Esmya funziona o no? Facciamo il punto.

Direi che è proprio ora di capire se allora Esmya, che da pochissimo è anche mutuabile, è efficace nella riduzione dei maledetti fibromi oppure no.

L’avete presa in molte e  ho ricevuto un sacco di feedback da parte vostra, che ora vorrei riordinare e valutare. So che avete sopportato i numerosi ma non terrificanti effetti collaterali di Esmya e so che poi vi siete recate, speranzose, alla visita di controllo. E so che per alcune ci sono state buone notizie e per altre no. Ma non so più quante siete e chi dopo si è comunque dovuta sottoporre ad un intervento chirurgico, chi ancora stà soffrendo e chi invece, grazie ad Esmya, ha risolto tutti i problemi.

Perciò ho pensato che potrebbe essere utile ora a fare il punto sull’efficacia di Esmya.

Mi dite com’è andata? Il maledetto si è rimpicciolito? Siete riuscite ad evitare l’intervento? E con gli effetti collaterali, come ve la siete cavata?

Vi chiedo di raccontare, anche brevemente, la vostra esperienza con Esmya commentando questo post. Nuove amiche attendono speranzose la vostra testimonianza!

Grazie Fibroma Fighters!

283 commenti

  • Federica

    carissime amiche buongiorno, io ho iniziato da qualche giorno la seconda confezione di esmya… sto combattendo ogni giorno con gli effetti collaterali… diciamo che non ce la faccio più, ma guardo avanti con tutte le speranze positive! i primi di dicembre dovrei fare il controllo… spero davvero che i maledettissimi mostriciattoli saranno spariti!

  • Anty

    Sì ragazze inizierò a breve la cura e spero tanto possano rimpicciolirsi ne ho uno di 5 cm e vorrei una gravidanza… a voi come è andata?

  • donatella

    io sto aspettando il secondo ciclo da quando ho finito esmya (19 settembre 2014).Il mio fibroma si è rimpicciolito del 30% e il primo ciclo è durato solo 5 giorni ed è stato molto scarso…..
    la ginecologa mi avrebbe consigliato di prendere la pillola concezionale gestodiol 30 ,ma io sono stufa di prendere ormoni e x ora ho deciso di provare a vedere come proseguono i miei cicli.Gli effetti collaterali di esmya sono diventati un po’ pesantucci gli ultimi 20 giorni della cura:
    incontinenza urinaria,dolori alla schiena e alle gambe,,caduta di capelli,umore ballerino e stanchezza ……nonostante tutto li ho superati e ho tenuto duro………e x ora ho ottenuto dei buoni risultati,soprattutto non ho dovuto affrontare nessun intervento.

    Sono felicissima che esmya sia arrivato in Italia almeno se tra un anno dovrò ripetere la cura (così mi ha detto la mia ginecologa),sarà tutto più semplice e soprattutto meno costoso.

    • ilaria

      Io l’ho fatta fine 2014con scarsi risultati,ma fortunatamente nessun effetto collaterale,tranne un po’di.mal di schiena ma solo.per qualche giorno. Rifaro’la cura alla prossima mestruazione. Spero di non.aver alcun problema e che si risolva il tutto. Qualcuno puo’dirmi se esmya fa diminuire il desiserio sessuale? E se fa avere secchezza vaginale?

  • francesca

    ciao! sono Francesca, ho preso esmya diversi mesi fa,i due fibromi rimasti si sono rimpiccioliti di 1 cm ognuno, la dottoressa dice che è un successo,io pensavo potesse andare meglio. La cosa che mi ha sorpresa è che pare che questi fibromi siano necrotici, potrei toglierli,a questo punto, ma la dottoressa mi ha detto che se voglio provare ad avere un altro bambino (non senza 100000 problemi e 10000000 rischi) vorrebbe evitare un ulteriore intervento. Ho subito un cesareo con rimozione di 9 fibromi (da 2.5 cm a 7 cm),sulla pancia ho il classico taglio orizzontale, ma l’utero è stato aperto verticalmente. A marzo ho il prossimo controllo. Ho pagato Esmya quasi 800 euro e da come dicono per me ha funzionato, forse vale la pena tentare soprattutto se acquistarla adesso è molto molto più accessibile. Gli effetti collaterali che ho avuto sono: mancanza di equilibrio, vertigini, affaticamento,quasi non riuscivo a camminare, gambe pesantissime, gonfiore, vampate a più non posso. Ecco la mia esperienza, spero vi sia d’aiuto. A presto.

  • Flavia

    Ho preso Esmya per tre mesi nella scorsa primavera per un fibroma di 5 cm. Durante la cura l’unico effetto collaterale sono state le perdite, di solito bianche, a volte un pò striate di sangue, ma tutto sommato per me tollerabili. Vampate zero, mal di testa idem. L’ansia non potrei attribuirla all’Esmya perchè a periodi l’ho avuta anche da ragazza e la colpa è solo mia che mi affanno a fare mille cose in poco tempo. Infatti se mi dò una calmata mi passa. Direi che è più colpa della situazione stressante che sto passando a causa di questi maledetti fibromi dato che il primo l’ho tolto 8 anni fa con intervento chirurgico e non volevo rifare la stessa esperienza.

    Dopo i tre mesi di cura il fibroma risultava essere di 3,7 cm, quindi rimpicciolito. Avessi potuto continuare con l’Esmya, ci avrei messo la firma.

    Purtroppo ho attaccato il Visanne subito dopo e non posso esprimermi sugli effetti riguardo al ciclo perchè dopo tre mesi di Visanne con esiti disastrosi, adesso ho riattaccato finalmente con Esmya per altri tre mesi.

    Flavia

  • Arianna

    La mia esperienza non ha purtroppo avuto l’esito sperato.. il fibroma a fine cura sembrava addirittura aumentato di volume. Per quanto riguarda gli effetti collaterali sono stati sopportabilissimi, qualche vampata, dolori alla spalla, irritazioni cutanee ecc.. ma nulla di insopportabile. Tanti auguri a chi ha appena intrapreso questa strada! Spero che per voi funzioni!

  • Patty

    Ciao a tutte, anch’io ho completato a inizio ottobre il ciclo di Esmya e il fibroma maggiore che avevo (5-6 cm) pare si sia un po’ ridotto, anche se i suoi contorni non sono più ben definiti quindi risulta difficile darne una misura precisa. Quanto agli effetti collaterali non ho avuto particolari problemi o forse lo stato di grazia dell’amenorrea per me rende sopportabile qualunque altro disturbo. Tra quelli segnalati dalle altre ragazze posso dire anch’io piccole perdite, qualche dolore muscolare e perdita di capelli, problemi che si accentuano più verso il finire della terapia, ma che per me sono stati molto blandi. Adesso non mi è ancora tornato il ciclo, ma comunque dopo una pausa farò ancora tre mesi di trattamento. Vi saprò dire nei prossimi mesi! Purtroppo per quanto ne so la mutua italiana passa soltanto due cicli di trattamento… vedremo come andrà.
    Buona giornata a tutte

    • donatella

      scusate ragazze ma esmya a voi è stato detto che si può ripetere dopo 3mesi???non capisco perché la mia ginecologa me lo farebbe fare solo tra un anno…..

      • Federica

        ciao, guarda io so che si possono fare solo due cicli da tre mesi con esmya… e che bisogna rimettersi in forma e in riga con i cicli regolari… però non so in che termini di tempo…

        • anna

          Io non l ho pagato, … perchè devi farti fare un piano terapeutico dal tuo ginecologo, in questo modo te lo dispensa completamente l’azienda sanitaria. Io ho fatto un solo ciclo però di tre mesi, poi ho sospeso. Un altro ginecoloco che mi sta seguendo non è daccordo. Purtroppo ho cambiato tre ginecologhi … povere noi.. cmq un consiglio: sentite più pareri, e non fermatevi al primo, possibilmente, a meno che non siate già super stra convinte della competenza e preparazione del vostro ginecologo sulla questione. A me inizialmente era stato detto che il mio fiboma si poteva solo asportare con il taglio, metodo invasivo, poi un altro ginecologo in seguito mi ha detto che può essere asportato in laparoscopia o isteroscopia, molto meno invasivo…
          faccio tanti auguri a tutte le donne che combattono come me per questo problema.
          ciao. anna

          • Maria

            Grazie a tutte dei consigli !
            Purtroppo per me ,la strada è ormai segnata.
            Dopo l’ennesima corsa all’ospedale per forte emorragia, aspetto solo l’esito della biopsia. Si deve togliere tutto….

          • Cara Maria,
            hai avuto l’esito che attendevi? Perhcè l’unica soluzione è l’isterectomia? Scrivimi in privato così mi racconti bene! Non arrenderti, che un piano B c’è sempre!

  • Monia

    Ciao a tutte, anche per me , come per Arianna, l’esperienza di Esmya non ha portato i risultati sperati. I miei fibroma sono risultati ingranditi nonostante tutto. Sono rimasta delusa dall’esperienza , visto il mancato risultato, soprattutto perchè ho avuto diversi effetti collaterali sgradevoli. Sbalzi d’umore molto evidenti, pesantezza all’addome, vampate di calore, ma soprattutto giramenti di capo e vertigini quasi continue…(qualche perdita ma nulla di importante). Non so se ripeterò la cura…per ora in bocca al lupo alle ragazze che lo stanno prendendo! con tutto il cuore davvero!

  • Arianna

    A me avevano detto che si poteva ripetere il ciclo di terapia dopo sei mesi di pausa.. Comunque credo sia importante valutare anche i rischi benefici.. è un farmaco tutt’altro che blando ed è importante avere comunque un piano d’attacco una volta finite le cure altrimenti il maledetto si riforma.. se non capiscono che scompensi provocano la loro formazione non ci sono terapie che tengano purtroppo. Il mio consiglio è di trovare professionisti che vadano a fondo per capire e non consiglino solo terapie volte a risolvere il problema nel presente. Un bacio a tutte!

  • Federica

    samy ciao, so che non è contraccettivo…però non so che dirti con certezza!
    una domanda: ma voi sapete se si può prendere tipo la Tachipirina mentre si prende Esmya? ne avrei bisogno ma non so se rischio qualcosa…

  • consuelo

    Buongiorno a tutte, sto continuando anch’io con Esmya, sto finendo la prima confezione ed avendo l’intervento di isteroscopia programmato per il 10 dicembre p.v. dovrò prendere anche la seconda scatola. Purtroppo nel mio caso serve solamente a far ridurre quel maledetto per poter effettuare l’intervento (il terzo….)quindi non posso dire se si è ridotto di volume dopo l’intervento saprò…..per gli effetti collaterali sono sopportabili però non vorrei parlare troppo presto visto che ne dovrò prendere un’altra scatola….cmq spero che l’intervento venga eseguito nel migliore modo possibile mi affido alla preghiera e alla fede perchè non mi resta altro che sperare……
    un abbraccio a tutte grazie ciao consuelo

  • emanuela

    Vorrei un vostro aìut
    io cinque anni fà sono stata operata per miomi e da allora ho l utero fibromotoso con ciclo abbondante ma nessun fibroma grande.il mio ginecologo mi vuole far prendere esmya per diminuire il ciclo.secondo voi funziona per far diminuire il ciclo? Io fibromi grandi non ne hò

    • Ciao Maggie. Durante i 3 mesi di terapia con Esmya il ciclo si interromperà completamente. Dopo dipenderà dall’effetto che ha avuto Esmya. Probabilmente il tuo ginecologo pensa che se Esmya riuscirà a ridurre il seppur piccolo volume dei tuoi fibromi il tuo ciclo potrà tornare normale.

  • donatella

    ciao emanuela ,la mia ginecologa mi ha detto che certi fibromi anche se piccoli (per intenderci anche di soli 2 cm.) e soprattutto quelli sottomucosi ,possono darti mestruazioni abbondanti…….quindi non è solo la grandezza dei fibromi ma anche la loro posizione a rendere le mestruazioni emorragiche.Il mio infatti è sottomucoso e mi ha creato questi problemi……
    Il trattamento con esmya che ho terminato 4 mesi fa,x ora, sembra aver risolto il problema nel senso che non ho avuto più cicli troppo abbondanti.
    Prendilo tranquillamente mi sembra giusta la valutazione del tuo ginecologo

  • Roberta Landi

    Ciao, io ho iniziato la prima confezione di Esmya da pochi giorni: dopo solo tre pastiglie ho avute perdite con emorragie e coaguli. Sono demoralizzata.

  • michelle

    RAGAZZE io finiro’ esmya il 12 gennaio dopo di che devo aspettare l’intervendo quindi mi domandavo se non mi chiamano subito e mi torna il ciclo ………mi possono operare con ciclo o ti chiedono quando dovrebbe arrivare? Gia’ e’ tutto nuovo per me sarebbe troooopppo imbarazzante avere il ciclo e ti fanno pure spogliare nooooooo al prericovero non dovrebbero fare visite li giusto???

    grazie mille ragazze baci miky

    • Di solito quando ti chiamano dall’ospedale per fissare la data dell’intervento si informano sul tuo ciclo mestruale. In ogni caso se per qualche motivo (ritardo o anticipo) il giorno dell’intervento tu dovessi avere il ciclo non succede nulla. Gli slip li togli poco prima di entrare in sala operatoria e quando esci comunque hai l’assorbente, quindi non succede nulla. Io avevo il ciclo durante il mio primo intervento di laparotomia.
      Durante il prericovero vengono effettuati solo analisi del sangue, radiografia al torace e colloquio con l’anestesista.

      • michelle

        Ciao ragazze sono ancora qui a disturbarvi oramai sono passati 4 mesi da quando mi hanno operata volevo sapere se è normale avvertire ancora dei piccoli dolori interni nel passo ventre e negli angoli dove in teoria hanno asportato il fibroma .Voi dopo quanto non avete piu’ avvertito nessun dolore?grazie mille un bacio Miky

  • Daniela

    Ciao a tutte, il 6 Febbraio ho terminato i 3 mesi di ESMYA la settimna scorsa ho fatto la visita…purtroppo è sempre lì non si è rimpicciolito neanche di un millimetro, per ora ancora mi sono tornate a voi in media dopo quanti giorni è tornato il ciclo???
    grazie :*

  • michelle

    Ciao Daniela ha me il medico mi ha detto che il ciclo dovrebbe tornare il mese successivo da quando finisci la scatola ma che per tre mesi si ha la possibilita’
    che sia scarso a volte inesistente dipende da persona a persona. il mio è diminuito di 3 cm perchè probabilmente è da molto che cè l’ho meglio di niente ………Il 3 febbraio mi operano sono molto preoccupata ho paura anche se leggendo le varie testimonianze qui un pò mi rasserena mi sa che alla fine è piu’ la paura certo non sara’ una passeggiata ma di sicuro ho ansia e paura in eccesso .
    Daniela tu quanto vieni operata?
    un’abbraccio
    miky

    • Daniela

      Ciao Michelle,
      il mi fibroma è di 3 cm ce l’ho da un anno e mi porta flusso abbondante e forti dolori, il ginecologo mi ha detto che per ora non vuole operarmi lo temiamo sotto controllo e vediamo :/
      Non ho ancora figlie e spero prima o poi di averne e questo “coso” un po mi preoccupa.
      qualcuno ha avuto gravidanze dopo esmya?
      Tu stai tranquilla 🙂 andrà tutto bene :* ovviamente è un intervento quindi è normale avere paura.
      Un bacio

  • Anty

    Domani farò il controllo mancano solo 7 pasticche x finire la cura e finalmente vedrò se da 4,9 cm un pò è diminuito e se l’altro da 1,8 cm è sparito… la mia ginecologa mi diceva che per 6 mesi dopo la cura il fibroma non dovrebbe crescere quindi mi domandavo si potrebbe provare ad avere una gravidanza in questo periodo di tempo?! a qualcuna di voi è stata detta la stessa cosa o avuto una gravidanza appena interrotta la cura?!La paura di perdere un bimbo al 4/5 mese di gravidanza mi attanaglia!!!!! Effetti collaterali pochi diciamo solo un pò di palpitazioni queste ultime 2 settimane tipo ansia per il resto kg e capelli nella norma… Ho una gran paura che domani mi dicano non è diminuito affatto speriamo di no ragazze… quanto vorrei riaverlo di 2 cm piccolino piccolino.

    • Fulvia

      Io ho la visita venerdì 20, sono al secondo ciclo di Esmya. Il primo era andato bene, 1,5 cm in meno, poi col Visanne ebbi delle forti emorragie e poi ho ripreso con Esmya. Anche io effetti collaterali pochi e trascurabili.

      • nadiagir

        Ciao Fulvia.. Anche il mio mioma, dopo il primo ciclo di cura, si è ridotto di 1,5 cm. A giorni dovrei iniziare il secondo ciclo. A te come è andata?? Hai avuto gli stessi risultati??

  • MIKY

    Ciao Anty
    io sono stata operata il 3 febbraio 2015 prima avevo fatto la cura di esmya per 3 mesi e da 15 cm che era il giorno dell’intervento era 9,9 cm sempre grosso ma 5 cm in meno

      • MIKY

        ciao io mi sono operata al policlinico a Ponte san pietro provincia di bg …….male direi sopportabile era più’ la paura (gli infermieri ed i medici sono stati tt gentili) poi il disagio nel capire che il corpo non riprende in un giorno, sono passati 15 gg e sono ancora molto debole e mi stanco subito sento strani dolori all’addome e a volte brucia la ferita mi sa che per riprendere la routine ci
        vorra’ ancora del tempo anche se lunedì’ provo a riprendere a lavorare .

    • MIKY

      Nicky io avevo una paura tremenda se leggi i miei post passati puoi capire come stavo psicologicamente pero’ penso che sia inutile rimandare guarda il lato positivo ora il tempo non è un granche’ se ti operano ora ad aprile sei già’ in forma se rimandi continuamente fai come me che si ingrossa (15 cm io) e poi l’intervento e’ più’ invasivo …….su fatti coraggio non rimandare

    • MIKY

      allora il primo giorno mi hanno ricoverata la mattina fatto visita e poi basta in giornata ho mangiato e bevuto unica cosa che mi han dato delle bustine (3)per farmi scaricare almeno pulisci l’intestino dalla mezza notte digiuno martedì’ mattina ero la seconda alle 9 mi han portato camice fatto doccia e poi indossato sto camice blu co sotto nulla alle 10 mi hanno portato nella sale pre operatoria messo l’epidurale( per alleviare i dolori in seguito ) ha fatto un po’ male ma mi facevano parlare per distrarmi e tt sommato non ha fatto malissimo poi per 10 minuti mi hanno fatto parlare del più’ e del meno e mi han spiegato che essendo allergica all’uovo per l’anestesia totale dovevano usare mascherina col gas e che avrei sentito un’odorino un po’ sgradevole li mi ricordo solo che ho detto la mascherina non la voglio mi fa vomitare me l’hanno tolta e …………. da li ho dormito …….mi sono svegliata con una carezza del medico in sala operatoria e poi mi ricordo di essere in stanza con mia mamma e il mio compagno un po’ intontita ma pian piano mi so svegliata ed ero super limpida allegra oramai il peggio era andato…………. per 2 gg avevo la parte destra addormenta dalla vita in giu’ mi han detto che era dovuto all’epidurale che avevo nella schiena poi mi han tolto catetare e fatto sedere sul letto ecco la prima vlt mi girava tutto sudavo stavo male pochi minuti e mi han fatto sdraiare ….giovedi’ mi sono impegnata volevo andare in bagno sola e pian piano cè l’ho fatta il pomeriggio qualche giretto breve nel corridoio e venerdì visita’ interna per vedere i punti interni e nel pomeriggio mi han mandato a casa …..mangiare dal giorno dopo dell’intervento anche se io ho digiunato per 5 gg la minestrina era schifosaaaaaaa ho recuperato a casa a casa la prima sett è un po’ difficile camminare poi pian piano si migliora io ora metto una panciera che mi aiuta un po’ e cerco di stare tanto a riposo

      • nicky

        il mio e di 11cm… io rifiuto l epidurale..per mangiare io porto via un po d cose da casa so che non si puo ma…..io ho paura del male dopo… d non riuscire fare niente

  • Nadia

    Ciao. Io ho terminato il primo ciclo di 3 mesi e il mio mioma è diminuito di un solo cm… quindi è ancora una palla di 6 cm. La ginecologa mi dice di fare un altro ciclo di Esmya tra 2 mesi. Qualcuna di voi ha avuto risultati più incoraggianti dal secondo ciclo di cura???

  • anna

    Ciao. Io dovrò operarmi a breve. Ho fatto un primo ciclo di esmya da tre mesi, e il fibroma si è ridotto di 1 cm. (adesso 4 cm). All’inizio del trattamento sn stata malissimo, dolori lancinanti ed emoraggie. Anche a metà trattamento ho avuto delle emorragie. Sono dovuta ricorrere al tranex, un antiemorragico. Ora nn farò il secondo trattamento di esmya, ma mi opero subito. Però sto aspettando il ciclo, e nn arriva ancora, altrimenti nn mi posso operare mi ha detto il ginecoloco. Ho finito il trattamento il 20 febbraio e ancora niente.. l operazione sarebbe prevista per il 20 marzo, ma se non arriva il ciclo probabilmente sarà rinviato. Sapete dirmi a voi dopo quanto tempo è arrivato il ciclo, finito il primo trattamento con esmya? per me è importante saperlo.. grazie. In bocca a lupo a tutte. Anna

    • Ciao Anna,
      mi ricordo che a me il ciclo è arrivato 7 o 8 giorni dopo la fine del trattamento con esmya, però credo che per ognuna sia diverso. Cerca di stare serena sennò magari non ti viene per l’ansia! In bocca al lupo e facci sapere!

      • anna

        grazie mille ele.. allora speriamo arrivi al più presto.. anche perchè a causa di questo problema mi sn bloccata anche con il lavoro.. quindi ansia su ansia.. nn vorrei proprio dover ritardare ancora l’operazione.. a presto 🙂

  • Patty

    Ciao a tutte, io ho a fine gennaio finito il secondo ciclo con Esmya. Durante l’assunzione amenorrea e effetti collaterali trascurabili. Il fibroma non si e ridotto in maniera significativa e dopo 3 settimane dalla fine mi è ricominciato il solito ciclo emorragico. Quindi che dire… per me funziona come palliativo ma di sicuro non è risolutiva! Adesso infatti sto valutando altre opzioni.
    Buona giornata a tutte!

  • anna

    volevo chiedere un’altra cosa: A COLORO CHE SI SONO OPERATE (io farò l’intervento tramite laparoscopia o isteroscopia, voi?) … dalla fine del trattamento con esmya al giorno dell’intervento quanto tempo è passato? grazie.. e complimenti per il blog, è utile e confortante confrontarsi on altre donne che hanno il tuo stesso problema.. un bacio a tutte

    • michelle

      Ciao
      io sono stata operata in laparatomia esmya l’ho assunto sino al 21 di gennaio e sono stata operata il 3 di marzo il ciclo è arrivato puntuale il 7 di febbraio mischiato con un pò di perdite dovute all’intervento

      un bacio
      Miky

      • Anna

        ti è arrivato prima che passasse un mese.. certo da donna a donna cambiano i tempi. Io avrei il prericovero giorno 18, ma del ciclo ancora niente. Se nn arriva dovrò rinviare… Cmq speriamo arrivi al più presto anche a me. Grazie .. ciao! 🙂

  • Anty

    A detta della mia ginecologa per 6 mesi rimane in corpo l’effetto di Esmya e siccome il mio è diventato 4 cm mi ha consigliato di provare ad avere una gravidanza…mi ha anche detto che di solito i fibromi crescono maggiormente i primi mesi di gestazione… Forse per questo motivo non fanno iniziare subito il secondo ciclo di cura…La ginecologa mi ha detto inoltre che avendo un utero fibromatoso se mi operassi dovrei aspettare un anno e rischiare che i mostriciattoli ritornino…spero inoltre di poterli rimuovere con cesareo(qualcuna li ha tolti durante il parto)… speriamo che vada tutto per il meglio,il rischio potrebbe essere mi hanno detto contrazioni prima del tempo e parto prima del tempo con cesareo…nel frattempo sono in contatto con l’Aquila per vedere se posso fare gli ultrasuoni focalizzati…È da quando ho 24 anni che combatto con questo fibroma ma x mia esperienza finché prendevo la pillola anticoncezionale non mi si è ingrandito di un millimetro fortunatamente!!!Comunque grazie Esmya e alla ginecologa continuo a sperare fiduciosa…

  • Daniela

    Qualcuna ha avuto gravidanze dopo il trattamento con esmya o cmq con un fibroma, ancora non ho figli e vorrei conoscere le vostre esperienze cosiì per farmi un’idea. Ho un fibroma intramurale di 3 cm e con 3 mesi di esmya non si è ridotto per niente 🙁

  • maddalena

    Ciao a tutte! Ciao Ele, non so se ti ricordi di me! Io mi sono operata in laparotomia un anno fa (era l’8 aprile) mi tolsero 5 fibromi; uno era quasi di 8 cm e gli altri di circa 1 cm. Ieri sono andata a fare un’eco di controllo e mi hanno trovato un nuovo maledetto di 1,8cm. Stavo leggendo cose interessanti su questa Esmya e ho letto che anche tu Ele l’hai presa, ma ti sentiresti di consigliarla?

    Nel frattempo grazie e ciao a tutte

    • Claudia

      Ciao Maddalena, mi chiamo Claudia, sto assumendo esmya, tra pochi giorni finisco la cura. Se vuoi leggere il mio commento postato sulla storia di Nadia, capirai che io sono soddisfattissima dei risultati soprattutto considerando che ho avuto zero effetti collaterali ed il mio fibroma da 8/9 cm dopo due mesi è diventato 5 cm. Certo è che non funziona per tutte le donne nella stessa maniera e forse è più efficace su fibromi “grandi”……il tuo x ora è piccolino, xchè non provi ad arrestarne la crescita con l’omeopatia e a tenerlo sotto controllo x un pò? Ti dà già dei sintomi?

      • maddalena

        Ciao Claudia, grazie della tua risposta. l’omeopatia è qualcosa a cui ho pensato anche io, ma non so a chi rivolgermi, conosci qualcuno di veramente valido magari a Milano?

    • Cara Maddalena,
      certo che mi ricordo di te! Mi spiace molto che il tuo maledetto sia tornato .. E’ successo anche a me, per ben due volte, perciò ti dico (anzi ti urlo!!) di non arrenderti.
      Esmya per me non ha funzionato però per molte altre ragazze è state risolutiva, perciò metti sulla bilancia rischio di insuccesso ed effetti collaterali e prendi la tua decisione. E questo è il consiglio “oggettivo”.
      Quello “soggettivo”, mio personale, è di evitare 3 mesi di ormoni e togliere subito (prima che cresca!) il maledetto in isteroscopia. E’ così piccolo che puoi toglierlo con un itervento rapido, indolore e per nulla invasivo. E dopo un paio d’ore esci dall’ospedale e non ci pensi più (con Esmya dovresti invece passare tre mesi a sperare..).
      Fammi sapere come va mi raccomando! E in ogni caso in bocca al lupo.

  • Claudia

    Purtroppo non ti so aiutare, io sono Toscana e nella mia città visita la dott.ssa Maria Alessandra Panozzo, ha anche un sito “ginecologiaomeopatica.it” e ha scritto diversi libri…….in un momento di sconforto totale le ho scritto e lei mi ha risposto dicendo appunto che l’omeopatia è molto efficace nel controllo della crescita dei fibromi e può agire anche sui sintomi. Io penso di rivolgermi a lei alla fine del secondo ciclo di esmya. Anche l’agopuntura può funzionare, certo è che x mesi io ho vagato nel buio più totale….la medicina ufficiale non crede a quella alternativa e il mio ginecologo si metteva a ridere quando chiedevo un suo parere sull’argomento. Alla fine dobbiamo valutare noi quello che ci fa stare bene, tentare, non arrendersi……io credo che conti anche l’alimentazione e lo stile di vita.

    • maddalena

      Sono d’accordo con te su tutta la linea, io mi curo con l’oscillococcinum e non prendo mi l’influenza quindi credo che l’approccio omeopatico possa funzionare! Contatterò questa dottoressa e anzi grazie dell’info… per quanto riguarda l’alimentazione sono abbastanza d’accordo; io non mangio quasi per nulla carne e cerco di evitare i latticini, ma non ascoltate quello che dice Vaccaro: ho visto che Ele lo ha intervistato e mi sono un po’ stupita..è un ciarlatano!!!!!

  • claudia

    Cercando in rete resti spiazzata dalla marea di “rimedi” che vengono consigliati contro i fibromi, fitoterapia, medicina cinese, dieta zona, argilla verde, aloe, dieta del gruppo sanguigno, digiuno terapeutico…..ho cercato di dare un senso a tutto quello che avevo letto e indirizzarmi su poche cose alla volta, con un pò di buonsenso: una regolatina alla dieta, qualche integratore e poi esmya che per me è stata un toccasana. Certo che se ne parlassi con un agopuntore o un omeopata non approverebbe certa questa cura. Ho parlato a lungo con un agopuntore,ero indecisa se cominciare una serie di sedute o no, alla fine ho desistito perchè mentre io avevo cicli infiniti ed ero distrutta dall’anemia, lui continuava a ripetermi che il ciclo fa bene alle donne, che era contro i medicinali che lo sopprimono forzatamente e che mi augurava di andare in menopausa il più tardi possibile! Ti auguro il meglio, ma sono sicura che troverai la strada per bloccarlo!

    • maddalena

      Vorrei provare anche l’omeopatia infatti! il fatto è che ho 36 anni non ho figli, ma li desidero tantissimo e l’idea di finire di nuovo sotto i ferri mi terrorizza! Ora però so che posso agire tempestivamente grazie anche a questo blog super-utile! Grazie Claudia delle preziose info auguro il meglio anche a te!

    • Esatto, l’intervista non c’è ancora! E pare proprio che l’intolleranza al lattosio o al glutine (come nel mio caso) siano collegate all’insorgenza dei fibromi. Qualcuna ha altre informazioni o testimonianze su questa questione?

  • dico anche io la mia! ho 23 anni, ho scoperto di avere il fibroma un anno fa. era già voluminoso, ho fatto diverse ecografie e il mostriciattolo si aggirava attorno ai 10×9\10×8 cm. era nella parete posteriore dell’utero. Dopo parecchi mesi di malintesi con l’ospedale, di rimandi, di negligenza un po’ mia un po’ dei medici e varie coincidenze sfortunate, mi sono rivolta ad un nuovo ginecologo che mi ha prescritto Esmya prima dell’intervento. quindi ho iniziato a prendere il farmaco a gennaio. Primo mese: qualche effetto collaterale relativamente sopportabile, diciamo più che altro che è stato l’umore a risentire degli ormoni, ma ho continuato fiduciosa. alla fine del secondo mese, con ancora più effetti collaterali registrati, ho fatto l’ecografia per vedere se almeno un minimo mi stesse aiutando. ebbene, 11×9 cm (quindi addirittura ingrandito ?!). Mi consigliano di continuare sino alla fine, perchè magari avrebbe fatto effetto nell’ultimo periodo. a metà del terzo mese, oltre ai già collaudati effetti collaterali, si sono aggiunti dolori pelvici, dolori lombari, astenia (ore otto di sera a letto), febbre (solo di notte, quindi panico perchè mi sono convinta di avere qualche infezione). Decido di andare in ospedale con la ferma intenzione di non prendere mai più nemmeno mezza pastichetta. Sospendo il farmaco e mi fissano l’intervento entro 20 giorni più o meno. Il 28 aprile mi hanno finalmente operato. Anestesia totale, Laparotomia. per fortuna era sottosieroso perciò il tutto è stato abbastanza semplice e sereno. é durato un’ora e il mostro era di ben 12 cm. dolori gestibili, tanta fortuna, dimessa in terza giornata e ora sono serena e felice. buona fortuna a tutte ragazze <3

  • Ilaria

    Dopo due mesi di terapia con Esmya senza effetti collaterali (neanche l’amenorrea!) ho fatto ieri un’ecografia di controllo dal mio ginecologo. Dunque, il mio mioma, intramurale e in parte sottomucoso di circa 3cm e mezzo, si è ridotto di pochi millimetri (35 x 6 ) ma in compenso appare al color doppler molto meno vascolarizzato. Secondo il gine questo è un buon risultato perché ora appare più “floscio” ed è come se i vasi che lo nutrivano (ed erano tantissimi, vedevo anche io di solito sul monitor una grossa macchia colorata) si fossero ischemizzati. Che dire, io mi aspettavo qualcosina in più ma per ora mi accontento e vado avanti con il terzo mese. Il mio obiettivo è evitare l’intervento e provare ad avere una gravidanza entro i prossimi sei mesi. Speriamo bene!

  • stefania

    Carissime ho finito la mia prima terapia con esmya devo dire che gli effetti collaterali non sono stati così catastrofci (qualche vampata e un pò di stanchezza serale) Ho fatto il controllo dal ginecologo la scorsa settimana i fibromi si sono ridotti e sono meno vascolarizzati, l’utero si è ridotto di dimensione e la superficie è molto più liscia ed omogenea. Il ginecologo ha detto che sono recettiva al farmaco e di stare tranquilla poiche l’ Ulipristal acetato agisce come moderatore selettivo e inibitore del recettore del progesterone e quindi non provoca gli stessi effetti collaterali degli antagonisti delle gonadotropine che ti inducevano una vera menopausa chimica. Sto aspettando che mi ritorni il ciclo per iniziare un nuovo ciclo di Esmya. un abbraccio a tutte

  • Claudia

    Ciao Stefania, siamo nella stessa identica situazione……finita la terapia il 30/04, il ciclo mi è tornato il 20/05, normalissimo in quantità e durata, com’era una volta, che bellezza!!! Adesso aspetto il secondo ciclo per iniziare di nuovo esmya, ne avrò fino a settembre….Il mio gine è soddisfattissimo dei risultati ottenuti e x questo mi ha prospettato di ripetere la cura, anche xchè non ho avuto effetti collaterali. Ho delle perplessità x il dopo cura, so che l’effetto di esmya dura per circa 6 mesi, il mio gine mi ha parlato addirittura di un anno, ok, ma poi? Tu che farai dopo?

    • stefania

      cara claudia il mio ginecologo mi ha accennato di ripetere anche un altro ciclo di esmya staremo a vedere…In bocca al lupo e restiamo in contatto

  • claudia

    non sapevo si potesse fare un altro ciclo, il mio dott mi ha parlato di due terapie a distanza di due cicli mestruali e stop! ma quanto sono poco informati questi dottori su questo farmaco? in bocca al lupo anche a te, fammi sapere!!!

  • claudia

    di nulla stefania, io ho un pò di timore nell’affrontare cicli a lungo termine, mi sembra che i dottori prescrivano farmaci come fosse acqua fresca, tanto le “cavie” siamo noi e chissene…..forse è una mia impressione, ma in fondo si tratta di un farmaco abbastanza nuovo….il tuo ginecologo ha già avuto esperienze di donne trattate con esmya? Per quanto riguarda il mio, credo proprio di essere la sua prima paziente che affronta questo tipo di cura……

  • claudia

    domandina per chi intende effettuare un secondo ciclo di esmya…..io ho avuto le prime mestruazioni post terapia, durate tre giorni e molto leggere. Al sesto giorno si sono presentate delle perdite più scure e molto scarse, il mio dott ha detto che è normale, il corpo deve riprendere il ritmo naturale e l’ovulazione deve ripartire (ho anche avvertito dei doloretti alle ovaie)…adesso leggo su internet che il primo ciclo dopo esmya è da considerare “da sospensione” e in realtà il ciclo mestruale naturale sarebbe il prossimo. Premesso che devo rivedere il mio dottore e chiederò delucidazioni a lui, ma intanto mi chiedo (e VI chiedo) quando dovrei ripartire con esmya, al terzo ciclo mestruale? voi come avete fatto?

    • stefania

      ciao claudia, il mio ginecologo è di poco parole quindi non mi ha detto se ha seguito altri casi trattati con esmya. Lui mi aveva detto di cominciare subito ma non ho fatto in tempo a fare il piano terapeutico e quindi mi prendo un mese sabbatico e comincio il mese prossimo. il ciclo mi è arrivato domenica sera è stato un pochino abbondante il primo giorno e cmq mi è quasi terminato. Prima della cura era molto abbondante e dura una settimana nonostante stessi sotto pillola. Tocca predisporre l’animo a questo nuovo ciclo di esmya.
      un abbraccio

    • stefania

      si claudia mi aveva detto di cominciare subito ma non ho fatto in tempo a organizzarmi con il piano terapeutico quindi ho rimandato di un mese

    • Cara Virginia, mi spiace che Esmya non abbia funzionato. Anche per me la terapia con Esmya non è stata risolutiva e il mio fibroma non è minimamente diminuito. Tante ragazze però mi raccontano di aver avuto concreti risultati, tanto che alcune stanno facendo anche un secondo ciclo di terapia. Non definirei quindi Esmya una truffa.

    • stefania

      non tutte sono recettive a quel tipo di farmaco io fortunatamente si è fra meno di un mese dovrò iniziare una nuova cura. Per quanto riguarda la mia situazione oltre a ridursi la dimensione dei fibromi si è anche ridotta la dimensione dell’utero che a causa dei numerosi fibromi si stava allargando sia in larghezza che in lunghezza

  • Claudia

    Essendo un pò paranoica, prima di iniziare la cura mi sono letta diversi forum inglesi (in Italia l’uso del farmaco è quasi all’inizio ma fuori giá molte donne hanno sperimentato la cura, già da qualche anno)……c’erano commenti entusiastici di donne che hanno avuto riduzioni anche del 50, 70 % , altre che hanno dovuto interrompere la cura x gli effetti collaterali, altre ancora che non hanno ottenuto nulla…..ma quei commenti positivi mi hanno spinto a provarci ed anche io ho ottenuto dei risultati tanto che a breve comincerò altri tre mesi di esmya

  • Ilaria

    Ciao tutte,
    ho fatto la visita di controllo dopo i tre mesi di Esmya. I risultati, a dire del ginecologo, sono stati buoni: il mioma principale è passato da 35 x 28 mm a 26,5 x 18 mm, dunque è diminuito di circa 1 centimetro ed appare meno vascolarizzato. In generale è migliorato anche l’aspetto complessivo dell’utero e la sua silhouette; il tessuto sembra più liscio, considerato che prima aveva l’aspetto caratteristico dell’utero fibromiomatoso. Secondo il gine, più di questo non ci si poteva aspettare.. Mi ha invitato a cercare al più presto, già dopo la prossima mestruazione, la gravidanza tanto desiderata per sfruttare il più possibile l'”effetto Esmya” perché secondo lui, il farmaco dovrebbe un po’ servire a rallentare la crescita dei fibromi anche durante l’eventuale dolce attesa, considerato che nel primo trimestre di solito le loro dimensioni aumentano parecchio. Complessivamente il mio giudizio è positivo, gli effetti collaterali non si sono fatti sentire e il risultato è almeno apprezzabile.

  • claudia

    ciao, pochi giorni fa ho fatto l’ennesima visita di controllo, il mio dott voleva valutare la situazione dopo il primo ciclo mestruale post terapia con esmya. Mi aveva detto che se i fibromi fossero rimasti stabili nelle dimensioni o addirittura ulteriormente diminuiti, lui avrebbe senz’altro consigliato un ulteriore ciclo di tre mesi di esmya. Il fibroma di 5 cm sembra essersi rimpicciolito, adesso è tra 4 e 5 cm circa, mentre l’altro (che lui non considera minimamente) è sempre 3 cm. In settimana andrò a fare un nuovo piano terapeutico per cominciare di nuovo la cura. Il dott mi ha detto che spesso con il secondo ciclo si hanno risultati migliori del primo…..

    • stefania

      ciao a tutte anche io l’ultima settimana dii giugno inizierò un nuovo ciclo di esmya con il primo ciclo alcuni fibromi si sono ridotti anche del 50% e la cura non mi ha provocato effetti collaterali un abbraccio a tutte e buona fortuna

  • claudia

    ciao Stefania, cominciamo il secondo ciclo quasi in contemporanea!! Anche i miei risultati sono stati buoni durante la prima terapia (da circa 9 cm a 5,25 cm), ma quello che mi ha stupito è che secondo il mio dott il fibroma è rimpicciolito anche dopo la fine della cura (io ho finito esmya il 30/04)….in un primo momento la sua richiesta di rivedermi per un controllo mi aveva un pò allarmato, magari voleva vedere se era ricresciuto (come ho letto in alcuni forum)…cmq a volte resto perplessa da queste misurazioni, visto che a seconda dell’operatore, della macchina, del momento del ciclo in cui si fa l’ecografia, anche le misure possono variare…soprattutto rispetto, ad esempio, ad una risonanza con mdc. Cmq aspetto fiduciosa il ciclo mestruale e riparto!

    • Ornella

      Scusa ti posso chiedere una delucidazione? Le compresse in ciascuna scatola sono 28 se devo prenderne una al giorno per due mesi devo comprare 4 scatole per arrivare a 90? La riduzione è definitiva?

      • Bea

        Ornella, no: devi prendere 3 scatole. Chi ti ha detto che devi arrivare a 90 pillole? Al di là del fatto che esistono mesi di 28 giorni, mesi di 30 e mesi di 31 (quindi non ho capito il senso del tuo conteggio), la terapia prevede un ciclo di tre scatole, quindi 28+28+28. Ne sono sicura al 100% perché ho fatto già la terapia, ho avuto tra le mani le ricette mediche e lì sopra si parla di tre scatole, non di tre mesi. Spero di essere stata chiara, ti ho risposto anche altrove, come ho risposto ad altre persone che avevano lo stesso dubbio. TRE SCATOLE!

    • Bea

      Ciao Ornella, a me pare non sia andata benissimo: sembrava ridotto dopo i primi tre mesi, ma dopo il secondo ciclo invece mi hanno detto che non ci sono state variazioni. Si sono invece ridotte le cisti ovariche che avevo abbondanti e grosse (solo la più grossa si vede ancora, ma dimezzata)… non è però detto che per le cisti sia merito di esmya, visto che a volte le cisti se ne vanno da sole e basta. Di sicuro durante esmya sono stata molto bene, senza effetti collaterali e senza mestruo (quindi senza dolore e perdite). Mi hanno detto che il fibroma dovrebbe non crescere più per qualche mese o forse del tutto. Dovrò essere operata e pare non abbiano fretta. Io invece ne ho e quindi ho appuntamento con due diversi chirurghi, per capire che tipo di operazione, quando e con che esito.

      • Ornella

        Scusa ma è comunque necessario l’intervento nel tuo caso? Perché se si è comunque ridotto e non dovrebbe ri crescere più perché ti devi operare ? Io eviterei l’operazioni e e monitorerei solo il fibroma

          • Ornella

            Se vuoi un figlio ti consiglio quello che dissero a ne. Fai prima il figlio e dopo togli i fibromi. I fibromi non interferiscono con un’eventuale gravidanza e si possono togliere con il cesareo. Io ho un fibroma intramurale di 8 cm mi hanno dato la cura per farlo ridurre per provare una gravidanza. Pensaci.

          • Bea

            A me hanno detto che è troppo grosso perché ci stia anche un bambino nel mio utero (sempre che riesca a impiantarsi qualcosa, visto che non c’è spazio…). Considera che il mio è superiore ai tuoi 8 e non ho possibilità di tentare ancora terapie, dopo avere fatto due cicli (il secondo inutile). A breve ricomincerà forse a crescere, in gravidanza di sicuro crescerebbe. Mi hanno assolutamente sconsigliato – tutti i medici – di restare incinta ora. Ho un’amica che ha dovuto abortire causa fibroma cresciuto fino a 12 durante la gravidanza: aveva deformato il bambino… Probabilmente il tuo ginecologo punta al fatto che il tuo fibroma di 8 si riduca e che poi resti ridotto sotto l’effetto del farmaco, per il tempo necessario o almeno buona parte. Ma per me il farmaco non ha funzionato a sufficienza e niente mi assicura che ora non stia ricrescendo… comunque è troppo grosso.

          • Ilaria

            Confermo che è tutto molto soggettivo e che bisogna affidarsi ad un ginecologo scrupoloso. I miei fibromi non erano grandissimi ( 3cm il maggiore) ma, nonostante la cura con Esmya, durante la gravidanza sono raddoppiati. Ora sono alla 32esima settimana di gravidanza e il mahgiore è quasi 9 cm e il bambino sta bene ma comunque si è dovuto adattare ad uno spazio non confortevole ed è incastrato in posizione da acrobata. In più c’è comunque il rischio di parto prematuro. Insomma, ogni caso è a sé, non è possibile fare paragoni.

          • Ornella

            Scusate un chiarimento l’esmya può portare mal di schiena? Nello specifico sciatalgia? Perché la sto prendendo da una decina di giorni e finora non ho avuto problemi ma da ieri ho iniziato ad avvertire un dolore alla parte bassa della schiena tipo sciatalgia e vorrei capire se è l’effetto del farmaco oppure no

      • claudia

        Ciao Emilia, si, può capitare. Nei primi tre mesi di terapia ho avuto amenorrea totale, durante il secondo ciclo di Esmya ho avuto il ciclo mentre prendevo la terza scatola di pasticche…il mio ginecologo mi disse che poteva succedere perchè anche nel bugiardino non è assicurata l’amenorrea…e aggiunse, chiaramente, di controllare quantità e durata del flusso. Il mio fu scarso e durò circa 4-5 giorni

      • ga

        Ciao. Vorrei rispondere ad Ornella rispetto al dolore sciatalgico che avverte. sto assumendo Esmya da un mese e avverto anche io dolore in corrispondenza della zona lombare-glutea destra, inguine destro e arto inferiore omolaterale. Invero questo dolore mi spaventa molto e non so se può essere riconducibile alla terapia ormonale, ma leggendo Ornella un pò mi rincuoro… non sono la sola ad avvertire questo strano dolore!!! Cara Ornella saresti così gentile da spiegarmi bene cosa senti, com é il tuo dolore? Grazie mille

        • Ornella

          Ciao ga allora i fastidi l’esmya me li ha dati solo nel primo ciclo e mi ha portato mal di schiena mal di testa e aumento di peso. Ora sto per terminare il secondo ciclo di esmya e per fortuna non sto avendo nessun fastidio.

  • Marzia

    io ho appena cominciato il primo ciclo, 49 anni ed un fibroma non enorme ( 6 cm) che però mi porta mestruazioni abbondantissime, anemia e carenza di ferro. Per ora nessun effetto collaterale, ma mi rendo conte che è presto. Vi terrò informate :-*

    • proseguo con fiducia…sempre nessun effetto collaterale troppo sgradevole ( solo un po’ di gonfiore, ahimè).
      Temevo soprattutto il mal di testa, visto che ne soffro già. Invece è addirittura diminuito 😉
      Vedremo al controllo i risultati sul fibroma stesso

      • Anto

        Ciao…io ho appena iniziato il primo ciclo..ho tre fibromi nn molto grandi ma anziché avere ciclo abbondante il mio si è bloccato x mesi avevo paura di andare in menopausa perché ho 38 anni e adesso che è finalmente tornato il mio gine mi ha dato esmia …ero un po incerta se prenderla ma lui me l ha data come unica alternativa all intervento…volevo un informazione..nel bugiardino dicono che deve essere assunta nella prima settimana di ciclo io l ho iniziata la seconda. ..voi?sapete dirmi se è un problema?

    • Ornella

      Scusa anche io ho iniziato da poco ma questa cura è ridolutiva? Nel senso una volta ridotti si mantengono così o una volta che si sospende esmya iniziano di nuovi a crescere?

      • Marzia

        Purtroppo no. Tale e quale … Posso solo essere contenta che non sia cresciuto ed aver vissuto questi mesi in assoluta tranquillità e libertà dal ciclo. Ora sto tamponando con altra cura di 6 mesi a base di progesterone, ma mi porta dei cicli peggio di prima. Passati questi mesi o via tutto o spero nella menopausa. Comunque per me è stata in ogni caso un’ esperienza positiva. Diciamo una vacanza dall’incubo 🙁

      • Ornella

        Marzia se ti posso dare in consiglio prova a prendere gocce di lampone è un gemmoterapico naturale lo trovi in erboristeria e ha il potere di ridurre o arrestare la crescita dei fibromi e ridurre i fastidi nel periodo del ciclo. Io ho iniziato a prenderlo 4 anni fa quando ho scoperto di avere un fibroma di 8 cm. In questi 4 anni non solo il fibroma noj è piu ‘ cresciuto ma mi ha anche regolarizzato il ciclo che era abbondante perciò lo consiglio a tutte

  • Renata

    Ciao a tutte, ciao Ele,
    è da un po’ che seguo questo blog anche se non ho mai scritto. La ragione è evidente…mioma intramurale sup. 3 cm., ciclo superextramegabbondante, anemia da trasfusione, diagnosi e poi cura con Esmya.
    Che dire? Sono in crisi. Ho fatto il primo ciclo di tre mesi, ho avuto subito il piano terapeutico e quindi pago solo 2 €, pochi effetti collaterali (amenorrea – yeahhh! – perdita di capelli -già ne ho pochi – peso che non cala – vabbè, qll anche prima – sbalzi d’umore – ma quale donna non li ha) quindi diciamo tutto nella norma.
    La mia ginecologa mi ha detto di sospendere 2 mesi e ricominciare. Il primo ciclo mi è arrivato puntuale, ma le perdite erano…come prima, più di prima (ma senza “t’amerò!!!) e ora aspettavo il secondo ciclo per ricominciare e sono in ritardo di 4 gg.
    Sono preoccupatissima…non me ne vogliano le altre, ma spero di non essere incinta. Ho 2 figli bellissimi e negli ultimi 10 anni ho avuto 3 aborti (forse proprio a causa del mioma!!!) ma nessuno me l’ha saputo spiegare!!! vorrei un altro figlio ma rivivere l’incubo della perdita …piango mentre vi scrivo…faccio fatica a leggere…chi ha avuto aborti sa che vuol dire, il vuoto dentro e un dolore che non passa mai…anche quando fate finta che siete felici…
    scusate lo sfogo…ho solo bisogno di qualche consiglio…che faccio?

  • Claudia

    Ciao Renata, non piangere…..io ho fatto già 1 ciclo di 3 mesi con esmya ed attualmente sto facendo il secondo. Momenti di sconforto ne ho avuti a iosa per diversi motivi….e adesso posso dire che esmya non é la MIA risposta al problema e mi sto muovendo per una soluzione che sia finalmente definitiva. Per quanto riguarda il ciclo a me sono tornate 20 giorni dopo la fine della prima terapia, ciclo scarso, durato 3 giorni, seguito da un pò di spotting. Ho gridato al miracolo, dopo i cicli mega degli ultimi mesi……il secondo ciclo post esmya é arrivato con 4 giorni di anticipo e durante la notte ho dovuto prendere un tranex! Questo per dirti che é normale un pò di irregolarità, il corpo deve riprendere il suo ritmo dopo 3 mesi di amenorrea, deve ripartire l’ovulazione….il primo ciclo è da considerare di “sospensione”, quello naturale è il secondo. Inoltre durante l’amenorrea c’è stata una crescita endometriale e il ciclo abbondante è dato anche dallo sfaldamento del materiale in eccesso. Il mio gine ha detto che può essere dovuto anche a mancanza di progesterone, sul quale agisce esmya bloccandone i recettori. Cerca di stare tranquilla xchè lo stress peggiora la situazione, vedrai che è un pò di irregolaritá data dal farmaco, io per l’anticipo che ho avuto ho dovuto fare le corse per beccare il mio dott e rifare il piano terapeutico! Ciao e fammi sapere

    • Ornella

      Ciao io ho finito il primo ciclo il 15 maggio e ancora non mi sono venute le mesturazioni ormai è quasi un mese. Mi stavo preoccupando ma a quanto ho capito è normale. L’unico dubbio è che nel caso dovesse saltare un mese significherebbe riprendere il secondo ciclo di esmya dopo tre mesi invece che dopo due. Secondo te non fa niente iniziare con ritardo o mi conviene a questo punto riprenderlo appena mi viene il primo ciclo?

  • Renata

    Grazie Claudia per le tue parole rassicuranti….purtroppo dopo qll che ho passato negli ultimi 10 anni non ho più molta fiducia, specie nei ginecologi, l’ultima gravidanza ero arrivata quasi al sesto mese e ai primi segnali di crisi mi avevano dato qlk speranza, poi invece il ricovero e al policlinico non mi dicevano nulla, ma loro davano già x spacciata la situazione, poi il crollo… nessuno che mi parlava di eventuale mioma… che è piccolo, rispetto a qualcuna di voi che ho letto oltre 10 cm… spero che, nel momento del controllo, la situazione sia migliorata…grazie ancora di cuore!

    • Ilaria

      Ciao Renata,
      anche io sto aspettando il secondo ciclo post Esmya che tarda ad arrivare…Non sono incinta e ho monitorato l’ovulazione proprio perché sono in cerca di una gravidanza; nel mio caso, anche se durante la terapia ho avuto comunque le mestruazioni, ho potuto verificare ecograficamente che le ovaie hanno prodotto pochi follicoli, piccoli e in ritardo…Insomma è come se tutto il sistema si debba ancora “svegliare”! Penso sia lo stesso anche per te, però se sei proprio preoccupata fai un test, così ti togli ogni pensiero.
      Anche io vengo da due aborti, anche se non così avanzati come i tuoi e la tua storia mi ha ovviamente colpito..posso chiederti se il tuo fibroma è intramurale sottomucoso e se durante le gravidanze è cresciuto molto? Anche il mio è ora appena sotto i 3 cm ma temo che durante un’eventuale gravidanza possa crescere, causare contrazioni o non far arrivare sangue al feto. Ti abbraccio, vedrai che tornerà presto tutto in ordine, devi pensare che comunque l’abbiamo fatto un po’impazzire il nostro organismo!

      • Renata

        Non so se è sotto mucoso ma credo che sia cresciuto perché in passato dissero che era di 1,7 cm…mi fa piacere condividere qst cose con donne che mi capiscono e vivono o hanno vissuto la mia stessa esperienza. Grazie!

    • Claudia

      Purtroppo non contano solo le dimensioni ma anche la posizione (sembra un discorso porno), ma, visto che è piccolo, non potresti intervenire con un’isteroscopia operativa?( almeno non è invasiva) Nel mio caso dopo il primo ciclo sembrava ci fosse una notevole riduzione del fibroma più grande (circa 9 cm e ha iniziato a essere sintomatico solo a novembre scorso), ma aspetto la risonanza per la conferma, visto che anche la mia fiducia nei ginecologi ultimamente ha avuto una bella botta….poi probabilmente farò un embolizzazione. Esmya poteva servirmi per arrivare alla menopausa ( ho 49 anni) senza dovermi sottoporre a interventi, ma dai dosaggi ormonali non ci sono nemmeno vicina e non ho intenzione di vivere con continue emorragie. Tu non senti nulla, mal di pancia, seno gonfio, dolente?

      • Renata

        Anche io spero di arrivare così alla menopausa (41) ma vorrei essere tranquilla nei rapporti con mio marito….non sento il seno duro e i capezzoli sono rosei come solito ma ho dolori all’utero e alle ovaie. Proverò nei prox GG a sentire la mia ginecologa. Grazie a tutte per i consigli e i vs pareri.

  • Speranza

    Ciao a tutte
    ho molti miomi e 3 sporgenti su cavità uterina .
    Ho iniziato ESMYA da 6 gg e fin da subito ho avuto forti dolori come durante mestruazioni. Oggi sono anche più forti i dolori e ho delle perdite di sangue. Sono effetti collaterali che qualcuna di voi ha avuto e sopportato?

    Grazie

    • stefania

      Ciao Speranza,
      sono al secondo ciclo di terapia con esmya. Personalmente ho risposto bene al farmaco e avuto pochissimi effetti collaterali (Un pò di vampate e di stanchezza). Io proverei a contattare il ginecologo per chiedergli se i sintomi che senti fanno parte dei normali effetti collaterali del farmaco.

    • Ilaria

      Ciao Speranza,
      io non ho avuto nessun tipo di dolore durante l’assunzione di Esmya. Ho avuto le mestruazioni ma dopo più di un mese dalla prima compressa. Chiedi al ginecologo se i dolori sono molto forti…

  • Speranza

    Purtroppo io continuo ad avere mal di pancia e il mio ginecologo è in ferie. Sono anche molto agitata e non so cosa succede alla mia pancia che è gonfia e dolente. Speriamo almeno porti dei benefici e non solo effetti collaterali….mi sa che mi toccherà cercare un altro ginecologo almeno per un controllo ma non tutti conoscono e usano questo farmaco.
    Speriamo bene e grazie delle risposte

  • Renata

    Ciao Speranza,
    anche io non ho avuto effetti collaterali, mal di testa e indebolimento dei capelli, ma dolori e perdite, non credo sia positivo, forse il tuo organismo non reagisce bene a Esmya.
    Io nel frattempo ho iniziato il secondo ciclo di Esmya, il ciclo poi è arrivato, ma è stato devastante e i coaguli erano spaventosi…con grande disgusto ho fatto foto, la mia ginecologa al controllo deve vedere anche lei e dirmi se è normale.
    Speriamo bene, tra 3 mesi vi dirò se c’è stata una riduzione.

  • Cristina

    Ciao, ho 50 anni e da un mese e mezzo ho iniziato terapia con Esmya a causa di alcuni fibroma che da un anno m8 procurano emorragie mestruali debilitanti e forte anemia. Effetti collaterali: stanchezza, dolori in basso occasionali, mal di testa…..ma stasera ho tracce di sangue…..e mi sta tornando la folle paura dell’emorragia! Voi avete avuto il ciclo durante la TERAPIA? Copioso? Il mio ginecologo è in vacanza e ovviamente l’ansia aumenta….buonanotte

    • Ilaria

      Ciao Cristina,
      nei tre mesi di terapia io ho avuto due volte le mestruazioni, che sono state comunque scarse e brevi rispetto al solito e sono comparse dopo molti più giorni con cicli di 34 e 37 giorni. Pensavo che questo pregiudicasse il risultato, invece è stato solo un effetto collaterale in meno…che però avrei preferito avere!

      • Claudia

        Secondo ciclo di esmya, sono alla terza scatola, durante il primo ciclo ho avuto amenorrea per tutti e tre i mesi …..ieri sera, invece, una sorpresa: le mestruazioni! Prima qualche macchiolina, durante la notte non ho nemmeno macchiato lo slip, ma stamani si è avviato x bene, è un ciclo, non emorragico, direi normale, come lo avevo prima…..chiaramente il mio gine è in ferie e x ora non sono riuscita a trovarlo. Ho letto che alcune di voi hanno avuto il ciclo durante esmya, cosa vi ha detto il medico a questo proposito? Devo controllare solo la quantità del flusso? Ho iniziato esmya il 19 giugno e questa volta ( a differenza della prima) ci ha messo parecchio a stoppare il sanguinamento (circa 20 giorni), poi la desideratissima amenorrea fino a ieri sera…..ormai speravo di poter terminare la cura in pace e invece…..

        • Ilaria

          Ciao! Il mio ginecologo si è un po’ stupito ma mi ha solo detto che ciò non avrebbe inficiato il risultato finale, perché Esmya non funziona come altri medicinali, come il Decapeptyl, che ho provato, che inducono la menopausa. In effetti nel bugiardino c’è scritto che l’amenorrea è un effetto collaterale che colpisce, se non erro, il 70-80% delle donne. Nel mio caso, ho avuto le mestruazioni due volte in tre mesi ma molto brevi (3 giorni) e scarse come da ciclo anovulatorio, almeno così mi è parso. Spero sua così anche per te!

  • Claudia

    Grazie mille Ilaria, contavo proprio su di te! Ho sentito ora per telefono il mio gine, mi ha detto che può succedere, di continuare la cura e controllare solo quantità e durata del flusso, lui purtroppo torna i primi di settembre e allora fisserò una visita visto che sarò quasi a fine cura. Non capisco questa differenza di azione rispetto alla prima volta, magari il mio corpo si è “abituato” al principio attivo e non reagisce come dovrebbe? Boh….. Tu adesso come stai?

  • Bea

    Ciao ragazze!!! Io sono a metà del primo ciclo di terapia e in amenorrea… mi ero accorta subito di non avere avuto l’ovulazione e quindi poi non mi ha sorpreso la mancanza del ciclo. E’ l’unico effetto collaterale (visto che così lo chiamano, anche se desiderato) che ho avuto fino ad ora. Confermo l’informazione data da Ilaria sulle percentuali di casi di amenorrea, che anche io ho trovato su più siti dove si raccontano anche per bene gli esiti delle sperimentazioni. Anche la mia ginecologa mi aveva detto che l’amenorrea era probabile, ma non certa, perché comunque non è una vera menopausa farmacologica (e mi ha raccomandato anche di usare un contraccettivo meccanico, perché la possibilità di una gravidanza non è sicuramente esclusa).

    Da qualche parte, sempre dove si parlava delle sperimentazioni, ho letto che gli effetti collaterali calavano al secondo ciclo di cure. Quindi, considerato che Claudia è al secondo ciclo e l’amenorrea un effetto collaterale, potrebbe essere proprio così… cioè che nel tempo sono calati gli effetti collaterali compreso quello. E questo senza nulla togliere all’efficacia della terapia! Aspetto con te i controlli di settembre, Claudia, incrociando le dita!!! Vedrai che va bene! 🙂

    Io poi volevo chiedere alle ragazze che, come me, hanno un fibroma grosso che ha gonfiato la pancia (io sembro al 4° mese di gravidanza) se durante la terapia con Esmya hanno visto ridursi la pancia e in che tempi… una ragazza ha scritto che per lei è stato così, commentando un altro post. Per voi? A me la mia sembra un po’ ridotta, ma non vorrei illudermi e che fosse autosuggestione…

    • Claudia

      Io ho sempre avuto un pò di pancetta, anche oerchè ho avuto due figli e in gravidanza avevo delle iper-mega-pancione rimanendo io abbastanza sottile ed essendo i bimbi dei vitellini di 4 chili!!! Questo x dire che non attribuivo la pancetta al fibroma (prima di sapere) , così come non avevo collegato a questo problema il gonfiore e la tensione che mi perseguitavano da un pò……lo attribuivo alla sindrome del colon irritabile (come mi diceva mio papà, che era medico, quando ero adolescente) oppure ai miei problemini intestinali. Devo dire che una riduzione io l’ho vista prima di tutto con la dieta, eliminando i latticini e il glutine mi sono sentita subito più sgonfia….per quanto riguarda il ciclo, ieri , terzo giorno è praticamente finito, ma ho avuto, nel pomeriggio dei dolori alla pancia mai avuti prima in vita mia ( mai sofferto di dolori mestruali), ho preso un moment ed è passato…..così anche il giorno prima…..un incrocio tra crampi, coliche d’aria e contrazioni, non so spiegare…..mi sto convincendo sempre più che esmya sia una botta micidiale x il nostro organismo, che sto facendo del male al mio corpo e non vedo l’ora di finire la terapia, ormai sono vicina……ho letto le sperimentazioni in inglese, nella terza fase (mi sembra) al termine della cura ad un gruppo di pazienti veniva dato del progesterone, sapete niente? Lo chiedo perchè il mio dott mi disse che il mio secondo ciclo post prima terapia con esmya poteva essere stato emorragico x carenza di progesterone. Sarebbe plausibile visto che il progesterone è un ormone con potere emostatico…Ho l’impressione che le informazioni che si trovano su esmya in rete siano, come dire, “edulcorate”, esageratamente positive ed incomplete…….Karen, con un fibroma che passa da 12 cm a 3 cm in tre mesi…..l’avete letto? Poi trovi dei siti dove puoi entrare solo se sei medico e i visitatori vengono dirottati sulla solita spiegazione trita e ritrita…..sembra che si voglia far passare questo farmaco come la panacea di tutti i mali in contrapposizione con i “vecchi” enantone o decapeptyl colpevoli di effetti secondari da menopausa indotta e osteoporosi.

      • Bea

        Ciao Claudia, io invece non ho mai avuto pancetta in vita mia, neanche quando ingrassavo. Mi si è sempre gonfiata solo in fase premestruo, così come le gambe, direi per stitichezza e ritenzione idrica. Aumentavo anche di peso in quei giorni. E poi mi sgonfiavo completamente. Da un paio di anni, invece, ero sempre gonfia. E con mestruo molto più abbondante di prima. Sono stata per mesi a dieta antigonfiore, poi senza glutine, latticini etc pensando a intolleranze… avevo risolto molto la stitichezza, ma la pancia restava. E il mestruo ovviamente anche. Alla fine sono andata dal mio medico che mi ha spedita di corsa a fare una visita ginecologica. E ho scoperto la vera causa del mio malessere: il fibroma. Ho anche una bella ciste di 4 cm. Alla luce di questa scoperta, ho capito da dove nascevano altri sintomi avuti negli ultimi anni, ma tutta la storia ve la racconterò quando sarò almeno a una tappa significativa della mia “lotta”.
        Per quel che riguarda Esmya, la terapia e il mio stato attuale, devo dire che io per ora ho registrato solo benefici! Niente ciclo, niente dolori e ulteriori gonfiori. Quel gonfiore che ho sempre negli ultimi due anni, mi pare un po’ ridotto. Dormo di più, mentre prima mi svegliavo continuamente di notte (per l’anemia? ma anche per andare a fare pipì). Poi, in queste ultime settimane, ho notato che non soffro più di emorroidi, sono sparite. Stavo giusto controllando su internet ora e mi pare di capire che ci sia un collegamento col progesterone e la pressione addominale. E allora mi dico che sono anni che ho tanti sintomi che ora scopro provenire probabilmente tutti da lì, da un eccesso di progesterone dovuto a questa fase della vita pre-menopausa…
        Quindi, che dire, io per ora sono molto contenta e tranquilla.
        Però i dubbi e la paura nel prendere ormoni li capisco bene. A me la pillola, ad esempio (in due diverse fasi della vita, di tipo diverso e per periodi più o meno lunghi) ha sempre dato anche problemi che all’inizio non erano scritti nei bugiardini e dopo qualche anno invece venivano citati… (insomma ho fatto da cavia) e sono stata felice di smetterla. Quindi ti capisco molto bene nelle tue perplessità. Però ti devo anche dire un’altra cosa e cioè che io da 20 anni prendo un altro farmaco per tenere sotto controllo un altro tumore benigno (altra sede, storia completamente diversa, ma sempre ormonodipendente) ed evitare l’operazione… e all’inizio l’ho fatto con non poca ansia, perché era poco che si usava anche per quello scopo e c’erano anche effetti collaterali. Beh, io in 20 anni non ho mai avuto alcun disturbo, continuo a prenderlo e so che è largamente usato ora, senza problemi. Mi ha risolto il problema. Quindi quando mi hanno parlato di Esmya (che prima di queste sperimentazioni era comunque già conosciuto e veniva usato come pillola del giorno dopo), non mi sono fatta tanti problemi.
        Non ho letto che ad alcune pazienti sia stato dato progesterone dopo, né di Karin. Però ho letto che 21/22% è la percentuale media di riduzione del fibroma, in un range di riduzione abbastanza ampio, quindi magari Karin è il caso che ha avuto la riduzione maggiore in assoluto (poi sappiamo che se le misure non sono prese con la risonanza non sono precise) o nel suo caso si sono sommati altri fattori di riduzione (tipo che è entrata in menopausa? non so, la sparo, faccio ipotesi). Può essere, non so. Mi sono presa la briga di contare su questo blog quante di voi hanno avuto riduzioni e quante no. E alla fine oltre il 70% ha segnalato riduzioni del fibroma con esmya. Sicuramente, in generale, c’è chi ha interesse a spingere per questo farmaco (prima di tutte la casa farmaceutica), ma mi auguro che le sperimentazioni siano ipercontrollate e non si raccontino balle. Sicuramente poi il farmaco sconvolge un ritmo naturale… però il mio ritmo naturale era già sconvolto, in questa fase delle mia vita pre-menopausa, con un eccesso di progesterone, che è quello che mi ha fatto venire il fibroma, probabilmente. Ci sono geneticamente predisposta, pare, visto che anche mia madre e mia nonna lo hanno avuto, con alterne fortune, sempre di questo tipo, sempre solo uno, sempre a quest’età (ma l’ho scoperto solo ora). Quello di mia madre, stessi sintomi, se n’è andato da solo con la menopausa. Io, sopportando i sintomi come ha fatto lei, potevo pure fare lo stesso, se proprio… invece ho scelto di provare a stare bene con questo farmaco. Al primo controllo vedrò che fare, se funziona, se sono meglio operabile, se voglio continuare o provare a operarmi… in qualche modo però vorrei risolvere senza attendere la menopausa, per la quale credo manchino troppi anni perché io mi possa compatire ‘sta pancia e tutto il resto!
        Un’ultima cosa: i dolori mestruali che riferisci per me sono stati sempre la normalità. A volte vomitavo anche… Pensa che meraviglia quando vomitato il moment! 🙂 Comunque ci sono donne a cui non passa nemmeno con il moment… e un ginecoloco forse direbbe che se ti passa così allora non è niente di che (così han detto a me). Ovvio però che tu, notando un cambiamento, ti allarmi. D’altra parte indubbiamente sei e siamo in un stato ormonale alterato rispetto al nostro abituale… questo è pacifico.
        Il fatto è che di soluzioni senza possibili effetti collaterali non mi pare ce ne siano. Chi viene operato rischia aderenze. A me il ginecologo ha detto pure che dopo un’operazione ci si ritrova con un utero ricostruito, nuovo, che magari si comporta diversamente da prima per quanto riguarda il mestruo (boh, vi risulta?). Per l’embolizzazione ho letto che c’è il rischio (percentuale molto piccola) di entrare in menopausa, per cui lo sconsigliano alle donne fertili che vogliono una gravidanza… poi comunque non è per tutte, ad esempio non per me. Alla fine siamo costrette a scegliere che rischio preferiamo correre tra un ventaglio di possibilità. Compresa quella di togliere tutto e non pensarci più, con altri scompensi però. A me hanno prospettato tutte le varie strade e ho scelto questa. Speriamo bene… per ora sono contenta. Teniamoci aggiornate!!!

      • Cara Claudia,
        La storia di Karen, che citi, e che anche io ho pubblicato sul blog, è la prima testimonianza che avevo trovato riguardo ad Esmya quando, ormai quasi due anni fa, cercavo disperatamente informazioni brancolando nel buio. Io volevo crederci, avevo tanto bisogno di crederci, ma mille volte mi sono chiesta quanto della vicenda raccontata fosse reale.
        È indubbio, purtroppo, che giochino a nostro sfavore vari interessi farmaceutici, e che la nostra salute sia in tal senso “solo” un effetto secondario.

    • Ciao Bea,
      Grazie per la tua attenta e attiva partecipazione sul blog. Volevo chiederti maggior info sui siti su cui hai letto delle sperimentazioni di Esmya. Parli di siti inglesi ( o americani)?

  • Claudia

    Non riesco a fare copia e incolla dal tablet, ma se cerchi “karen peralta esmya” su google, tra i risultati c’è anche quello che pubblicò Eleonora sull’argomento ( da 12 a 4, non 3)……comunque anche io ho passato momenti di positività ed ottimismo, specialmente durante la prima terapia. Superata l’ansia e la paura x la cura così “sperimentale” e i primi giorni in cui mi sentivo stanchissima e con un forte mal di schiena, dopo sono stata benissimo…..poi il primo ciclo leggero e breve, wow, ero felicissima…..e la batosta del secondo, interminabile, mi ha riportato alla realtà. La mia prima ginecologa, comunque, mi diceva che i fibromi dipendono da un eccesso di estrogeni ed anzi, mi aveva dato il prometrium, ovuli di progesterone, per normalizzare il ciclo ed infatti in quel periodo lo avevo molto leggero solo che dopo ho attaccato con la mini pillola cerazette (anche questa progestinica) e da lì è stato spotting continuo! Anche io potrei avere almeno 3 anni prima della menopausa, (se considero l’età in cui ci è andata mia mamma) e non ho intenzione di passarli così, nè sono il tipo che ama temporeggiare……la cosa che mi consola è che ai primi di settembre fisserò l’embolizzazione e spero veramente di buttarmi alle spalle tutto….per il discorso del progesterone dopo esmya, ne parlavano anche in un forum inglese…..lo strano è che io scrissi una mail ad una ginecologa su un sito online e loro mi hanno pubblicato la lettera omettendo proprio questo particolare, cioè hanno tolto del tutto la domanda sulla carenza di progesterone e la dott.ssa nella risposta non ha fatto nessun tipo di riferimento, dicendo che “alla fine della cura i cicli si ripresentano con le stesse caratteristiche che avevano prima della terapia”…,.ma allora che la faccio a fare? Mah

    • Bea

      Dunque, io ho letto che esmya blocca il progesterone che è considerato responsabile dei fibromi, se in squilibrio (non ho capito se questo significa che se ne produce troppo o in squilibrio rispetto agli estrogeni o in modo discontinuo… non lo so, quel che è certo è che nella maggior parte dei casi i fibromi crescono in gravidanza e prima della menopausa, cioè in fasi alterate del normale equilibrio ormonale, quando anzi si producono più ormoni, e si riducono quando mancano gli stimoli ormonali, cioè in menopausa). Forse contribuiscono anche gli estrogeni, non lo so (a volte trovo scritto di sì, altre che dipende dalle persone… mah!), ma se togli anche gli estrogeni, con una cura, poi hai i sintomi della menopausa (quest’ultima info viene dalla mia gine). Ed esmya non li toglie, motivo per cui è meglio tollerato rispetto alle terapie che si facevano prima (anche questa info viene da lei).
      Se i cicli abbondanti sono causati dal fibroma, se ne andranno col fibroma… Se esmya non li elimina del tutto, mi viene da dire che rimangono abbondanti… poi vai a sapere se i miei, ad esempio, sono diventati abbondanti da una certa misura in avanti e fin da quando era piccino. Mah! Forse lo capirò se e quando si sarà ridotto.
      A me la mia gine ha detto che con esmya avevamo l’occasione di risolvere l’anemia e ridurre il fibroma e la ciste, in modo da affrontare un’operazione più facile o, anche, schivarla del tutto, a seconda della piega che prenderanno le cose e di ciò che voglio. Ne parleremo via via guardando come evolve. Intanto sto meglio. Considera che io ho 41 anni e mezzo e non ho mai avuto figli (e neanche so se ne voglio, non ne ho mai voluti, ora mi pare cominci ad essere tardi e comunque non ne ho voglia), ma le ho detto che ci tengo a tenermi l’utero. Mia madre è andata in menopausa a 45 e negli anni subito prima aveva fibroma e i miei sintomi. Nessuno le ha proposto cure e operazioni e lei è arrivata alla menopausa che ha risolto le cose (sto parlando di 20 anni fa). Non sa nemmeno la misura del suo fibroma, ma i disturbi se li ricorda bene! Quindi… anche io probabilmente ho davanti a me tre anni, anzi 3 e mezzo. Con la prospettiva di oltre 6 mesi ancora di esmya, tra finire il primo ciclo e fare il secondo. Che potrebbero diventare oltre 16 mesi, se i cicli diventano 4 (e se non sbaglio a fare i conti). E allora mi mancheranno solo due anni alla menopausa. Ma è tutto da vedere…
      Questa cosa che racconti del sito che ti ha pubblicato la mail è stranissima!
      Domanda: tu hai pensato di fare i dosaggi ormonali per capire quanto è lontana la menopausa? Comunque in effetti, se puoi fare l’embolizzazione, forse nel tuo caso è la soluzione migliore!

    • Cara bea,
      Grazie per aver calcolato la percentuale di fibroma fighters che hanno ridotto il maledetto con Esmya! È un lavoro che avevo in programma da un po’, solo che il tempo è sempre poco!
      Riguardo ciò che accade all’intero dopo un intervento chirurgico posso dirti che dopo la prima laparotomia nel 2011 il mio ciclo riprese identico a prima: preciso regolarissimo, solo meno doloroso. Infatti la Pina volta che ebbi un ritardo fu perché ero incinta della mia giorgia! Dopo il secondo intervento dell’anno scorso il ciclo è ogni mese un incognita: mi viene ogni 34 giornoi, o dopo 22, o dopo 30, dura tre giorni oppure 5, non si sa. Però è sempre scarso e quai indolore (ciò che conta!). Perciò si, possiamo pensare che dopo l’intervento chirurgico il ciclo cambi.
      Per quel che riguarda embolizzazione e gravidanza, cerca sul blog la mia intervista al dr. Lupattelli proprio su questo tema (dal cell nn riesco a trovare il link preciso).
      Un abbraccio e grazie!

      • Bea

        Grazie, Ele, per l’info sul ciclo dopo l’operazione… quindi in effetti può cambiare… ne terrò conto. Certo che nel mio caso, con pochi anni alla menopausa e sapendo che in quegli anni già si hanno cicli anomali, forse non ha molta importanza… ma era anche per avere riscontro di quanto detto dal gine!
        Per quanto riguarda gli informatori scientifici, anche io ho sentito dire queste cose. Su esmya in confronto ai farmaci usati prima sono però stati fatti degli studi che chiariscono la differenza. Se gli studi sono sinceri, la differenza c’è. Quegli studi dovrebbero essere citati nel pdf trovato in quel sito che ho citato! Se non lo trovi, Ele, e lo vuoi leggere, ti mando il pdf in mail… In pratica è stato fatto prima un esperimento con esmya in confronto a placebo, poi con esmya in confronto ad un altro farmaco, poi con esmya per due cicli e per quattro…

      • Carlotta

        Ciao, volevo solo sapere se la terapia ESMYA possa portare alla menopausa precoce. Ho 35 anni e ho iniziato la cura per ridurre il fibroma (6 cm) operarmi e provare ad avere un figlio. Se il risultato fosse la menopausa non sarebbe la cura adatta alla mia situazione!

  • claudia

    si, prima della cura (perchè adesso i risultati sarebbero del tutto sballati) ho fatto i dosaggi ormonali e non ci sono segni di menopausa….è anche vero che a volte, a questa età, le cose cambiano rapidamente e magari ora avrei altri valori….guarderò di rifare gli esami quando sarò fuori da esmya. Cavolo, tua mamma è andata in menopausa abbastanza presto….(adesso mi viene da dire “beata lei”) e anche tu sei giovane.Io ho 49 anni e mia mamma è entrata in menopausa (senza alcun disturbo, nè vampate, nè altro e senza aver mai avuto fibromi malgrado ne avesse avuto uno grosso la sua mamma, mia nonna materna) a 52 anni…..ora, è vero che il corpo non segue regole “matematiche”, ma in questi casi l’ereditarietà conta abbastanza, almeno così dice il mio gine….So anche io di donne che non hanno fatto alcuna cura (come mia nonna del resto), hanno sopportato fino alla menopausa e con questa hanno risolto definitivamente il problema, ma so anche che il fibroma può comportare una menopausa tardiva, cioè ritardare quello che sarebbe stato naturalmente il momento di cessazione del ciclo, per cui è un’incognita, si rischia di prolungare all’infinito il problema…. alcune mie amiche hanno risolto con la pillola, che certo non agisce sulle dimensioni, ma può mettere a tacere i sintomi. La mia priorità è una soluzione il più possibile definitiva, mi sono stancata di prendere tempo…..esmya certo può farti recuperare le forze fisiche e migliorare l’anemia, ma dopo? I risultati possono durare 6/9 mesi, almeno così ho letto, e il mio ginecologo addirittura dice un anno….ma le testimonianze dicono anche di ricrescita nel giro di due mesi, io quando l’ho sospesa la prima volta ero terrorizzata ad ogni controllo….

  • claudia

    ah dimenticavo (e poi stoppo)…ho raccontato l’episodio della mail pubblicata solo in parte perchè, guarda caso, quel sito fa molta pubblicità all’ulipristal acetato come cura rivoluzionaria ed efficace dei fibromi, ne parlano nelle news, nelle risposte agli utenti ecc ecc e magari non vogliono sottolineare quella che è una possibile “falla” del medicinale…forse sono io che ho una mente troppo contorta, ma mio padre mi raccontava già 30 anni fa di case farmaceutiche che, tramite gli informatori scientifici, premevano sui medici affinchè spingessero un farmaco piuttosto che un altro, in cambio di viaggi o “regalini” vari.

  • No Claudia, non hai una mente contorta. Credo purtroppo che i tuoi sospetti corrispondano a verità.
    Devo consigliarvi un film Proprio su questo argomento..
    E poi hai conferma anche in base a ciò che ti raccontava tuo papà!

  • stefania

    carissime sono alla terza scatola del secondo ciclo di cura e nessun effetto collaterale solo amenorrea pancia sgonfia e anche le gambe. Tendevo a gonfiarmi prima della cura forse la colpa era degli ormoni ballerini. Durante il primo ciclo di terapia alcuni fibromi si sono ridotti anche del 50 percento e anche le dimensioni del mio utero . Finirò l’ultima scatola verso la fine di settembre e dopo il controllo vi farò sapere.

    • Bea

      Che bella notizia Stefania!!! Mi ricordo di te, avevo letto l’altro tuo commento. Io per le gambe gonfie avevo dato la colpa al caldo, ma il dubbio che invece fossero gli ormoni o la pressione addominale (visto che mi si gonfiavano sempre negli ultimi anni anche con il mestruo, anche prima di ‘sta pancia di 4 mesi), ce l’avevo. E’ ormai un mese che non mi si gonfiano più, quindi dalla seconda scatola di esmya, primo ciclo… questa è una conferma. In bocca al lupo, tienici aggiornate!

  • Carlotta

    Ciao a tutte. Anch’io ho un fibroma che cresce abbastanza velocemente. Durante l’ultimo controllo il mio ginecologo mi ha consigliato di prendere esmya dandomi poche informazioni prima di procedere chirurgicamente. Settimana prossima devo ritornare dal mio ginecologo per ritirare il mio piano terapeutico. Non faccio altro che consultare internet e altri medici per capire se posso o meno fidarmi di un farmaco relativamente giovane. Le cose che so a proposito del farmaco sono: è costoso, 222 euro a scatolo. Che voi sappiate è possibile avere agevolazioni pagando solo il ticket o similari? Ho poi letto una marea di effetti collaterali. Voi li avete avuti? E poi ho letto della terapia a intermittenza, come funziona? Bisogna prendere questo farmaco sempre? Considerando che ancora non ho avuto figli e che mi piacerebbe tanto averne un domani sto cercando di valutare se sia meglio operare o ricorrere a esmya. Grazie per l’attenzione.

    • Bea

      Ciao Carlotta, io a fine mese finisco il primo ciclo di tre mesi. Eccomi con qualche risposta:
      – se ti fa il piano terapeutico probabilmente ha aperto una pratica pre-operatoria con un ospedale. Come da legge in vigore dal 2014, mi pare, non pagherai nulla. Ci sarà scritto che rientra nella nota 51. Io lo ritiro alla farmacia interna dell’ospedale presentando il piano terapeutico e non pago assolutamente niente. Diversamente il costo è quello che ti ha detto, ma mi risulta che le farmacie italiane non possano darlo. Insomma, in Italia è commercializzato solo con piano terapeutico e come ti ho spiegato. Diversamente il costo sarebbe quello che dici più o meno, ma ripeto che a quel che so non lo trovi in nessuna farmacia italiana.
      – Io non ho avuto nessun effetto collaterale.
      – Funziona che in Italia per ora fai un primo ciclo di 3 scatole da 28 pillole, sospendi per due cicli mestruali e al secondo che ti viene dopo avere finito le 3 scatole, ricominci con altre 3. La sperimentazione è stata fatta anche con 4 cicli per 18 mesi totali, sempre con cicli di 3 mesi e 2 di pausa. E’ andata bene, quindi l’Europa ha autorizzato l’uso per 4 cicli. In Italia ancora non mi risulta siano autorizzati, ma credo sia solo questione di tempo. Al momento, che io sappia, nessuno parla di prenderlo sempre. Certo, con altri farmaci che tengono buoni tumori benigni, funziona così… vedi quelli per la tiroide.
      – La mia ginecologa mi ha detto che dà buoni risultati, quando funziona. Non funziona sempre. Quando funziona, permette di fare un’operazione meno invasiva e rischiosa, perché riduce le misure del fibroma e l’anemia che di solito è conseguente. A volte si evita anche del tutto l’operazione. Ma lo si scopre solo strada facendo, vedendo quanto funziona e come si mettono le cose…
      Potevo anche scegliere di farmi semplicemente operare, ma il mio è così grosso (10 cm secondo entrambi i ginecologi con due ecografie fatte in posti diversi e tempi diversi), mal posizionato nell’utero (e ho anche delle cisti) che due ginecologi su due hanno confermato l’operazione con taglio e rischio di togliere anche l’utero. Ecco perché io ho scelto Esmya, di provare il farmaco. A fine mese ho il primo controllo e ti saprò dire. Per il momento non ho più avuto le mestruazioni, sono meno gonfia (sembravo incinta di 4 mesi) e ho meno urgenza di andare a fare pipì, tanto che riesco a dormire 7/8 ore filate (ero scesa a 5).
      In bocca al lupo e magari facci sapere come va!

      • ornella

        scusa però non mi trovo con il numero di compresse. Se sono 28 e non 30 per arrivare a tre mesi di terapia non si dovrebbero prendere 90 compresse? in questo caso ci vuole una quarta scatola o no?

        • Bea

          Ciao Ornella, quanti giorni è lungo un mese? Tu fai il calcolo come se un mese durasse 30 giorni, ma ci sono mesi di 28 giorni, 29 (febbraio negli anni bisestili come questo), 30 o 31. Perciò 1 mese mi pare una unità di misura variabile, che di sicuro non si può per forza far coincidere coi 30 giorni. Quindi non sta scritto da nessuna parte che tre mesi di esmya sono 90 giorni, quindi 90 pillole. Questo per cominciare a sgomberare il campo da un equivoco che su questo blog torna spesso e ha fatto sì che più di una donna abbia assunto più di tre scatole.
          Esmya, così come commercializzata in Italia, ha 28 pillole (guarda un po’, proprio come la pillola anticoncezionale e quello che si intende essere un ciclo mensile mestruale medio). In Emilia-Romagna, nella ricetta di prescrizione del farmaco, è scritto che ogni ciclo è di 3 scatole. Per fortuna hanno avuto l’intelligenza di sgomberare il campo da possibili equivoci e di non usare la parola “mese”. Sono 3 scatole da 28 pillole l’una. Di più l’ospedale non ne dà. Le farmacie non lo hanno, se non quelle degli ospedali dove però vai solo con quella ricetta medica. Perciò non ho neanche un dubbio: 3 scatole da 28 pillole. Non c’è bisogno di fare nessun altro conto o di formulare ipotesi.
          Nel bugiardino troverai scritto che vengono prodotte scatole con quantitativi di pillole diverse, ma che non è detto siano tutte commercializzate. Bene, in Italia ti danno quelle da 28. Avranno avuto i loro motivi per decidere così. Esmya non è un farmaco da prendere alla leggera, con fantasia o autoprescrizioni… vai serena con le 3 scatole da 28 pillole che ti hanno prescritto.

    • Ilaria

      Ciao Carlotta,
      se hai il piano terapeutico non ci sono problemi perché il Servizio Sanitario nazionale distribuisce Esmya; in caso contrario si può comprare più o meno al prezzo che hai indicato portando in farmacia la ricetta bianca del tuo ginecologo. Ne sono certa perché io ho fatto così, dal momento che il mio ginecologo non è ospedaliero e per avere il piano terapeutico c’erano delle difficoltà. La farmacia ha ordinato il farmaco e ho pagato le tre scatole poco più di 600 euro.
      Per quanto riguarda la gravidanza, purtroppo non c’è una regola valida per tutte e se anche consulterai diversi medici, è probabile che tu raccolga pareri diversi…Diciamo che per l’esperienza fatta, posso dirti che molto dipende dalla sede dei fibromi e da quanto possano essere fastidiosi per un impianto. Certo è che la maggior parte dei ginecologi ti dirà che è meglio togliere preventivamente ciò che può disturbare una gravidanza. Esmya può avere buoni risultati ma non fa miracoli e il suo effetto si mantiene per circa 6 mesi…quindi se devi programmare una gravidanza devi più o meno cercarla subito dopo la fine della terapia. Valuta con il tuo ginecologo. In bocca al lupo per tutto ciò che sceglierai!

      • Bea

        A me in farmacia hanno detto che non me lo potevano dare né col piano né con altra ricetta (che comunque il mio medico mi ha poi detto che non mi avrebbe fatto, perché quelle son cose che fanno gli ospedali). La farmacia ha telefonato a Federfarma per sapere come regolarsi con questo farmaco e gli è stato detto che lo possono dare solo gli ospedali. Non so poi se sia una cosa solo della mia regione, l’Emilia. In ogni caso, per evitare sorprese, Carlotta, io ti consiglierei di informarti bene prima e prendirti tempo, altrimenti rischi di girare tra medici e farmacie senza cavare un ragno dal buco… Il costo scritto sulla scatola supera i 240 euro. Credo che se Carlotta ha in mano un piano terapeutico non dovrà preoccuparsi di nulla… l’ospedale le darà il farmaco, gratis.

        • stefania

          io vivo a Roma il ginecologo mi ha consegnato il piano terapeutico una copia l’ho consegnata all’ufficio farmaci della asl , un’altra copia alla mia dottoressa che mi ha fatto la ricetta rossa con la dicitura NOTA 51 e una copia alla farmacia insieme alla ricetta rossa

      • Ilaria

        Sicuramente Carlotta non avra’ problemi con il piano terapeutico e risparmierà anche un bel po’ di soldini! Solo perche qualcun altra potrebbe trovarsi nella difficoltà di reperire il piano terapeutico o avere una prescrizione ospedaliera, volevo dire che quando ho acquistato io Esmya, cioè a Febbraio, avevo letto su Gazzetta Ufficiale di luglio 2014 questo paragrafo che vi incollo:
        Classe di rimborsabilità: A Nota 51
        Prezzo ex factory (IVA esclusa): € 149,10
        Prezzo al pubblico (IVA inclusa): € 246,08
        Validità del contratto: 24 mesi
        Sconto obbligatorio alle strutture pubbliche sul prezzo
        Ex Factory come da condizioni negoziali.
        Art. 2.
        Classifi cazione ai fi ni della fornitura
        La classifi cazione ai fi ni della fornitura del medicinale
        ESMYA (ulipristal acetato) è la seguente: medicinale sog-
        getto a prescrizione medica limitativa, da rinnovare volta
        per volta, vendibile al pubblico su prescrizione di centri
        ospedalieri o di specialisti – ginecologo (RNRL)
        In farmacia telefonarono al fornitore che si disse disponibile a procurarlo e il giorno dopo era lì; in ogni caso, hanno voluto tenere in originale la ricetta dello specialista.Devo dire però che in un’altra farmacia mi avevano fatto più problemi, anche se non mi era stato apertamente negato…mi dissero solo che era meglio farsi fare il piano terapeutico, cosa che in effetti sarebbe stata preferibile, anche economicamente!
        Forse nel frattempo ci sono stati altri pronunciamenti del Ministero..non lo so perché non mi sono più informata.
        Ciao a tutte!

        • Bea

          Ci sono farmacie che rispettano le regole… e altre no. E parlo davvero con cognizione di causa.
          A Claudia, volevo dire che Esmya, per come lo hanno raccontato a me, serve a metterti temporaneamente in condizioni migliori per essere operata, ovvero è pre-operatorio e sarebbe dimostrato che agevola operazioni meno lunghe e invasive. Questo è scritto chiaramente nel piano terapeutico. Che poi qualcuna si schivi del tutto l’operazione perché riduce così tanto, va in menopausa, cambia qualcosa… è possibile, non certo scontato e non credo nemmeno la norma. A me è stato spiegato molto chiaramente. Non so se ci siano gine che la raccontano diversamente… Spero che qui nessuna si illuda di risolvere con assoluta certezza definitivamente e per sempre il problema. Con qualunque intervento il fibroma può recidivare. Chi è portata a produrre fibromi ne può avere sempre di nuovi. Esmya non ha mai fatto sparire nessun fibroma, al massimo lo ha ridotto nel tempo. Anche con l’embolizzazione si riduce nel tempo. L’unica salvezza vera è la menopausa… donne entrate in menopausa con fibromi lo hanno visto sparire. Altrimenti ci si fa togliere l’utero e allora il problema è risolto.
          Scusate la crudezza, ma credo convenga accettare la realtà e che poi si scelga il male minore tra le soluzioni alternative possibile, sapendo bene cosa aspettarsi.

  • sara

    Ciao ragazze ,io ho iniziato il primo trattamento con Esmya l’ 11 Maggio e finito il 3 agosto perciò ho passato tutte l’estate senza mestruazioni , il che (voi mi potete capire come nessun altro) è stato fantastico !!! Durante il trattamento ho avuto delle perdite saltuarie solo durante i primi due mesi poi più nulla .Come tutte le cose belle haimè è finita infatti al ritorno dalle ferie puntuali come un orologio il 29 Agosto si sono ripresentate inizialmente con delle perditine poi con perdite abbondanti poi dopo circa 3 gg. sembravano attenuarsi per poi ricominciare ! Alla fine sono 12 gg. di mestruazioni continue e vorrei sapere se secondo le vostre esperienze è normale. Non vorrei passare da tre mesi senza ciclo a tre mesi di ciclo continuo !!! Domani sentirò la ginecologa e vi saprò dire ,aspettavo mi passassero per poter fare una ecografia. All’inizio della terapia il mio fibroma intramurale era ci circa (circa perché a seconda di dove lo fai cambia dimensioni) di 5,8 cm. Vi terrò informate ovviamente per il momento auguri a tutte

  • claudia

    Visto che nessuno ti risponde (e conoscendo bene il bisogno di conforto e consigli che si ha in questo momento) provo a risponderti io….I cicli dopo esmya sono un vero terno al lotto, nel senso che possono essere più leggeri (come ho letto è successo ad alcune ragazze, poche per la verità) o devastanti come prima. C’è pochissima, per usare un eufemismo, informazione su questo; in internet e sul bugiardino trovi solo che il ciclo dovrebbe riprendere entro 4 settimane dalla fine della terapia, ma per il resto nisba, ed anche i ginecologi ne sanno ben poco, visto l’inesperienza riguardo all’uso del farmaco. Per quanto mi riguarda io ho avuto il primo ciclo 20 giorni dalla fine della terapia. è stato leggerissimo ed è durato 3 giorni. Il secondo ciclo di nuovo emorragico….a posteriori ho saputo che il primo è da considerarsi “da sospensione”, un pò come quello che viene quando si fa la pausa x la pillola anticoncezionale, le cosiddette “false mestruazioni”. C’è anche da considerare che l’organismo viene da tre mesi di ciclo interrotto, che l ‘endometrio si è ispessito, il progesterone (che ha potere emostatico) è stato bloccato, quindi ci sta anche una mestruazione abbondante e prolungata….avevo capito che il farmaco poteva avere azione anche sui cicli successivi (rendendoli più leggeri) anche se non c’era stata una riduzione nelle dimensioni, ma una ginecologa mi ha poi detto che il ciclo di solito si ripresenta con le stesse caratteristiche di prima (ma allora a cosa cavolo serve? boh). Come stai adesso? Sono finite? Valuta l’opzione tranex semmai….

    • Claudia

      Io ho intrapreso il percorso esmya per diverse motivazioni: sul momento avevo bisogno principalmente di stoppare il,sanguinamento e risollevarmi dall’anemia e devo dire che , a questo proposito, è stata una mano santa visto che mi ha fermato il ciclo immediatamente e per tutti e tre i mesi non ho visto più niente di niente.Pero è indicato in vari siti che dovrebbe avere un effetto regolatore anche sui sanguinamenti successivi, quelli fuori dalla terapia, ma qui leggo spesso il contrario. Speravo in questo perchè il flusso abbondante era il mio sintomo principale, non avendo pesantezza addominale, nè mal di schiena, nè pancia da donna in cinta ed entrando sempre nei miei jeans taglia 38/40. Questo mi aspettavo, nulla di più…..se poi avesse anche ridotto le dimensioni, meglio! Per quanto riguarda l’embolizzazione, i fibromi si riducono e non ritornano, non c’è il rischio recidiva, c’è una piccola possibilità in caso di fibromatosi particolarmente aggressiva , ma non certo nel giro di pochi anni come accade per gli interventi chirurgici. I fibromi vanno in NECROSI, cioè muoiono perchè non hanno più il supporto sanguigno.

      • Bea

        So Claudia cosa dice Lupatelli, forse sulla base delle sue statistiche personali, ma si trovano altri dati su internet, su siti di ospedali etc, con statistiche relative alla singola struttura o a studi più ampi, anche internazionali… comunque buoni ma non così perentori sulle recidive. Anche dati che dicono che se ne hanno meno con gli interventi normali. Conosco donne operate da anni che poi hanno avuto figli. Alcune con recidive, altre no che stanno benissimo. E donne che si sono tenute il fibroma e sono andate in menopausa e non lo hanno più. Donne il cui fibroma, da anni, non cresce e non dà problemi… per cui vai a sapere cosa conviene fare… lo scopri dopo, mi sa. Perché regna il caos, poi magari chi decide di fidarsi di qualcuno e crederci fino in fondo si sente più sicura e io auguro il meglio…
        Sul sanguinamento, io non ho mai pensato lo avrebbe fermato anche dopo… se il fibroma non se ne va del tutto come potrebbe fermarlo? A parte che a volte c’è sanguinamento anche con fibromi piccoli, perché ho letto che non dipende dalla misura.

  • claudia

    faccio copia e incolla Controllo del sanguinamento uterino mantenuto anche durante i periodi di sospensione del trattamento, durante i quali l’entità della mestruazione si è progressivamente ridotta (la media per il ritorno alla mestruazione è di 18 giorni alla fine del primo ciclo e 22 giorni alla fine del quarto, con una media di 20 giorni per 4 cicli successivi). Questo è il sito http://www.notiziariochimicofarmaceutico.it/2015/02/25/fibromi-uterini-ulipristal-acetato-disponibile-anche-in-italia/

  • sara

    Eccomi ,vi avevo scritto richiedendo se per voi era normale un ciclo abbondante ma soprattutto lunghissimo (13 gg) dopo il primo trattamento durato 3 mesi con Esmya !!! Grazie Claudia per la tua risposta ,haimè non è facile trovare informazioni riferite al periodo successivo al trattamento , molte parlano delle dimensioni dei fibromi che a volte reagiscono rimpicciolendo (purtroppo non sempre)ma i cicli di conseguenza dovrebbero alleggerirsi no??? !!!.
    Volevo però essere positiva e darvi un’ultima informazione …..le mie mestruazioni negli ultimi tempi erano oltre che abbondanti anche composte da coaguli (scusate è rivoltante lo so) ad ogni modo niente coaguli nell’ultimo ciclo !!?? Cantare vittoria??? Mha aspetto che la gine rientri dalle vacanze , farò una eco e poi vi saprò dire. L’ultima cosa che vorrei sarebbe dover ritornare sotto i ferri perciò farò il possibile per trovare una cura “alternativa”. Grazie per questo spazio che è così importanti per noi tutte !!! E…. al diavolo fibroma !!!

    • Patty

      Ciao Sara, io ho appena finito il terzo ciclo con esmya e se ti può rassicurare anche per me il primo ciclo è stato infinito ma poi i successivi sono arrivati si abbondanti ma con una cadenza di 20 gg e una durata media di 3 gg. Adesso devo vedere come va con questo terzo ciclo. Pare che il fibroma si sia ridotta da 5,5 a 3 cm quindi dovrebbe essere anche meglio. La mia ginecologa mi ha proposto di proseguire con un quarto ciclo. Sto valutando la cosa, anche in funzione di come andrà da qui in avanti.

  • Bea

    Buongiorno ragazze, eccomi con la mia esperienza relativamente ad Esmya.
    A fine giugno ho fatto un controllo ginecologico perché avevo l’addome molto gonfio sotto l’ombelico, al punto che in più di una persona nell’ultimo anno mi avevano chiesto se fossi incinta. Il mio medico mi disse che in effetti parevo incinta di 4 mesi e mi spedì da una ginecologa. Io non facevo controlli da 5 anni direi… Altri sintomi che ho poi capito collegati al fibroma: flussi abbondanti e liquidi (scopro poi per l’anemia) da 2 anni (il tampax più grande in circolazione reggeva 1 ora nei 2 giorni clou), più spesso a fare pipì da 2/3 anni con risvegli notturni o la mattina presto per correre in bagno.
    Il controllo ginecologico rileva un fibroma intramurale di 10 cm di diametro medio e cisti endometriosiche alle ovaie, di cui la più grossa di 4,4 cm. Mi viene detto che a operare subito c’è da togliere tutto, perché il fibroma è troppo grosso e occupa tutto l’utero. E mi viene proposta Esmya per tentare di ridurlo, con l’avvertenza che non sempre funziona e che ci sono effetti collaterali come mal di testa, vampate, vertigini, anche se rari. Mi viene detto anche che metter a riposto le ovaie potrebbe risolvere anche le cisti, che comunque al momento preoccupano meno.
    Faccio a distanza di qualche giorno una seconda ecografia da un altro ginecologo, per avere più certezze sulla diagnosi. Lui conferma le dimensioni del fibroma, che precisamente sono di 10,5 cm per 9,5 cm e le cisti (anche se non si sbilancia sulla natura). Mi dice che in effetti è grosso, che l’operazione salvando l’utero si può tentare, ma certo non è sicuro che lo si salvi, anche perché sicuramente sarò anemica e questo non facilita un’operazione lunga… si fa prima a tirare via tutto. Entrambi hanno parlato di laparotomia, di tagliare insomma.
    Io faccio le analisi del sangue che confermano l’anemia (emoglobina 9,1) e il CA125 alto (che non allarma nessuno, in quanto con fibroma e cisti è scontato, andrà però monitorato).
    Scelgo Esmya e comincio la cura a luglio.
    Durante l’estate non ho nessun effetto collaterale, giusto qualche perdita acquosa ogni tanto e soprattutto all’inizio, ma una cosa minima. Niente mestruazioni. Dopo 5 settimane comincio a notare che la pancia è meno gonfia, rientro nei pantaloni di una volta, non mi sveglio più per correre in bagno, dormo di più… Intanto qui sul blog leggo dell’embolizzazione, mi informo qua e là, ma ho problemi di coagulazione del sangue… quindi per me è controindicata. Da qualche giorno noto un’ulteriore riduzione della mia pancia… da sdraiata si vede sempre la collinetta, anche se più piccola… in piedi non si nota più nulla. Tra 2 giorni finisco la terza scatola di Esmya. Oggi ho fatto il controllo ecografico.
    La ginecologa mi ha chiesto prima di tutto se avevo avuto effetti collaterali ed era contenta di sapere che non ne ho avuti, perché questo ci permette di continuare la cura con un secondo ciclo ed è al secondo ciclo che si hanno di solito anche effetti significativi sulle dimensioni del fibroma. E’ comunque contenta di sapere che ho meno sintomi. Al controllo il mio fibroma risulta di 9,5 per 7,7 (il diametro non lo ha scritto), quindi ridotto. Durante l’ecografia mi fa vedere come si veda tutto attorno il tessuto muscolare che non è fibroma. Le cisti son sempre lì, dice che per quelle vedremo nel tempo. E’ contenta perché sono nelle condizioni di fare il secondo ciclo e comincia a funzionare. Domani rifarò le analisi del sangue, così vediamo anche come vanno i valori.
    Il suo scopo è ridurre il fibroma per operare con più sicurezza di salvare l’utero e con operazione meno invasiva. Per farlo deve ridursi. Le chiedo se faremo anche un terzo e quarto ciclo e mi conferma che in Italia non sarebbe previsto e che lei è per operare appena possibile.
    Ora finisco questo primo ciclo e attendo le mestruazioni, di cui la informerò puntualmente. Le ho chiesto come saranno, mi ha risposto che non si può sapere, né come tempi né come abbondanza, ma di non aspettarmi che non siano abbondanti… è più facile che siano come prima.
    Che altro dirvi? Ho 41 anni e mezzo e le avevo chiesto di preservare la mia fertilità e il mio utero. Direi che è quello che stiamo provando a fare e oggi sono un po’ più ottimista. 🙂

    • antiska@gmail.com

      Salve io ho terminato il primo ciclo di Esmya a marzo e dopo il controllo la mia ginecologa ha detto che da 5,9 era arrivato a 5 ora sto facendo cicli di agopuntura e osteopatia seguita da un nutrizionista e dopo 6 mesi il fibroma non è cresciuto anzi è leggermente calato.La mia ginecologa dici che comunque l’effetto più o meno dovrebbe durare un anno.Tutto bene quindi la consiglio a tutte unico neo che ancora i tentativi per una gravidanza non son andati in porto ma secondo la ginecologa non è preoccupante anche perché avendo ancora l’effetto di Esmya da una parte potrebbe un pó interferire con la produzione di ormoni.A qualcuna di voi si è instaurata una gravidanza terminata la cura?Dopo quanto?Grazie ragazze

      Inviato da iPhone

      >

      • Anty

        Ciao la mia ginecologa dice che ogni gravidanza è a se quindi certezza al 100% non ce ne sono ma secondo lei visto dove lo ho posizionato e visto che piano piano sta regredendo e ora ne ho solo uno di 4 cm rispetto ai 7 cm di prima potrei provarci… lei mi ha detto che ha fatto partorire anche ragazze con miomi più grossi di 11 cm sicuramente in gravidanza crescono e questo potrebbe essere un problema ma siccome ancora sono coperta per altri 6 mesi dall’effetto di Esmya non dovrebbe crescere molto… il problema è che se da una parte il fibroma non cresce dall’altra la produzione ormonale per una gravidanza è un pò limitata… ormai sono 6 mesi che ci provo (lo so che non sono molti) ma ancora nulla… qualcuna di voi dopo Esmya ha tentato una gravidanza con successo e dopo quanto ci siete riuscite?
        Lei è fiduciosa e ha tranquillizzato anche me… inoltre l’agopuntura e naturopata mi stanno dando una grande mano regolarizzandomi il ciclo al secondo e anche i dolori e secondo loro dovrebbe da ora in poi rimpicciolirsi sempre più fino a sparire speriamo 🙂 ho 37 anni e nessun figlio per ora

      • Ilaria

        Ciao ragazze,
        sono stata un po’ in dubbio se rispondere a questa conversazione perché anche se sono a 11+5 e per ora tutto procede bene, non mi sento per niente tranquilla..Due aborti con raschiamento, trombofilia e utero fibromatoso con in particolare mioma sottomucoso di 3 cm circa già trattato più volte isteroscopicamente, non mi rendono affatto serena, come potete facilmente immaginare. Mi sembrava giusto però dare speranza alle donne che non hanno figli e che si sono sottoposte al trattamento con Esmya. Premetto che, come qualcuna ricorderà, io ho avuto le mestruazioni due volte durante i tre mesi di trattamento, dunque il mio sistema forse non si è sballato del tutto, dunque, finito il ciclo di cura, non ci ha messo molto per riassestarsi. Finita a fine maggio l’ultima scatola, ho avuto mestruazioni pochi giorni dopo e poi, dopo un’ovulazione non normale (follicolo scoppiato non ancora maturo)monitorata ecograficamente, ho avuto un ciclo a luglio abbondantissimo e poi basta. Era prevista una IUI proprio per non perdere tempo prezioso ma il ginecologo era in ferie…dunque tutto rimandato a settembre..e invece! Per ora il mioma non ostacola la camera e vi dirò che il gine non lo ha mai misurato perché creerebbe ansie inutili…lui confida in un intervento di rimozione magari durante cesareo. Insomma, piedi ben piantati in terra, tantissimi farmaci…ma per ora le cose procedono in modo normale. Un abbraccio a tutte!

    • michelle

      Ciao
      io come te l’anno scorso mi avevan diagnosticato un fibroma 15×10 ho fatto la cura con esmya 3 mesi ma poi abbiam deciso di operare tanto tolto il dente tolto il dolore tanto essendo molto grosso anche a fare 2 cicli di esmya il risultato non avrebbe fatto miracoli cosi’ con tantissima paura come ho scritto piu’ volte qui nel blog dove le ragazze mi hanno aiutato tantissimo mi sono fatta operare mi hanno salvato l’utero visto che come te ho 40 anni e nessun figlio il tutto è andato per il meglio è stata piu’ la paura che tutto il resto ora a distanza di sette mesi ho qualche piccolo dolore alla pancia non so se dovuta alla pillola che mi ha prescritto o se cè ancora qualcosa in giro spero tanto di no comunque ad ottobre ho l’ultimo controllo speriamo che vada tutto bene…. vorrei dirti stai serena che andra’ tutto bene ma so che non e’ cosi facile un’abbraccio

      ciao miky

      • Bea

        Grazie Michelle/Miky… sì, ho ben presente la tua storia! Non mi aspetto miracoli, ma un’operazione più facile magari, senza anemia! Credo che le dimensioni in effetti possano essere relative, ma che anche la posizione o la dimensione dell’utero abbiano il loro peso. Nel mio caso, sentiti due ginecologi e non avendomi dato nessuno dei due sicurezze sull’operazione, ho scelto questa strada. Visto che non ho effetti collaterali, comincerò sicuramente il secondo ciclo e poi vediamo come va… il confronto e il monitoraggio con la ginecologa è costante, mi ha dato il suo numero di cellulare, insomma mi sento abbastanza serena per ora. Poi quando l’operazione si avvicinerà verrò a scocciarvi tutte quante :-). Grazie intanto per il tuo supporto, sei stata davvero tanto carina! 🙂 🙂 🙂
        Credo che i tuoi dolorini potrebbero essere anche solo piccole aderenze, una mia amica ogni tanto ho lo stesso problemino ed era stata operata in laparotomia a 39 anni (e dopo ha avuto un bimbo)… tienimi informata se fai un controllo!

    • Ciao Bea,

      grazie mille per aver condiviso la tua esperienza. Se per te non è un problema vorrei ripeterla in un articolo vero e proprio. Mi sembra molto interessante e ho paura che nei commenti dopo un po’ si perda. Credo invece che dovrebbe avere maggiore visibilità e che tutte dovrebbero leggerla. Sei d’accordo?

  • Bea

    Scusami, Miki, la mia amica è stata operata in laparoscopia, non laparotomia. Aveva diversi fibromi, di cui il più grande di 12 cm. Questo ha provocato malformazioni al feto, per cui ha abortito. Dopo l’aborto, i fibromi erano ridotti (sto parlando di 10 anni fa, non so che farmaco le abbiano dato per abortire, ma so che l’effetto ormonale può diminuire il volume dei fibromi) ed erano ben sotto i 10 cm. Mi pare che il più grosso fosse di 7, ma potrei ricordare male. Di sicuro mentre subito avevano parlato di togliere l’utero, dopo invece è stata operata in sola laparoscopia. E ha avuto una seconda gravidanza e un figlio sanissimo. Ora sono passati 10 anni, le è tornato qualche piccolo fibroma, ma attende la menopausa per risolvere. Dall’operazione in poi ha sempre avuto qualche piccolo dolorino, lei dice per aderenze. Io ho letto che quando si opera all’addome o in zona pelvica, il rischio di aderenze è del 93%. Insomma, si formano praticamente sempre. Poi non è detto si facciano sentire con dolore… però mi pare più probabile che i tuoi dolorini siano dovuti a quello che a nuovi fibromi. Il fibroma ti faceva male? Perché a me, ad esempio, per nulla…

  • Bea

    Buongiorno ragazze, oggi ho ritirato le analisi fatte mentre era in corso l’ultima settimana di trattamento con Esmya (la terza scatola del mio primo ciclo col farmaco insomma).
    L’emoglobina è 10,5 (prima del trattamento era 9,1), quindi sempre sotto la normalità (che dovrebbe essere tra 12 e 16), ma risalita. Ricordo che non ho mai avuto il ciclo nei tre mesi con Esmya. Prima di cominciare i tre mesi, avevo misurato anche il ca125, per via delle cisti ovariche. Non per capire la malignità/benignità (mi hanno detto che non funziona bene per capire quello, anche se inizialmente era il valore usato a quello scopo, ma hanno visto che è positivo anche con patologie benigne), ma per vedere come reagiva alla cura e nel tempo. Insomma, per capire quanto le mia patologie fossero “attive”. Prima della cura era 73 (più del doppio del massimo di quanto è considerato normale), ora è sceso a 22,7, ovvero rientra nella normalità.
    Devo dirvi però che non so poi se il valore alto dipendesse dal fibroma (pare che anche il fibroma lo faccia salire) o dalle cisti ovariche endometriosiche (come pensa la mia gine), perché avendo scoperto solo recentemente entrambe la patologie, non so per certo quale delle due patologie fosse ferma e quale in crescita o se fossero entrambe in crescita. Di sicuro ora è in calo il fibroma. Le cisti sono sempre lì e non le hanno misurate a questo controllo. Boh, vedremo.
    Ele, se vuoi aggiungere queste informazioni al post che farai, procedi pure.
    Vi farò sapere come va quando avrò il primo flusso (ho finito Esmya oggi). Buona giornata.

  • Speranza

    Ciao a tutte. Sonoquasi alla fine della terza scatola.i primi giorni tanti dolori ma poi solo un po di sbalzi di umore. Il brutto è che oggi ho fatto ecografia e nn sembrano rimpicciolito. Sono abbattuta,pensate che sua normale e che si hanno effetti solo a fine ciclo o dopo il secondo ciclo oppure su di me non ha effetti. Purtroppo ho cambiato ginecologo e quello di adesso dice che esmya non fa rimpiccioline i miomi ma solo riposare utero e prepararti alla operazione è per me sembrano non esserci speranze.
    Certo che ogni dottore dice la sua…..difficile capire la strada giusta e intanto il tempo passa.

    Spero riuscire a vincere e avere un bimbo anche io.
    Ciao

    • Mafalda

      Mi trovo nella stessa tua situazione. Anche il mio gine dice che fa riposare l’utero per l’intervento per evitare collassi. E anche io vorrei un bimbo. Domani ho le analisi del sangue e il colloquio con l’anestesista. speriamo bene.

      • Bea

        Ciascun ginecologo dice la sua e ciascuno è libero di esprimere la propria opinione, però io avevo una pancia che sembravo di 4 mesi, prima di esmya… chiaro sintomo del fibroma, secondo tutti (medici e ginecologi, ne ho sentito più di uno e fatto due ecografie), perché con 10 cm di diametro non sta certo in un utero normale. E ora, dopo tre mesi, è piatta.
        Come sarebbe possibile se il fibroma non si fosse rimpicciolito, come anche l’ecografia ha confermato?
        La mia pancia era sempre gonfia da un anno almeno e in modo anomalo, con la forma dell’utero ingrossato proprio (ovvero gonfia solo sotto l’ombelico). E ora non lo è più.
        E se non si fosse rimpicciolito, come si spiegherebbe che prima andavo continuamente in bagno, anche di notte, e ora sono capace di dormire 10 ore di fila?
        …mah, il mio fibroma si sarà ridotto per una strana congiuntura astrale!

      • Mafalda

        Ciao Bea. Infatti concordo con te, questi piccoli particolari che percepiamo noi, fanno la differenza.
        Anche io avevo una pancia gonfia (sono un pò formosa quindi non sarò mai magra pancia piatta!!!) me ne accorgevo quando distesa andavo a dormire e mio marito toccandomi la pancia lo sentiva benissimo sotto le dita; adesso invece deve premere un pò più in profondità per sentirlo.
        Per di più prima mi schiacciava la vesciva e l’ombelico (il maledetto arriva fino all’OT!!!) e quando premevo sull’ombelico avevo un fastidio tipo quando hai una cistite. Adesso se ci schiaccio il fastidio non lo sento più. Riesco ad indossar pantaloni a vita bassa mentre prima mi davano fastidio perché premevano sull’ombelico o un pò più giù.
        Poi prima di iniziare la terapia con Esmya andavo in bagno ogni 30 minuti!!!
        Adesso vado in bagno quasi ogni 2 ore e passa circa in bagno.
        Forse la congiunzione astrale che dici tui ha fatto bene anche a me.
        Non voglio illudermi e voglio star con i piedi per terra quindi aspetto la fatidica data.
        Comunque a parte gli scherzi adesso devo solo aspettar che mi chiamino per l’intervento proprio stamattina ho fatto le analisi di preospedalizzazione.
        HO UN ANSIA CHE MI DIVORA,
        BUONA FORTUNA A TUTTE TENIAMO DURO.
        Buona serata
        Maffy

  • Anty

    Ciao Ilaria spero tutto vada per il meglio…spero che anche a me sia data la possibilità di rimaner incinta nnstante il mostriciattolo… La mia ginecologa dice che l’ovulazione è regolare quindi confido in questi prossimi mesi in bocca al lupo a tutte ragazze

  • sara

    Ciao ragazze, mi associo a ciò che ho letto nei vs. messaggi ….forse non si riducono poi molto sti maledetti fibromi dopo il trattamento con Esmya però sembrano dare un po’ meno problemi. Il mio fibroma prima del trattamento durato 3 mesi era di circa 5,5 cm. ora è di 5 cm. non una gran differenza lo ammetto infatti il ciclo è sempre abbondante ma senza coaguli (per me una piccola vittoria). La prossima settimana comincerò un altro trattamento di altri tre mesi ,dopodiché mi dovrò arrendere e pensare di togliere in qualche maniera stò infame !!! 5 anni fa mi ero già sottoposta ad una laparoscopia per togliere altri tre fibromi ora non vorrei sottopormi ad un’ennesima operazione e stò valutando praticamente ogni altro metodo per eliminarlo ma non so decidermi. :-(. In bocca al lupo

  • maddy

    Ciao Sara, nel frattempo stai valutando anche la strada dell’embolizzazione? Io pur di non fare un altro intervento chirurgico ho scelto questa strada e ne sono soddisfatta.
    Per maggiori informazioni vai su embolizzazione.it, dove trovi il link di “Vai al Forum sull’embolizzazione” così ti fai un’idea dei risultati ottenuti di chi l’ha fatto. Anzi, posto direttamente il link delle testimonianze :

    http://embolizzazione.forumup.it/forum-1-embolizzazione.html

  • Bea

    Ciao Sara! Il mio si è ridotto un po’ di più dopo tre mesi… direi un 15%. Il tuo mi pare un 10% dai dati che hai. Avevo letto che la media era 21% dopo tre mesi, quindi c’è chi starà sotto e chi sopra. Io ho ridotto anche l’anemia. Ora sono nei due mesi di pausa e sto avendo il primo flusso mestruale… mi è venuto dopo 25 giorni che è sempre stata la mia media abituale per il ciclo. Per il momento ho avuto solo i vari sintomi premestruali, ma non ho mal di pancia e il flusso è normale. Io però di coaguli non ne ho mai avuti. La mia ginecologa dice che i risultati maggiori si hanno con il secondo ciclo di esmya, quindi se non si sono avuti effetti collaterali si fa il secondo. Io spero tanto che nel frattempo la legge italiana si adegui a quella europea che già permette i 4 cicli. Altrimenti anche io sarò operata, ma se non altro esmya dovrebbe rendere l’intervento più leggero.

    • ciao a tutte! sono pulcherie ho 30 anni e è solo da 2 mesi che ho scoperto che ho fibromi in cui il puù grosso ha 7cm di diametro devo sottopormi all’ intervento chirurgica ma il mio ginecologo oggi mi ha prescritto sto farmaco quindi inizierò domani vi faro sapere come andrà a finire

  • Rossella

    Ciao ragazze, io assumo esmya da due mesi, tra un po inizio l’ultima scatola e poi sospendo per due mesi. Ho un fibroma intramurale di tre cm, ho iniziato questo trattamento per evitare l’intervento. Spero vada bene. Nn ho riscontrato grossi effetti collaterali a parte il dolore al seno! Vi scrivo perché nn mi è chiara una cosa, con l’assunzione di esmya siamo coperte da possibile gravidanza? Ci sono idee discordanti! Vi ringrazio

    • Bea

      Ciao Rossella, idee discordati sul potere contraccettivo o meno di esmya? E dove hai trovato idee diverse da quanto scritto nel bugiardino? Non è un anticoncezionale, quindi non sei coperta. Tanto che anche la mia ginecologa mi ha scritto e raccomandato di usare un contraccettivo meccanico.
      Forse il dubbio ti viene per il fatto che – tra gli effetti collaterali desiderati – potresti non avere le mestruazioni/l’ovulazione. Ma non è un effetto sicuro e ci sono donne che hanno le mestruazioni, a volte non il primo mese ma il secondo o il terzo. Perciò no, non è un anticoncezionale, non sei coperta.
      Secondo me non dovremmo lanciarci in interpretazioni, non essendo medici, ma stare a quanto scritto là sopra.
      Boh, ragazze, spesso quando leggo commenti qui sopra resto davvero stupita dalla varietà di interpretazioni, credenze, convinzioni, dubbi in circolazione.
      Io ho trovato la massima coerenza tra quanto detto dalla mia ginecologa, scritto nel bugiardino, letto su siti affidabili e seri, sperimentato sulla mia pelle…

    • Ilaria

      Secondo me no. Io per esempio ho avuto il ciclo durante la terapia con Esmya e non so se ho ovulato o meno. Non mi fiderei tantissimo della copertura…

  • Rossella

    Ciao, la mia nn è stata un interpretazione a ciò che è scritto sul bugiardino,anzi il contrario sin dall’inizio della prescrizione la mia ginecologa rispondendo alla mie domande mi ha detto che esmya è considerato un anticoncezionale e per questo nn avrei dovuto utilizzare un metodo contraccettivo diverso! Il dubbio mi è venuto leggendo quello che c’è scritto sul bugiardino, per questo motivo vi ho scritto….

  • sabrina

    Cara Ele, mi sento in dovere di racontarti la mia esperienza personale.
    Sono una ragazza di 24 anni e verso giugno il ginecologo mi ha trovato un mioma sottomucoso di circa 4cm.
    verso settembre ho cominciato il trattamento con Esmya per cercare di rimpicciolirlo e sopratutto per ammorbidirlo il più possibile.
    Ho preso Esmya per 3 mesi e 17 giorni.
    Gli effetti collaterali che ho provato sono stati: ritenzione idrica, stanchezza, vampate, dolori alle gambe, nervosismo e calo del desiderio sessuale.
    al termine del trattamento, dopo ecografia, mi comunicano che il fibroma non è diminuito in volume.
    Ieri ho subito l’isteroscopia. al mio risveglio i medici mi hanno comunicato che sono riusciti a togliermelo solo per metà in qunto il fibroma era ancora molto duro.
    Pertanto mi dovrò sottoporre nuovamente all’intervento tra circa un mese (senza Esmya).
    Certa che la vostra esperienza sarà sicuramente migliore della mia, vi mando tanti auguri di buon natale.

    • Cara Sabrina,
      grazie mille per aver condiviso la tua esperienza. Se può consolarti capita piuttosto spesso che i fibromi non vengano rimossi completamente, e nella “disgrazia” possiamo dire che tu sia fortunata perchè potrai rimuovere il tuo in isteroscopia, che è un intervento tutto sommato poco invasivo e per niente doloroso. Faccia sapere come va a finire e un grosso in bocca al lupo!

    • Bea

      Ciao Sabrina, come mai hai preso Esmya per tre mesi e 17 giorni, considerando che nella posologia è scritto di prenderne consecutivamente solo 3 scatole da 28 pillole, una al giorno, quindi esattamente 54 giorni? E poi, eventualmente, di fare una pausa di due cicli mestruali prima di riprendere altre tre scatole? Chi ti ha prescritto Esmya in modo da prenderne per tre mesi e 17 giorni?

      • Flavia

        Rispondo io per la mia esperienza, visto che mi è successa la stessa cosa. Il piano terapeutico del ginecologo era per tre mesi, ma con le confezioni da 28 non si arriva a tre mesi… allora io sono andata dalla mia dottoressa per la prescrizione della quarta scatola e lei non ha eccepito nulla…. nemmeno in farmacia… e quindi mi sono fatti 3 mesi e giacchè c’ero mi sono prese pure quelle avanzate…..col permesso del ginecologo ovviamente.

        • Bea

          Questa cosa è demenziale… posso chiedervi di dove sono i vostri ginecologi?
          La regione Emilia-Romagna ha disciplinato il farmaco nella sua somministrazione con una ricetta apposita rilasciata solo dagli ospedali (visto che la cura è pre-intervento) dove è scritto “numero di confezioni prescritte*”
          “sono prescrivibili un numero massimo di 3 confezioni per ciclo”
          e va segnato se si tratta del primo o del secondo ciclo.
          E sulla ricetta viene barrato se stai facendo il primo o il secondo. Le scatole sono rilasciate una alla volta unicamente dalle farmacie dell’ospedale. Tutto è schedato e non esiste modo di fare qualcosa di diverso a tutela del paziente. Non sono stato speromentati dosaggo diversi. La normativa europea, poi quella nazionale sono molto chiare. Tre mesi significa tre mesi come per la pillola contraccettiva. Cioè mesi da 28 giorni (ciclo mestruale medio). D’altra parte per i vostri mesi di quale mese avete tenuto conto? Quelli da 30, 31 o 28 giorni come febbraio? O 29 come febbraio in anni bisestili. O 365 giorni diviso 12? Perdonate l’ironia, ma mi sembra un equivoco assurdo.
          In ogni caso i tre mesi di Sabrina non tornano comunque… quei 17 giorni in più da dove vengono?

  • claudia

    Ricordo di aver letto, nel mio girovagare su internet, di ragazze che avevano fatto 4 mesi di terapia (cioè 4 scatole), altre che avevano cominciato il secondo ciclo di esmya alla prima mestruazione fuori dalla cura, e non alla seconda….non mi sono mai soffermata su queste discordanze perchè ognuno poi si fida del proprio medico (purtroppo) e segue le sue direttive. Sono convinta che ci sia una impreparazione e una inesperienza totale riguardo a questo farmaco e che, normative a parte, si vada un pò alla cieca….mi chiedo infatti : chi ha fatto analisi del sangue prima e dopo la prescrizione, chi ha avuto monitoraggio costante dell’endometrio (non solo con ecografia) durante e dopo la cura, quante pazienti ha seguito il vs ginecologo con questo trattamento, quali sono stati i risultati? Per il resto, aria fritta!!!

    • Bea

      Sono state fatte 4 diverse sperimentazioni (la prima con un ciclo, l’ultima con 4 cicli di cura), i cui dati e dettagli si trovano in internet, anche tradotti in italiano e con molta facilità. Sulla base di queste, prima l’Europa e poi l’Italia (per ultima tra i paesi europei) hanno autorizzato vendita e uso del farmaco secondo un protocollo preciso (per ora in Italia solo due cicli). Non è difficile accedere a queste informazioni. Nel mio caso corrispondono perfettamente a quanto prescritto e spiegato dalla mia ginecologa, che lavora in una struttura ospedaliera, che si muove come ho riportato. E nella mia città le norme nazionali e poi regionali, a quanto pare, sono ben conosciute e rispettate. Per prescrivere quel farmaco occorre aprire una procedura operatoria e rispettare un certo protocollo. Io ho fatto analisi del sangue prima della cura e alla fine del primo ciclo. Così come ho fatto ecografie (tra l’altro due ginecologi diversi all’inizio, stesso risultato). E rifarò tutto con il secondo ciclo che sto facendo ora. Le analisi vanno bene, io sto molto meglio e non ho avuto nessun effetto collaterale, al momento. Ho amenorrea quando uso il farmaco, ho avuto cicli ridotti rispetto a prima e senza dolore, nei due mesi di pausa. L’anemia è migliorata, la pancia si è sgonfiata, il fibroma si è ridotto e non comprime più la vescica. Nessunissimo effetto collaterale. Ho il numero di cellulare della mia ginecologa per ogni necessità o dubbio, la sento regolarmente per i vari aggiornamenti, mi riceve senza appuntamento al bisogno, perché ho una sorta di priorità viste le tempistiche di controlli e prescrizioni da rispettare. Ha detto che deve e vuole monitorarmi costantemente. Ogni volta che mi vede chiede e annota tutto ciò che le riporto. Niente è stato diverso da quello che mi aveva detto. Ha seguito e sta seguendo altri casi come il mio, ne ha un faldone pieno bello alto. Non ho chiesto quanti sono, non mi interessava. Mi ha raccontato della sua esperienza e delle statistiche. Nessuna illusione mai… piedi per terra: “la terapia dà buoni risultati, anche se non sempre funziona. Possiamo provare e vedere come va, se sta male smettiamo, se va bene e lei concorda, andremo avanti”, mi aveva detto. Mi ha chiesto se volevo provare, ho detto di sì. Stiamo provando e, per ora, con me funziona. Endometrio? Ho letto che può esserci un ispessimento benigno che poi se ne va da solo. Non me ne sono, quindi, preoccupata. Su altre cose avevo dubbi, ho chiesto e mi ha risposto. Non la trovo impreparata, non ho alcun motivo per dubitare di lei.
      Invece, a leggere alcuni vostri commenti, mi metto davvero le mani nei capelli… ma com’è possibile, mi chiedo, prendere certi “granchi”? Che una paziente vada da un ginecologo esponendo opinioni personali sulla terapia e chiedendo, lei, di avere più scatole rispetto a quanto prevede il protocollo e che queste le vengano date come fosse acqua fresca? E che qualcuna, in tutta tranquillità, proponga di prendersi 4 scatole di seguito superando ampiamente i tre mesi? Faccio persino fatica a crederci. Qui, a meno di non fare carte false, sarebbe stato impossibile. Impossibile!!! Anche perché quel farmaco può avere effetto abortivo, quindi il rilascio va controllato e monitorato. Invece a quanto leggo, altrove che improvvisazione, che menefreghismo! Ci credo che poi qualcuna sta male!!!
      Forse io vivo in un’isola felice, dove non viene lasciato spazio ad alcun dubbio, dove dei medici ci si può fidare, dove c’è empatia e cura vera per il paziente, dove tutto ha un senso logico e non c’è spazio per la libera interpretazione e la fantasia. Qualche caso anomalo può capitare anche qui, non discuto, ma in media i servizi sono alti. I pazienti poi oggi hanno mille armi a disposizione, oltre alla loro intelligenza…

      • Stanca

        anche io ho preso Esmya per 3 mesi non nel senso di cicli ma nel senso di mesi, quindi se il ciclo viene considerato di 28 l’ ho preso per 8 giorni in più. Da quando ho sospeso e cioeé il 17 dicembre spootting continuo. Da tre giorni mestr abbondanti e stanotte tranex. Ginecologi assenti. Nessuno mi ha detto nulla su cosa aspettarmi all’interruzione. E or nessuno risponde al telefono. Nelle frTtempo ho fatto isteroscopia per tentare gravidanza con fivet. Trovata infiammazione uterina e sinechie. Mah non so cosa pensare ma di sicuro i vostri ginecologi son più attenti dei miei.

        • Bea

          Mi dispiace molto sentire queste storie. Non so se il tuo problema dipenda dal fatto di non avere assunto esmya correttamente, ma posso assicurarti che non è stato assunto correttamente. Sul cosa aspettarsi dall’interruzione, la mia ginecologa mi aveva detto che avrei ripreso il ciclo mestruale, ma non c’era uno standard sulla tipologia di ciclo e sui tempi. Potevo riavere il flusso dopo 28 giorni o 40 e poteva essere come prima o diverso. Mi ha detto che la cosa più probabile era che fosse come prima, di non contare troppo su un miglioramento, perché era presto per vederne sul ciclo, come era presto per vederne di significativi sul fibroma dopo un solo ciclo (io comunque avevo già avuto benefici, ovvero emoglobina in risalita, pancia sgonfia, minzione meno frequente, niente mestruo, fibroma ridotto del 14%). Dopo il primo ciclo di esmya (quindi le tre scatole) io, che avevo cicli abbondantissimi da un paio di anni, l’ho avuto dopo 25 giorni (e questo per me è perfettamente in media, ho sempre oscillato tra i 21 e i 26) e finalmente normale, con anche poco dolore. Il secondo l’ho avuto dopo 21 e più scarso (ma forse il fatto di avere ripreso esmya per cominciare il secondo ciclo di tre scatole lo ha ridotto). Ora sono quasi alla fine della seconda scatola del secondo ciclo. Sto benissimo, la pancia si è sgonfiata ulteriormente e non ho né perdite né effetti collaterali. Ricontrollerò presto l’emoglobina e a fine della terza scatola rifarò l’ecografia. Stanca (e ci credo che sei stanca!), perché non cambi ginecologo? E come mai hai fatto la fivet ora? Non è meglio prima risolvere il problema del fibroma? Ho amiche che dopo la rimozione hanno avuto figli… più di un’amica…

  • flavia

    Ho assunto esmya per tre mesi a maggio dell anno scorso e non ho avuto nessun risultato tanto che poi ad agosto ho deciso per un isterectomia totale per estirpare quel maledetto mioma che mi causava emorragie e anemia da paura e così adesso sono felicemente in menopausa ( ho 53 anni). Tutto bene se non fosse che ho fatto un ecografia addominale per un dolore che va e viene a livello del fegato e il responso è : fegato nei limiti della norma con struttura iperriflettentead impronta steatosica,colecisti con irregolarità dei profili parietali interni come per possibili depositi colesterinici. La precedente ecografia fatta tre anni fa era perfetta non bevo non fumo non mangiò grassi non sono in sovrappeso e non ho colesterolo e trigliceridi! Tutto questo per dire che mi viene un dubbio : l ulipristal non deve essere assunto da chi ha problemi al fegato ma a questo punto mi viene anche il dubbio che crea danni anche a chi non ne ha!! Sono molto spaventata e in attesa di approfondire questa cosa ( ho ritirato gli esiti ieri) mi vien da pensare che siamo cavie da laboratorio e quando dicono che questo farmaco non va assunti per più di tre\ sei mesi forse dovremmo pensarci due volte prima di assumerlo! !!

    • Bea

      Ciao Flavia, a quel che so ogni farmaco fa bene da una parte e male dell’altra, così come ogni intervento chirurgico ha i suoi effetti collaterali. I tre mesi di simil-menopausa causati da esmya potrebbero non averti fatto bene (avevi effetti collaterali mentre eri in cura?). Ma neanche l’età, gli anni che passano, insomma, fanno bene al corpo (mio padre ha il tuo stesso problema e nemmeno lui fuma, è in sovrappeso, mangia grasso, beve, ha il diabete o valori sballati… tantomeno ha mai preso esmya).
      Neanche la menopausa fa bene al fegato, anzi pare proprio che quel tipo di problema di cui ci parli si riscontra in misura uguale in uomini e donne nel momento in cui la donna va in menopausa. Questo a quel che leggo e so, io che come te non sono medico. Vai a capire…
      D’altra parte qui ci sono donne che vogliono tenersi utero e ovaie ad ogni costo, perché magari non hanno figli o temono le conseguenze di interventi demolitivi (tu come ti trovi? la vita sessuale com’è? hai riscontrato problemi, differenze da prima, in generale? io sono molto spaventata da questa eventualità)… e che pur di tenersi l’utero preferiscono correre qualche rischio… tanto più se il rischio non è così certo e documentato.

  • Lucia

    Ciao a tutte, ho trovato questo sito cercando informazioni su Esmya perché anch’io, come tutte voi, combatto da diverso tempo contro i fibromi, che negli ultimi mesi hanno iniziato a causarmi dei cicli emorragici terribili, con tutte le consuenze del caso (anemia, ricoveri d’urgenza, trasfusioni, umore ai minimi termini). Inutile dire quanto sia spaventata e abbattuta, credo che mi capiate. Mi hanno prescritto Esmya come farmaco pre-operatorio, dicendomi che avrebbe ridotto i sanguinamenti. Mi hanno detto di iniziarlo non appena finita la scatola della pillola che prendevo prima (Klaira), non appena fosse riapparso il ciclo, e così ho fatto.
    Ora son passati sei giorni (sei pillole di Esmya) e il flusso non si è ancora interrotto. Non è emorragico (ho dei momenti dove le perdite son più abbondanti, ma nulla rispetto a prima) ma comunque è un flusso medio e non si interrompe…. sono molto abbattuta, perché ormai provo un tale odio e disgusto verso il sangue che a momenti mi viene da piangere anche solo a vedere gli assorbenti esposti in un supermarket.

    Vorrei sapere com’è stato per voi l’inizio di Esmya: il ciclo si è bloccato immediatamente non appena avete iniziato ad assumerla? C’è qualcuna a cui è continuato qualche giorno, come me? Sono seguita sia dalla mia ginecologa che dal chirurgo che mi dovrà operare e dicono di aspettare…
    Vi ringrazio in anticipo per qualsiasi risposta

    • Bea

      Ciao Lucia, il mio flusso quando ho cominciato a prendere esmya è stato identico ai precedenti, quindi abbondante e lungo quei 6 giorni che mi è sempre durato. Dopo non li ho più avuti. E intanto che ci sono aggiungo: niente effetti collaterali.

  • Lucia

    Grazie della risposta Bea, il flusso dopo 7 giorni si è interrotto anche a me ma continuo ad avere delle perditine scure almeno una volta al giorno, e sono sempre molto nervosa e agitata. Stamattina ho preso la decima pillola di Esmya. Qualcun’altra ha avuto lo stesso prolema con le perdite scure?

  • Bea

    Al termine della mia lunga avventura con Esmya, ecco qui com’è andata a me. L’ho scritto rispondendo qua e là a varie domande, ma ho pensato fosse utile fare un riassunto.
    Ho fatto due cicli da tre scatole l’uno. Prima tre scatole, una pausa di due cicli mestruali e all’inizio del secondo ciclo mestruale ho ripreso la terapia per altre 3 scatole. Il tutto per me è durato 7 mesi esattamente. Non ho avuto nessun effetto collaterale. Al primo ciclo di cura, le mestruazioni non si sono fermate subito, sono state come le avevo prima: abbondanti. Dopo non le ho avute per tutto il tempo in cui ho preso esmya. Le mestruazioni avute dopo le prime tre scatole sono arrivate dopo 25 giorni dalla sospensione e come mio solito ed erano normali per durata, tipologia e quantità, (quando invece prima della cura erano abbondantissime e dolorose, sempre però ogni 25 gg). La seconda mestruazione dopo le tre scatole si è interrotta appena ho ripreso esmya. Al secondo ciclo di esmya, di nuovo completa amenorrea.
    Dopo 6 mesi da quando avevo cominciato la cura, la mia emoglobina è risalita da 9,1 a 11,1. Nei mesi di cura sono stata indubbiamente meglio. Si sono ridotte le mie cisti endometriosiche. Non si è ridotto il fibroma.
    Oggi ho parlato col chirurgo, ho fatto un’ecografia pre-operatoria: mi ha detto che non era sperabile che la terapia mi evitasse l’intervento, perché comunque il fibroma non si sarebbe mai ridotto abbastanza. Ma almeno mi è servita per stare bene e far risalire l’emoglobina, poi magari ora non avrò più mestruazioni così abbondanti. Ho finito la cura quasi 3 settimane fa e credo mi verrà presto il mestruo (ne ho qualche segnale).
    Alla luce di quanto so ora, considerato che il chirurgo dice che mi opererà senza togliere l’utero e che per lui le dimensioni non sono così importanti, mi chiedo se non sarebbe stato meglio fare un solo ciclo e intanto prendere anche un integratore di ferro, poi farmi operare subito. La ginecologa l’ha pensata diversamente. Ma “con i se e con i ma la storia non si fa”.
    Come consiglio a chi ha un mioma molto grosso, quindi da togliere, soprattutto se si vuole un figlio, io direi di non perdere troppo tempo con esmya. E di farsi visitare subito da un ginecologo che sia anche un chirurgo. Il mio è 10 cm di diametro medio (12 per 11 per 8), intramurale.
    In bocca al lupo a tutte!

  • Alessandra

    Ciao a tutte! Ho 52 anni, ancora non in menopausa e due fibromi uno di 5cm e uno di 8 che mi danno dolori e mestruazioni molto abbondanti. L ‘ anno scorso ho effettuato 3 scatole di esmya con piccoli effetti collaterali e riduzione dei fibromi di circa il 30%. Dopo otto mesi i fibromi sono di nuovo più grandi di prima, la ginecologa mi dice di fare un’ altro ciclo di esmya e sottopormi a isterectomia ma io non vorrei!Leggo qui con piacere la possibilità di fare un’ embolizzazione che per me dovrebbe andare bene dal momento che a breve andrò in menopausa. Ho letto i vostri vari post interessantissimi e vi ringrazio , vorrei farvi una domanda: dal momento che dai miei ultimi dosaggi ormonali risulta un eccesso di estrogeni e poco progesterone mi domando: esmya che inibisce il progesterone può fare al mio caso? Alla fine del primo ciclo di esmya ho avuto una meses trazione a carattere emorragico…sarà che mi ha diminuito ulteriormente il.progesterone e ha avuto effetto negativo? Inoltre chiedo : per l ’embolizzazione qualcuno ha detto che non si può fare con valori bassi per la coagulazione del sangue…è così? Vi ringrazio

    • Rosanna

      Un consiglio su mia esperienza,fatti l’intervento nn prendere più farmaci,Esmya è un ripiego,a me ha fatto più male che bene,poi ho fatto l’intervento,ma con seguito di dolore alle gambe lasciato da Esmya.Ciao auguri

  • paola

    ciao io devo iniziare a prendere esmya..ma scusate la domanda magari stupida……non ho letto ancora il bugiardino ma si prende il primo giorno del ciclo mestruale???

    • Maffy

      Ciao Paola,
      Si non appena ti arriva il primo gg di mestruo inizia a prender la pillola di esmya.
      Attenta se x un gg ti dimentichi di prender la pillola il gg dopo nn prenderne due in un gg.

  • Caterina

    Ciao, io ho un fibroma attualmente di 6,5cm. Ho avuto un bimbo da 5 mesi e in gravidanza era arrivato anche a 12 cm! (Poi x fortuna si è riassorbito col parto). Da quando ho scoperto di avere un fibroma non ho mai avuto sintomi ma è sempre cresciuto un po. Avere avuto il fibroma in gravidanza mi stava x comportare un taglio cesareo in quanto bloccava l’uscita al bimbo ma poi si è spostato e ho potuto fare un parto naturale. A febbraio avrò la visita per l’esmya ma sono molto dubbiosa a riguardo; gli effetti collaterali leggendo le vostre storie sono molto frequenti (questo è un deterrente!) e inoltre non vorrei far passare tanto tempo per una seconda gravidanza. Il dubbio più grande è che facendo mesi di terapia (che potrò iniziare una volta finito l’allattamento) magari non funziona o riduce poco e quindi dovrò comunque fare l’intervento e aspettare un altro anno per la seconda gravidanza… Ma allora non mi converrebbe fare subito l’intervento?

    • Cara Caterina, la scelta non è facile. Posso dirti che sono proprio in poche le ragazze che mi hanno scritto di aver risolto il problema unicamente con Esmya, senza necessità poi di procedere con l’intervento chirurgico. Non è detto però che tu non possa essere tra queste, e nemmeno che tu non riesca con esmya a ridurre il fibroma in modo da poterlo poi asportare in isteroscopia. Ma se preferisci risolvere la questione una volta per tutte, e soprattutto evitare un bombordamento ormonale, allora senz’altro l’operazione è la tua strada. Sicuramente in laparoscopia. Potresti inoltre valutare anche l’embolizzazione.
      Se ti va scrivici in privato raccontandoci bene la tua storia. Magari la pubblichiamo su blog e chiediamo consiglio a tutte. In ogni caso, in bocca al lupo!

  • Unice Murillo Perèz

    Buona sera. ho letto una parte dei commenti… cmq, io sono stata già operata di fibromi (chiamati miomi) mi hanno levato ben 28 fibromi nel 2010 il mio problema è che si stanno riformando, dei controlli risulta che ne ho tanti ma molto piccoli. I consigli dei ginecologi sono solo dei controllo ogni 6 messi. Sono preoccupata per che ce la possibilità di togliermi l’utero e poi capire…una mia amica mi ha detto che lei prende esmya…vorrei proporli al mio ginecologo questa medicina sperando che nel mio caso possa essermi d’aiuto, prima per che sono ancora piccoli e poi per che un secondo intervento e difficile, nel mio caso non ho mai ne prima ne dopo l’intervento avuto emorragie, ansi un ciclo mestruale piuttosto scarso. Son felice che sono arrivata a conoscenza di questa medicina spero di poterla prendere e sopratutto che mi possa aiutare.Grazie

  • viviana melpignano

    Ciao Ragazze
    sto assumendo esmya per la prima volta da 4 giorni… vorrei sapere quali sono gli effetti collaterali?? Nello specifico ma è vero l’aumento di peso e la possibilita’ del acne??
    Diciamo che sono un po’ preoccupata….

  • Rosanna

    Ciao a tutte,io ho preso Esmya 2 mesi,poi ho fatto l’intervento inevitabile visto i precedenti,e un’anemia bestiale,tolto utero e tube,ora sto bene ,ma mi è rimasto un effetto collaterale di Esmya,dolore ai nervi delle gambe,nn riesco trovare una soluzione.Attente ragazze a Esmya,fa bene ma può fare tanto male .Auguri a tutte!

  • sto utilisando esmya, me l’ha proposto un ginecologo da chi sono andata per avere un altro parere a fronte alla decisione del mio di non avere altra altenative che un’isterectomia. il ginecologo me l’ha prescritto e con il foglio sono andata a ordinarlo in farmacia. non ho pagato nulla. mi ha fatto l’isteroscopia a metà del secondo circolo di cura e sto vedendo i risultati. da l’emmoragia che avevo a ogni circolo menstruale che mi durava almeno 12 giorni, sono tornata a averele menstruazioni normali. finirò la cura a metà mese e vi diro di piu.

  • ciao a tutte, ho cominciato il primo ciclo di esmya da due settimane. Non so con precisione che effetti collaterali ha perche ero arrivata in pronto soccorso con l’emoglobina 10 e avevo gia una marea di sintomi quindi adesso dopo due settimane forse e ancora presto. La cosa importante e che sia fermato il sanguinamento che avevo da quasi un mese. Ho dei dolori lombari, a volte capogiri e ho notato un lieve affaticamento. Spero di uscire da questo incubo. Ho quasi 50 anni e spero di andare in menopausa senza passare dal chirurgo. vi auguro una grande pazienza e tanta tanta salute

  • silvi

    Salve a tutte, ho fatto due cicli (6 mesi) di Esmia, la mia fibroma è diminuito da 3,7a 2,2. Prima tre scatole pausa 20 giorni arrivato ciclo e ho ripreso la terapia per altre 3 scatole. Il tutto per me è durato 7 mesi esattamente. Ho avuto effetti collaterale come l’insogna, l’ansia , forte dolore al seno, non vedevo ora di finire cura, ho soferto molto, ma fibroma è diminuita, spero di non ripetere di nuovo questa cura .In bocca al lupo a tutte

  • silvia

    Ciao a tutte!mi chiamo Silvia e ho 29 anni. Ho scoperto il fibroma circa un anno fa per una forte emorragia mestruale…all’inizio mi avevano dato la pillola ma non è servita a niente,il mioma è centrale nell’utero ed è di 6 centimetri.. mestruazioni piu che abbondanti, il tranex come se fosse acqua, i nervi a pezzi (penso che conosciate la sensazione di frustrazione).
    Adesso sono in attesa per l’intervento in laparoscopia e non vedo l’ora di farlo, nel mentre mi hanno dato esmya non per ridurre il fibroma, ma per bloccare le emorragie. Ho esitato un po a prenderlo per la stupida paura di gonfiare, ma la convivenza con mestruazioni di 12 giorni esagerate mi hanno fatto scegliere..quindi spero di non vedere piu sangue per il resto della terapia.

  • Chiara

    Ciao a tutte!!! Finito da 20 giorni il primo ciclo di esmya , ancora non mi sono arrivate le mestruazioni ma credo sia normale, inizio a sentire male quindi credo che arrivano a breve.
    Vorrei chiedere A tutte quelle che come me hanno avuto retenzione idrica ,gonfiore addominale e aumento di peso se è quando è tornato tutto alla normalità con la fine del trattamento.. sono preoccupata perché mi sono trovata cellutite anche sulle braccia , ho una pancia che sembro incinta di 5 mesi e sono ingrassata 4/5 kg .. da 55/56 sono passata a 60/61 solo con il primo ciclo !!!! Devo farne 3 non voglio ingrassare 15 kg!!!!!! Oltretutto non saprò se sta funzionando fino ad aprile perché prima non c’è la ginecologa!! Sono abbastanza preoccupata! Il mio mioma era di 8 cm però prendeva tutta la parete esterna dell’utero e non si poteva togliere il fibroma senza rischiare emorragie con conseguenza di togliere l’utero! Oltre ai sintomi che ho scritto sopra ho auto anche vampate di calore , leggera incontinenza urinaria, un po’ di acne , è sbalzi d’umore !! Spero che a voi sia andata meglio!

    • Ornella

      Ciao io avevo un mioma grande come il tuo è dopo ben due cicli di esmya si è ridotto di un solo cm! Sinceramente non lo consiglierei ha molti effetti collaterali e alla fine è utile solo per fermare il ciclo abbondante per qualche mese per riprendere le forze in vista di un intervento ma se non ci si vuole operare è completamente inutile!

    • Silvia

      Ciao!io ho iniziato il secondo ciclo di esmya..pensavo di avere più effetti collaterali ma per adesso non sono eccessivi..stai tranquilla e bevi tisane drenanti…è coma la pillola ci vorrà qualche mese a smaltirla ma meglio questo delle mestruazioni infinite

    • Antonietta

      Ciau io finisco ora primo ciclo di esmya devo dire non ciò avuto nissuno fastiglio. Sono curiosa ora fra 15 giorni faccio ecografia, volevo sapere quando arriverà la mestruazione dopo quanti giorni

  • Rosy

    Prendo esmya da un mese… l unico effetto collaterale sono le caldane notturne…. aumento di peso no forse perché pratico sport tutti i giorni e bevo molta acqua… le emorragie nn le ho.più…. speriamo…. vedremo più avanti…

  • arianna

    Ciao a tutte
    prendo esmya da 3 settimane per tentare la riduzione dei fibromi prima dell’isterctomia… per ora non ho nessun effetto collaterale (se non un minimo aumento di peso dovuto credo alla ritenzione).
    Solo mi sembra che i fibromi siano aumentati di volume, lo vedo dall’addome. possibile?

  • Elena

    Ho preso esmya X 3 mesi e non è servito a nulla, anzi si è pure ingrandito!!
    Ma soprattutto ho preso 7kg in 3 mesi mangiando pure poco!!
    Per cui 👎🏻Anche no!!

  • Sara

    Salve ho 2 fibromi grossi domani ritiro Esmya in farmacia….. ho paura …… che non sia efficace, che mi faccia ingrassare, ho paura di vagare in lacrime in preda agli sbalzi d more

      • Daniela

        A me non è servito. Dopo 3 mesi di cura il finroma si erano grossato. Sono stata operata ottobre nel 2018 ed è andato tutto bene. A distanza di un anno è tornato tutto a posto. Sono solo ancora anemica. Ci vorrà un po’.
        In bocca al lupo!

  • Laura

    Anche io sono una paurosa, eternamente indecisa ed insicura……Xo’ Esmya l’ ho preso….Non avevo alternative, ho dovuto farlo prima di sottopormi al 3 intervento.
    I miei fibromi non si sono purtroppo ridotti, ma era un tentativo che dovevo fare, bloccare il ciclo x me era fondamentale xche’ al secondo intervento ho avuto una forte emoraggia ed il dottore ha dovuto interrompere l’ operazione.
    Adesso prendo la pillola Sibilla , x gli sbalzi d’umore umore Same-Fast,x la ritenzione Zyxelle ( non so se questi 2 integratori possono essere abbinati ad Esmya , chiedi al tuo ginecologo).
    Dopo le varie cure( pillole contraccettive, Esmya) avro’ preso 5-6 kg tutti concentrati zona pancia e cosce…E’ una sorta di gonfiore, non e’ grasso, e’ ritenzione.
    Zyxelle un pochino mi ha aiutato xche’ ha la centella asiatica e le gambe non le sento piu’ pesanti.
    Cerco poi di bere molto te’ verde ( e’ diuretico), che assumo lontano dai pasti x non interferire con l’ assorbimento del ferro.
    Dobbiamo cmq curarci ed i farmaci hanno effetti collaterali ( tutti i farmaci anche il banalissimo paracetamolo della tacchi pedina che sicuramente avrai preso).
    Cerca di ” limitare” questi effetti collaterali come puoi ed ascolta il tuo corpo, vedi come reagisce.
    Ad es io ho notato che la pizza mi gonfia molto ( prima non mi faceva questo effetto), non ti dico che non la mangio piu’ ma di certo la limito.
    X la depressione potresti prendere anche il magnesio, chiedi prima al tuo ginecologo ( Zyxelle contiene anche magnesio), cerca anche di rilassarti facendo le cose che ti fanno stare bene…..ABBI CURA DI TE E FIDUCIA NEL TUO GINECOLOGO, in questo momento devi dare priorita’ alla tua salute.
    Ti auguro tutto il bene possibile ( pensa che non sei la sola a dover affrontare tutto questo….Siamo in tante, purtroppo….Con le tue stesse ansie e paure (io sono una fifona da sempre, fortemente emotiva e troppo sensibile).
    L’ importante e’ NON ARRENDERSI e AFFRONTARE TUTTO PUR DI GUARIRE…..
    Ti mando un abbraccio forte-forte…..E tienici informata……” Qui ci aiutiamo, ci facciamo coraggio a vicenda, non ci sentiamo sole” ….E quando una di noi arriva al lieto fine e’ una festa x tutte.
    Saluti🤗

  • Laura

    X Eleonora.
    X la rubrica alimentazione oltre a parlare di anemia, sarebbe utile affrontare anche l’ argomento DEPRESSIONE ed AUMENTO DI PESO causato dai farmaci….Non e’ un problema da sottovalutare.
    Io stessa , ipersensibile, ho avuto sbalzi di umore…….Magrissima da sempre ( ero una 38) x la prima volta ho una ” pancetta” gonfia e dura.
    Sono effetti collaterali cmq da affrontare x vivere meglio il periodo delle cure.
    In effetti ti senti ” diversa” , cambiata anche nel carattere…….
    X esperienza, posso dire che SameFast aiuta tanto.

  • sara

    ho preso stamattina la prima pillola di Esmya a circa tre ore dall’ assunzione sto riscontrando nausea e come dei capogiri …. ma questi effetti mi accompagneranno per tutto il percorso? Capitolo peso poi è per me un aspetto angoscioso della cosa. I fibromi li ho scoperti proprio perche sono negli ultimi 2 mesi dimagrita di 6 chili con sacrificio e dedizione. Ieri mi ripetevo “tranquilla aumenterai le sedute in palestra” ma oggi io dopo solo una pillola non mi sento nemmeno n condizioni di andare dal letto al bagno …. ditemi che è solo in questa fase …..

  • Laura

    Gli effetti sono soggettivi, io non ho avuto problemi di nausea…..Ti consiglio di aspettare 2-3 giorni e se persiste consulta il ginecologo.
    X la nausea mangia gallette, fette biscottate ( cibi solidi) ……Su di me x contrastare la nausea funziona anche lo yogurt con i cereali ( avevo nausee con l’ assunzione del ferro).
    Stai tranquilla, mantieni la calma.Sicuramente e’ un effetto momentaneo.

  • Laura

    Io ho fatto l’ enantone molto peggio di Esmya dava effetti tipo menopausa…..Con Esmya non mi sono caduti i capelli ed ho avuto anche una bella pelle!
    Saretta, tranquilla, saprai affrontare tutto…..Fatti forte-forte …..Gli effetti che descrivi possono essere momentanei e cmq come ti ho scritto prima e’ fondamentale curarsi….E pazienza x un pancino prominente, le cosce un po’ piu’ grosse…..

  • stefy

    Ciao a tutte. Ieri ho effettuato il controllo dal ginecologo dopo il primo ciclo di Esmya. Il mioma si è ridotto di solo 4 mm. Ho avuto tutti gli effetti collaterali: aumento di peso 6 kg, edemi alle gambe, sbalzi di umore, emicrania,dolori osteoarticolari, vampate di calore, acne, pelle grassa, addome gonfio in maniera abnorme.Valutazione finale: bocciato. Non vale la pena, a mio parere; anche perché la pillola cura soltanto il sintomo non anche lo scompenso ormonale che è la causa del fibroma che, dopo la fine della terapia, può ricomparire o ricominciare a crescere. Pertanto la mia domanda è: il gioco vale la candela?

    • Ciao Stefy, è capitato anche ad altre ragazze di riscontrare una ciste dopo la terapia con Esmya. I rappresentanti della casa farmaceutica mi hanno però assicurato che la ciste si riassorbe da sola una volta sospesa la cura. Tienici aggiornate!

      • stefy

        Buongiorno. Ieri sera ho omesso l’effetto collaterale più grave: il Tsh e’ salito vertiginosamente da 3 (prima della terapia) a 5. L’endocrinologo mi ha detto di sospendere Esmya.

  • Daniela

    Ciao a tutte. Io ho finito il primo ciclo do Esmya da circa 20 giorni. Il mio fibroma di 8 cm si è ridotto i 1 cm. Non ho avuto effetti collaterali. Dovrò fare un altro ciclo. Per ora l’intervento é stato rimandato. Speriamo in bene.

  • Ale

    ciao a tutte, anch’io ho provato con Esmya per 3 mesi, niente effetti collaterali, a parte qualche chilo in più e sbalzi di umore ma il mio fibroma di 8 cm è rimasto invariato. Mi sono documentata ed ho visto che ci sono altre possibilità prima di fare un intervento invasivo, oltre all’embolizzazione che comunque è sempre invasivo anche se molto meno rispetto all’isterectomia, c’è la possibilità di trattare il fibroma con gli ultrasuoni focalizzati ad alta intensità (HIFU) con ottimi risultati; questo tipo di intervento viene fatto allo ieo di Milano (Istituto Europeo Oncologico)- Informatevi bene prima di farvi tagliare….

  • Ciao Ale,
    io ho fatto l’embolizzazione e ti assicuro che non è invasivo, te lo dico perché qualche anno prima ho fatto l’intervento chirurgico in laparotomia; con l’embolizzazione nessun taglio ed inoltre l’intervento agisce sui fibromi senza toccare il tessuto dell’utero.
    Maddy

  • Maddalena

    Ciao Maddy, mi chiamo come te! Dove hai fatto l’embolizzazione? Io ho un fibroma di 10 cm che continua a crescere…dovrei cominciare esmya a breve ma non mi sembra una soluzione , o sbaglio? Grazie ciao Maddalena

    • Paola di Pietro

      Ciao, io sono tra le fortunate che con il primo ciclo di esmya i fibromi si sono ridotti. Da 9 cm a 4 e anche gli altri sino diminuiti. Non ho avuto grossi problemi se no un po’ di cellulite…

      • sara

        ciao …. scusa solo dopo il peimo ciclo da 9a 4 cm? i il 6 agosto finisco il primo ciclo, non faccio che toccarmi la pancia …. e mi sembra di sentirlo ancora li intatto …. ho paura …. mi sento senza speranza

        • Paola di Pietro

          Ciao, si il primo ciclo lo fatto un anno fa e tutti mi si sono dimezzati di misura…ho vissuto un anno di rendita. Ora sto finendo un altro ciclo e anche questa volta si sono rimpiccioliti. Non so di quanto ma la pancia è calata. Spero di riuscire ad andare avanti ancora un anno

    • Ciao Maddalena,
      chiedo scusa ho visto solo ora il tuo messaggio….io ho fatto l’embolizzazione con il dottor Lupattelli a Roma. Il dottore opera anche in altre città, puoi andare sul sito embolizzazione.it
      Se vuoi puoi scrivermi in privato per info, chiedi a Eleonora il mio indirizzo email, andando su “scrivici!” che trovi su menu in alto.
      Per l’embolizzazione puoi prendere in considerazione anche il dottor Morucci; in questo blog trovi storie di ragazze embolizzate, oltre dal dottor Lupattelli, anche dal dottor Morucci.
      Maddy

  • Monia

    Salve, sono Monia, anch’io sto prendendo Esmya ed ho iniziato il secondo ciclo da circa 20 giorni. Nel il primo ciclo non ho avuto nessun effetto collaterale, il ciclo mi è sparito immediatamente ridandomi da subito le forze che non avevo più, ed i miei fibromi si sono rimpiccioliti di qualche mm. Ora invece che sono gonfia come un “canotto” tant’è che sto seriamente pensando di smettere di utilizzarla, in quanto non entro neanche più nelle scarpe ed ho un addome gonfio che sembro in cinta di 5 mesi…. sono mooolto perplessa

  • Laura

    Monia prova a continuare Esmya.
    Non e’ una cura risolutiva ( una volta smessa i fibromi ricrescono)xo’ puo’ prepararti meglio a un’ isteroscopia operativa, o a una laparoscopia.
    Infondo hai la prova che x te ” funziona”, i fibromi si sono ridotti e cosi’ sara’ piu’ facile toglierli.
    Purtroppo non abbiamo tante alternative e Esmya l’ abbiamo presa in tante ( anche la stessa Eleonora, l’ autrice del blog e del libro ” Maledetto fibroma”).
    Su di me Esmya non ha funzionato ( non si sono rimpiccoliti neanche di un millimetro!). Non mi ha dato grossi effetti collaterali, e’ stata solo una pausa ( niente ciclo, niente sanguinamenti) per riprendermi.
    Xo’ il problema della ritenzione l’ ho avuto con le varie pillole contraccettive assunte x contenere il mio flusso emorragico.
    X il gonfiore ho preso Zyxelle,e’ un integratore a base di vitamine, minerali e centella asiatica che contribuisce a mitigare gli inestetismi della cellulite e a migliorare la funzionalita’ del microcircolo.
    La centella asiatica migliora il flusso sanguigno.
    Il magnesio, contenuto in Zyxelle, aiuta a contrastare​ la depressione causata spesso dai contraccettivi orali.
    Chiedi al tuo ginecologo se puoi assumere Zyxelle insieme ad Esmya, non aspettarti miracoli, e’ solo un aiutino.
    Conosco il disagio e la sofferenza del gonfiore , ti senti ” scoppiare” e non sei a tuo agio specialmente se, come me, sei stata sempre magra pur mangiando di tutto.
    Il punto Monia e’ che devi pensare a curarti, tutto il resto viene dopo.E poi mica devi prendere Esmya a vita!
    Io di strade ne ho intraprese tante e fino alla fine adesso non ho più scelta : ho l’ utero ingrossato, pieno di fibromi e fibrometti.Il problema e’ che mi ricrescono e non posso sempre entrare in sala operatoria.
    Ma tu, non arrenderti tieni duro.
    Tutti i farmaci hanno effetti collaterali, ma c’è di peggio……Quel peggio che mi sta aspettando…..
    Spero tanto che tu riesca a trovare la soluzione giusta e soprattutto DEFINITIVA….Eliminare i mostri e non rivederli più, x sempre.
    Io ho un utero molto vascolarizzato ( ho avuto una forte emorragia durante la seconda operazione, tanto che e’ stata interrotta senza fare nulla).Io i fibromi li nutro alla grande, sono un allevamento di fibromi!
    Prima di Esmya ho fatto anche l’ Enantone ( peggio di Esmya , credimi).
    Ho preso di tutto x combattere i mostri.
    Non ti arrendere, porta avanti la tua battaglia. Fallo anche x me che non ho più scelte .

    X Eleonora : potresti parlare anche di Zyxelle…..A me lo aveva consigliato una farmacista……Molte non conoscono l’esistenza di questo integratore importante anche x le future neo mamme(riduce il rischio di malformazioni fetali in caso d’ interruzione della contraccezione per il desiderio di una gravidanza).
    I ginecologi dovrebbero prescriverlo insieme alla pillola.

  • Monia

    Ciao Laura, grazie per le tue parole di incoraggiamento!!!!!
    Hai ragione sul fatto che dobbiamo pensare prima di tutto a guarire e a provare di stare bene!!
    Ho iniziato con i bagni freddi ai piedi ed ho aumentato l’attività fisica, …. ed ho già visto i primi risultati.
    Domani stesso andrò in farmacia a prendere Zyxelle sperando che anche a me dia qualche beneficio in più.
    Un grande in bocca al lupo anche a te, grazie ancora per le tue bellissime parole.
    ciao

  • Michela

    Ciao a tutte! Ho finito il primo ciclo di esmya il 27/5, ad oggi non mi sono ancora tornate le mestruazioni… anche voi avete aspettato così tanto? Secondo la ginecologa è tutto ok, nella visita fatta 2 settimane fa ha visto che il mioma si è ridotto da 4.5 cm a 3, quindi mi ha consigliato di fare un altro ciclo di cura.
    Il primo trattamento con esmya è stato pesantissimo all’inizio (i primi 30gg), poi a mano a mano è andata meglio. Oltre ai dolori fisici e alla stanchezza credo che il mio stato mentale tendente al pessimismo cosmico abbia avuto il suo peso. Parlandone con mio marito e col medico curante mi sono un po’ tranquillizzata.
    Adesso quasi “non vedo l’ora” di avere di nuovo il ciclo, per continuare questo percorso che a quanto pare sta dando i suoi frutti.

  • andreina

    Sono alla seconda confezione di Esmya. fino ad ora nessun effetto collaterale . solo qualche vampata di calore ma sopportabilissima. Non so ancora se i fibromi si siano ridotti . lo saprò penso a novembre. non sono ingrassata e la tollero piuttosto bene. le mestruazioni sono cessate al 9 giorno dall’inizio di Esmya. Ho due fibromi di 6 cm. e ho 49 anni.

  • Federica

    Ho preso esmaya per 3 mesi ed i fibromi si sono riassorbiti. Il 27 dicembre ho preso l’ultima pillola. A metà febbraio mi è arrivato il primo ciclo ed il secondo subito dopo 15 giorni. È possibile che ora ho un ritardo di 15 giorni? Sarà ancora l’effetto di esmaya?

  • Paola Di Costanzo

    Salve mi chiamo Paola e anch’io convivo con 3 fibromi di 7, 4 e 2 cm è da due giorni ho terminato il primo ciclo con Esmya e a dire il vero ero spaventata dagli effetti collaterali che xo’ nn si sono presentati… ma ho assunto l’agnocasto X limitare gli effetti di una menopausa indotta… bevuto tante tisane drenanti e paraticato yoga con costanza!!! Adesso aspetto di fare la prima eco è il primo ciclo!! Incrocio le dita e aspetto speranzosa…
    P.s : durante questi tre mesi ho avuto un calo a picco del desiderio sessuale… è successo a qlc di voi??? Grazie a tt

  • Jo

    Ciao, so che il post è un po’ vecchio, ma mi appresto ora a iniziare il primo ciclo di Esmya.
    I miei due fibromi sottosierosi (all’ultimo controllo 4,5 e 6 cm) sono quasi asintomatici, a parte compressione e fastidio al basso ventre; il problema è che purtroppo crescono a un ritmo allarmante (sono raddoppiati in pochi mesi) e incompatibile con la mia età (30) ancora piuttosto distante dalla menopausa, quindi mi trovo costretta a ricorrere alla terapia.
    La dottoressa si è sperticata a rassicurarmi che non ci sono effetti collaterali, eppure a leggere i commenti di molte di voi sembrerebbe il contrario. Non capisco perché ci sia questa enorme discrepanza tra pareri dei medici e dei pazienti… Addirittura è arrivata a dirmi di non assumere gli integratori Zyxelle e SameFast che ho visto consigliati proprio qui, perché secondo lei non ce n’è alcun bisogno. Io credo che per precauzione prenderò comunque qualcosa contro la ritenzione idrica, tanto male non fa. Il magnesio lo assumevo già da prima per via di iperidrosi e crampi muscolari, quindi continuerò a farlo.
    Spero tanto di potervi portare una testimonianza positiva di qui a qualche mese. In bocca al lupo a tutte!

Lascia un commento

Cliccando Accetto dichiaro di aver letto e di accettare la privacy policy del sito web