Ordinanza di Archiviazione della denuncia del dottor Tommaso Lupattelli

Questa mattina ho ricevuto la lettera del Tribunale di Milano con l’esito del procedimento penale relativo alle accuse del Dr Lupattelli.

Facciamo un passo indietro, per chi non è aggiornata .. Non avevo più raccontato più nulla sul blog per evitare polemiche, e anche perchè avevo argomenti più interessanti da affrontare, ma oggi fare il punto sulla questione è doveroso, per diverse ragioni. In primis per rispondere a molte vostre domande.

Dunque, dicevo, a luglio scorso, mentre ero in vacanza, ho ricevuto una lettera del Tribunale di Milano con cui mi si convocava in udienza col dottore, o meglio con il suo avvocato, data la sua denuncia. Dalla lettera avevo scoperto che lui aveva presentato una prima denuncia che era stata archiviata dal Giudice perchè le argomentazioni esposte erano infondate e che poi lui si era opposto per vie legali a questa archiviazione e che quando questo accade il giudice è obbligato a riaprire la questione.

Ero piuttosto stupida del tutto. Intanto, che il dr Lupattelli dopo praticamente più di due anni stesse ancora a pensare a cosa avevo scritto io e avesse tempo ed energie da impiegare in questa faccenda. E poi stupita del fatto che il giudice avesse già archiviato la prima denuncia (non ne avevo ricevuto nessuna notifica) ma che lui ancora insistesse.

Dopo aver sentito sia un avvocato di Torino che l’avvocato d’ufficio assegnato a Milano ho deciso di non presentarmi all’udienza perchè sarebbe stato veramente troppo costoso per me. Entrambi gli avvocati mi avevano comunque detto che sarebbe stato meglio essere presenti, ma anche che di solito quando un giudice archivia una denuncia se poi non ci sono fatti aggiuntivi da presentare anche la seconda volta, sulla base degli stessi dati, l’esito è una nuova archiviazione.

Stamattina è arrivata la raccomandata con la notifica del Tribunale. Il Giudice, rilevata la prima archiviazione del procedimento, avvenuta per “infondatezza della notizia di reato“, rilevato che “il querelante insisteva per le proprie argomentazioni“, ritenuto “che il gravante sia infondato, premesso e accertato l’interesse pubblico a parlare del tema del fibroma e dell’operato del medico, il quale per primo utilizza lo strumento di internet e del social network per diffondere le proprie esperienze personali“, non ha ritenuto i miei articoli lesivi del prestigio e dell’onore del dottore, ma libera espressione del “diritto di critica“, e quindi ha ordinato l’archiviazione del procedimento.

Inutile dirvi quanto io sia felice di ricevere questa notizia e di quanto sia stato fastidioso sprecare tempo nel star dietro alla follia del dottore.

Come dicevo, non avevo più scritto niente sul blog per evitare polemiche e solo alcune di voi sapevano di questa questione. Ho anzi sopportato per mesi che il dr Lupattelli su tutti i suoi canali continuasse a scrivere bugie sul mio conto, parlando anche, addirittura, di “guerra” .. mentre in realtà faceva tutto da solo perchè io mi limitavo ad ignorarlo. Mi ha persino accusata di “svendita dell’anima” (???!!) e di altre robe simili, usando paroloni da telefilm (che il problema di fondo sia semplicemente aver guardato troppi film di spionaggio??! ) e chiamata “maledetta”.

Io l’ho semplicemente ignorato ma vi assicuro che non è sempre stato facile, soprattutto quando qualcuna di voi mi scriveva per chiedermi spiegazioni dopo che l’aveva incontrato e lui aveva raccontato un sacco di fesserie sul mio conto.

Perciò oggi sono veramente felice che questa storia sia definitivamente conclusa. O almeno, per vie legali credo lui non possa più fare nulla perchè non credo possa presentare per la terza volta la stessa denuncia dopo che è stata archiviata già due volte.

Sui suoi canali web in realtà potrà ancora raccontare la qualunque, ma almeno io non sarò costretta ad investire tempo e soldi per rispondere. In questo articolo trovate il testo completo dell’ordinanza. Lui potrà scrivere qualcunque cosa: l’unica verità è questa. Se doveste trovare ui canali del dottor Tommaso Lupattelli contenuti diversi, o altre invenzioni, vi chiedo anzi la cortesia di postare il link a questo post.

Gli avvocati con cui ho parlato mi hanno detto che a questo punto potrei denunciarlo io per diffamazione e stalking e avrei materiale sufficiente a vincere la causa ma sinceramente non ne ho molta voglia.

Da tutto ciò emerge poi un’altra questione molto importante. Nella lettera di archiviazione il Giudice dichiara che quanto riporto sul blog costituisce “diritto di critica“. Questo per me è fondamentale perchè significa che posso continuare, anche a norma di legge, a pubblicare informazioni utili per voi, anche quando sono, appunto, osservazioni non particolarmente lusinghiere sul conto di un medico o di una struttura.

Non solo. Ancora più importante, per me, è che tutte quelle tra voi che hanno ricevuto le sue minacce, o che ne riceveranno in futuro (anche se mi auguro di no) da lui o da qualsiasi altro medico, possono finalmente stare tranquille! Ragazze nessuno può minacciarvi o impedirvi di raccontare la verità. Ricordatevelo sempre!

Io sarò sempre qua per voi. Ancora più forte. Ancora più motivata.

Paola ha sconfitto il suo fibroma grazie all’embolizzazione

Pubblico con immenso piacere la testimonianza di Paola, che mi ha scritto per raccontarmi, anzi raccontarci, di aver vinto la sua battaglia al fibroma uterino grazie all’embolizzazione.

Anche a Paola il ginecologo aveva prospettato un’eventuale isterectomia. Anche Paola, come molte di voi, ha cambiato diversi medici prima di scegliere l’embolizzazione, e anche a lei in molti hanno sconsigliato questa tecnica. Ma alla fine Paola ha fatto la sua scelta e oggi festeggia la sua vita senza maledetto fibroma.

 

Ciao sono Paola e vengo da una storia lunga, difficile … ma con il lieto fine.
Ero affetta da un fibroma uterino che a parere di tutti non lasciava speranze. Il chirurgo ginecologo mi aveva già preparata al peggio. Non era grande (5 cm) ma localizzato in un punto dove la chirurgia poteva portarmi a perdere anche l’utero. Ho cambiato ginecologi su ginecologi e tutti sempre con le mani avanti……”Si può fare ma è un punto difficile” : poche garanzie ed io a 32 anni il mio utero volevo tenermelo.
Quando dissi ad un ginecologo cosa ne pensasse dell’embolizzazione la sua risposta fu: “Sta a lei signorina decidere se vuole andare in menopausa!”.  Mentiva sapendo di mentire!!! Gli si leggeva in faccia!!
Sconfortata da tanta approssimazione mi buttai a capofitto nel cercare di capire bene cosa fosse esattamente l’embolizzazione e proprio questo forum mi diede tante speranze. Decisi di incontrare il dottor Lupatelli. Quel giorno era con il suo ginecologo, il dottor Rossini, persona squisita che mi disse testuali parole: “Signorina nessuno potrà mai darle in medicina la sicurezza su niente ma se c’e’una tecnica che compromette meno delle altre la fertilità quella è proprio l’ embolizzazione. Alla sua età nessuna delle nostre pazienti ha avuto problemi di ogni genere.”
Ero ormai convinta. Che dire. Operazione velocissima, nemmeno mi accorsi dell’intervento. 25 minuti ed ero di nuovo in camera. Qualche dolore l’ho avuto, per un ora piuttosto forte.Poi mi sono addormentata e la mattina mi svegliai con la felicita’al mio fianco.
Sono passati ormai molti mesi ( circa 1 anno e mezzo) e il mio ciclo è tornato regolare e dura appena tre giorni (da più di 9-10 giorni che era..non ne potevo più!). L’emoglobina è risalita e con mia grande sorpresa…..il ciclo non è più doloroso come prima. Miracolo.
Purtroppo il dottor Rossini è venuto a mancare pochi mesi dopo e questo mi rese molto triste. Ricordo ancora il suo dolcissimo sorriso. Comunque io sono rinata.

Il mio messaggio è quello di non arrendersi mai. L’embolizzazione funziona e soprattutto non ti mette a rischio.
Ah dimenticavo la cosa più importante!!!! Ho espulso il mio fibroma spontaneamente dopo 6 mesi durante il ciclo. L’ultima risonanza mostrava un utero perfetto!!! Grazie veramente di cuore al dottor Tommaso Lupatelli. Un medico che deve continuare ad andare avanti per la sua strada, sostenuto e difeso perchè è un autentico dono del Signore per tutte noi.
La soluzione al fibroma esiste.
Buona vita a tutte