Michelle e il suo fibroma di 15 cm


Michelle ha 39, abita a Colzate in provincia di Bergamo e un mese fa ha scoperto di avere un fibroma di 15cm.

Il suo ginecologo, il dr. Massimo Bardi, del Policlinico di Ponte San Pietro, le ha prescritto la terapia con Esmya per vedere se il maledetto si riduce un po’. Poi, a gennaio, Michelle dovrà sottoporsi ad un intervento chirurgico per rimuovere il fibroma in laparotomia.

Michelle è molto spaventata perchè il suo medico non è stato di molte parole e non ha saputo tranquillizzarla. Michelle ha molte domande sull’intervento, che mi ha rivolto, ed ha il terrore di essere allergica all’anestesia totale.

Per ora Michelle, che prende Esmya da un paio di settimane, non ha accusato effetti collaterali, a parte un po’ di gonfiore e un chiletto in più.

Spero che Esmya sortisca l’effetto sperato e che Michelle possa lasciarsi presto alle spalle la sua avventura con il maledetto fibroma. Aspettiamo tue notizie Michelle!

 


18 thoughts on “Michelle e il suo fibroma di 15 cm

  1. Ciao Michelle, ho subito un’intervento anch’io per togliere un fibroma di 14 cm in laparotomia. Mi sento di tranquillizzarti perchè è una cosa che si può affrontare e poi passa, sono stata operata 5 mesi fa e ora sono in formissima, solo il primo mese ha dato un po’ di noia, poi tutto in discesa! Ora sono ancora in stand by per una eventuale gravidanza, il medico ha detto di aspettare un anno per stare tranquilli.
    Anche per l’anestesia mi sento di tranquillizzarti… sei allergica a qualche medicinale? anch’io avevo mille ansie sull’anestesia, ma dopo mi sono accorta che erano ansie inutili perchè non è davvero niente di che.
    Se hai qualche domanda io sono qui!
    In bocca al lupo!
    Ilaria

    1. grazie mille ilaria tu hai fatto l’anestia totale o la spinale?quanto sei rimasta all’ospedale? dopo quanto tempo ti hanno fatto alzare? il prericovero lo hai fatto quando eri gia’ ricoverata o qualche giorno prima?il taglio fa male per molto tempo?quante visite interne ti fanno???ho mille domande……per il momento ti ringrazio

      1. Ciao Michelle. Prima di tutto ti capisco benissimo perché anch’io ero abbastanza spaventata… non ti dico che è una passeggiata, perché non è vero, ma non è nemmeno così terribile come si può pensare.
        Allora io sono stata operata al San Raffaele a Milano. Credo che ogni ospedale abbia i suoi protocolli, comunque a me mi hanno chiamata un mese prima per il prericovero dove mi hanno fatto esami del sangue, radiografia al torace, elettrocardiogramma e colloquio con anestesista dove tu devi dire se sei allergica a qualcosa, se hai già fatto interventi e tutte le domande, anche sciocche, che ti vengono in mente. Nel colloquio l’anestesista mi ha spiegato che nel mio caso avrebbe fatto l’anestesia totale in abbinamento alla peridurale, che non è la spinale, ma è un catetere che ti mettono sulla spina dorsale con una pompetta che continua a immettere anestetico nei nervi della spina. E’ la stessa che fanno alle donne in travaglio per sopportare meglio i dolori del parto. Mi ha spiegato che in questo modo avrebbe potuto fare una anestesia totale un po’ più “leggera” e poi avrei sopportato meglio i dolori al risveglio perché avrei dovuto tenere il catetere con l’anestetico anche dopo il risveglio per qualche tempo. L’anestesia in se stessa mi faceva paurissima, ma ti assicuro che è la cosa più bella. Ti mettono la flebo, il tempo di dirmi “pensa ad una cosa bella così lo sogni quanto ti svegli” e sono partita! Anche mettere il catetere spinale non è stato traumatico, ti fanno prima un’anestesia locale, tipo puntura del dentista, e non senti assolutamente niente, solo che spingono sulla schiena.
        Io sono rimasta in ospedale una settimana, ma perché a me era venuta la febbre, e finchè non ti passa la febbre non ti lasciano andare, normalmente si parla di 4 massimo 5 giorni.
        Il taglio finché avevo il catetere non lo sentivo quasi! Poi te lo tolgono gradualmente diminuendo la dose di farmaco fino a quando non te lo danno più.
        Dopo il dolore l’ho sentito un pochino, ma lo tenevo controllato con la semplice tachipirina. Poi dipende dalla tua soglia di dolore naturalmente! Io che non volevo prendere troppi farmaci mi sono fatta dare un paio di tachipirine i primi giorni perchè a muovermi avevo male, ma poi ho fatto senza nessun antidolorifico. Certo il dolore c’era, ci mettevo un sacco per alzarmi dal letto, ma stringendo i denti, armata di tantissima pazienza e tanta forza di volontà ce l’ho fatta! Niente di impossibile comunque! e poi quando ce la fai sei talmente orgogliosa di te stessa che ti va l’autostima a mille!
        a me mi hanno fatta alzare il giorno dopo l’intervento, solo che a causa del catetere avevo la gamba sinistra costantemente addormentata (succede in rari casi… ma io sono quella dei rari casi!) e quindi il tempo di mettermi il pigiama e poi mi hanno rimessa a letto. Il catetere sulla schiena me lo hanno tolto il giorno dopo ancora, quindi 2 giorni dopo l’intervento.
        Il taglio fa male, perché non è vero che non fa male, ma il dolore diminuisce in fretta e gradualmente. L’importante è stare a riposo e non sollevare assolutamente pesi. Io il dolore l’ho sentito per un mese, ma ti ripeto, non ho mai preso nessun antidolorifico quindi è un dolore sopportabilissimo. certo, niente movimenti bruschi, niente starnuti e colpi di tosse per almeno un mese! Poi piano piano passa tutto, ti dico, io per stare bene al 100% sono passati 2 mesi. E poi torni a fare tutto come prima, solo un po’ di attenzione ai pesi.
        Le visite interne dopo l’operazione non le ho fatte fino al controllo un mese dopo.
        Allora io ti dico che ero motivatissima dal fatto che voglio avere una gravidanza e l’unico ostacolo tra me il mio sogno di maternità era quel mostro di fibroma, e avrei fatto qualsiasi cosa per toglierlo dal mio corpo. Ora sono ancora in “pausa”, sono passati 6 mesi esatti e altrettanti ne devono passare per cercare la cicogna!
        Spero di esserti stata utile! Se hai ancora domande sono contenta di poterti aiutare! 😉

  2. ciao ragazze Grazie mille a tutte ieri sono andata a far il controllo per vedere se il fibroma con esmya era regredito un pò ….bè mi aspettavo di piu’ solo 2 cm ma come mi spiegava il mio ginecologo( tra l’altro mi ha messo subito a mio agio ed era simpaticissimo questa volta ha risposto a tutte le mie domande anche a quelle piu’ banali ) probabilmente è un fibroma di vecchia data per questo è regredito pokino in 2 mesi di cura ora finisco l’ultima scatola e poi faro’ il prericovero …….. maffina grazie per avermi risposto a tutte le mie domande sicuramente appena mi viene qualche altro dubbio ti disturbero’ …….ma gia’ il fatto di vedere il medico sorridere e parlare tranquillamente mi a messo moooolta serenita’ a volte basta solo un sorriso per far star meglio le persone e con me cè riuscito davvero ……

      1. Il Dott. Candiani, è il primario del reparto di ginecologia. E’ molto gentile e disponibile, ma se vai privatamente anche molto costoso!!

  3. ciao ragazze mi hanno chiamato per il prericovero venerdi’ 23 gennaio alle 12.15 mi han detto che posso fare la colazione tranquillamente e l’intervento è fissato per il 3 febbraio pauraaaaaaaa cerco di stare calma ma l’ansia sta prevalendo …..tra l’altro ho notato che sono 12 gg che ho finito la terza scatola di esmya e ho continue vampate di calore cosa che prima non avevo per il resto procede tutto bene
    un’abbraccio a tutte

    baci
    miky

    1. No. Purtroppo la visita con l’anestesista consiste semplicemente in un colloquio. Tu comunque fai tutte le domande possibili e immaginabili .. io il mio anestesista l’ho così tanto martellato che poi ci siamo fatti anche una bella risata!

  4. ciao ragazze oggi sono andata dal mio uovo medico curante è alle prime armi dovevo farmi scrivere l’impegnativa per il ricovero ditemi se ha fatto giusto perchè mi pareva un pò disorietato

    sul ricettario rosso ha scritto i miei dati poi sotto ostetrica o ginecologia e sotto mioma
    dite che va bene?

  5. ciao ragazze eccomi qui dopo una settimana dell’intervento volevo chiedervi e’ normale avere la pancia un pò gonfia e che fa male?ho un taglio sui 15 cm sottilissimo con i punti che van via da soli e sopra sta pancettina gonfia e se la tocco mi da senzazioe di bruciore per casa ho solo delle punture da fare 1 al gg per 15 gg penso per la circolazione che tra l’altro e’ piccola ma brucia ….mi han detto che era bruttissimo cm fibroma e che dovevo avere cura particolare invece solo sta punturina e la visita tra un mese mha…….. a forza di sentirmi dire che era brutto mi hanno un pò spaventato e l’stologico arriva tra 15 gg spero nula di grave ….quando sto meglio vi scrivo la mia esperienza per ora vi tormento con le mie domande
    bacio

    miky

    1. Ciao Mikky,
      è normale avere un pò di male alla pancia dopo l’intervento, quindi puoi stare tranquilla e per il resto non vorrei dirti di più per il tuo caso è meglio chiedere al dottore che ti ha operato, sono sicura che è tutto a posto.
      E ben tornata!

    2. Ciao Mikky,
      stai tranquilla, è tutto normale!
      Vedrai che l’stologico non rivelerà nessuna brutta sorpresa .. vai serena che il peggio è passato! Dai aspettiamo tue notizie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...