pre e post operatoria in termini di paragone tra assistenza tradizionale e ERAS. L’ERAS è un protocollo medico pensato  per un miglior recupero dopo un intervento chirurgico ed è nato con l’obiettivo di garantire, dopo l’intervento, un recupero ottimale ed un ritorno precoce e sicuro alle attività quotidiane. Il protocollo ERAS prevede la collaborazione attiva del paziente e si basa su alcuni accorgimenti che devono essere presi nella fase precedente ed in quella successiva all’intervento (www.humanitas.it).

E’ proprio in virtù di questo protocollo, praticato dal dr. Camanni, che il mio decorso post operatorio è stato nettamente diverso da quello del mio primo intervento in laparotomia.

Si parlerà inoltre di tecniche diagnostiche, di procedure chirurgiche conservative e di isterectomia e sessualità. Tutti temi interessanti e a me, in qualche modo, cari.

La notiziona care amiche è che io potrò partecipare, in platea! E’ stato il dott. Puppo ad invitarmi ufficialmente, specificando che potrò assistere alla discussione ed anche parteciparvi se lo riterrò opportuno. Io sono proprio felice di questa opportunità e non vedo l’ora di raccontarvi il tutto!

Cercheremo (io e il bighi) di fare anche dei video e di raccogliere per voi tanto materiale interessante.

Inconterò tra l’altro anche la dottoressa Biglia, (la “Numero 7” del mio libro e di certi miei racconti qui sul blog) e non vedo l’ora di dirle che il mio utero non era proprio così da buttare, come sosteneva lei, e che per mia fortuna non le ho dato ascolto e ho incontrato medici più capaci e più aggiornati di lei. Che dite, riuscirò a dirglielo proprio in questi termini?? 🙂

Eccovi un sunto di quello che sarà il programma dell’evento.

VENERDI’ 12 MAGGIO 2017

  • Lettura magistrale
  • Tavola rotonda. La patologia uterina: tecniche diagnostiche a confronto
  • Live surgery dalle S.O. dell’ Ospedale Regina Montis Regalis, Mondovì. L’Isterectomia laparoscopica nella patologia complessa della pelvi.
  • Assistenza pre- e post-operatoria: assistenza tradizionale vs ERAS
  • Dalla clinica alla tecnica chirurgica
  • E se non le operassimo nemmeno?  Terapia medica e procedure chirurgiche conservative
  • Isterectomia, femminilità e sessualità:  temi per il consenso informato.

SABATO 13 MAGGIO 2017

  • Razionale gestionale per promuovere chirurgia mininvasiva e Fast Track Surgery
  • Razionale medico per promuovere ERAS . M. Braga
  • Presentazione del protocollo ERAS
  • Tavola rotonda
  • Condivisione protocollo ERAS per l’isterectomia

Quindi oggi mi stò preparando psicologicamente all’evento. Spero che gli argomenti non siano trattati in modo troppo tecnico, nel senso che vorrei pur capirci qualcosa! E spero di avere il coraggio di dire la mia davanti ad una mega platea di ginecologi, anche perchè questa è proprio l’occasione in cui speravo da tempo!