Micol: la lotta ai fibromi e la sua prossima isterectomia


Della storia di Micol colpisce innanzitutto la pacatezza con la quale racconta un vissuto doloroso e per certi versi, ancora irrisolto. E’ il suo coraggio e il suo incontenibile ottimismo a darle la forza di attendere, fiduciosa, il suo secondo intervento. Micol subirà un’isterectomia il prossimo 2 maggio.  Viste le sue condizioni, il suo medico non crede sarà possibile eseguirlo in laparoscopia.

Ma procediamo con ordine.

Micol vive a Mantova, e oltre ad essere una donna piena di entusiasmo e di vita è anche madre di una splendida bambina. Prima della gravidanza ha subito una dolorosa isteroscopia operativa per rimuovere qualche piccolo fibroma. L’intervento fu eseguito inizialmente in anestesia locale perché i dolori che avrebbe avvertito, le dissero, sarebbero stati simili a quelli del parto. Ma le cose, purtroppo, andarono diversamente: a causa del dolore lancinante e insopportabile, l’intervento fu sospeso. L’operazione fu poi eseguita in day-hospital e questa volta in anestesia generale. Visto il buon decorso, Micol riuscì a tornare a casa la sera stessa.

Nel corso degli anni, fra un controllo ginecologico e l’altro, Micol non ha mai abbandonato le sue buone abitudini: la corsa, le lunghe passeggiate all’aria aperta, la gioia di vivere; la vita le ha poi regalato una bambina alla quale ha dato un nome dolcissimo, e per un certo periodo di tempo a Micol è sembrato che tutto procedesse nel migliore dei modi.

Ma i fibromi, si sa: non appena compaiono (o peggio, ricompaiono) sono capaci di spezzare ogni equilibrio perché rimescolano tutte le carte, rendono incerta la nostra vita e fragile la nostra serenità.

E così, anche nella vita di Micol, i “maledetti” fanno ritorno. Iniziano per lei una serie di cure con pillole progestiniche per tentare di tenere a bada sia le emorragie che i fibromi: prima assume Lutenyl senza alcun risultato; poi è la volta di Esmya, farmaco che le fa paura a causa dei possibili effetti collaterali. Difatti il primo mese con Esmya, scrive Micol, non è stato facile: un’emorragia importante l’ha costretta ad assumere un ulteriore farmaco, il Tranex, proprio un antiemorragico. Micol ha dovuto affrontare dolori muscolari, mal di testa e un diffuso senso di stanchezza che l’ha costretta a letto per un certo periodo. Malgrado ciò, Micol, che ha messo da parte i timori nei confronti di Esmya provando ad affidarsi con coraggio a questa cura, non ha ottenuto alcun risultato. Il volume del suo utero è aumentato e di conseguenza, è diminuita la possibilità di un intervento in laparoscopia.

Micol oggi è preoccupata ma non rassegnata. La vita l’ha già messa a dura prova diverse volte.

In seguito ad un aborto spontaneo avvenuto a tre anni di distanza dalla prima gravidanza, Micol non ha più provato ad avere un altro bambino. Gli esiti degli ultimi controlli, poi, non l’hanno incoraggiata affatto. Hanno escluso drasticamente la possibilità di una nuova gravidanza.

Per quanto triste e difficile da accettare, sono certa che Micol troverà la serenità e l’equilibrio che merita. Il modo in cui ha già affrontato tutto questo lo dimostra: il suo invidiabile ottimismo è un esempio per tutte noi! Non a caso, Micol comincia la sua lettera scrivendo: “Sono contenta di poter essere di conforto ad altre donne che hanno il mio stesso problema“.

Eh si, cara Micol, sii contenta. E’ questo ciò che  ti auguriamo.

Grazie per aver condiviso con noi la tua storia; resteremo in attesa del tuo lieto fine!


4 thoughts on “Micol: la lotta ai fibromi e la sua prossima isterectomia

  1. Ciao a tutte mi decido a scrivere dopo tanti ripensamenti….Anch io il 2 maggio sarò operata a Milano dal dott Camanni per un fibroma e anche la mia storia e molto particolare ,purtroppo la vita ci mette sempre alla prova e quando speri di aver rimosso il passato ecco che ritorna tutto a galla come un fiume in piena..Mi farebbe piacere sapere se anche la ragazza di Mantova sarà operata a Milano ?.Grazie a tutte Monica

    1. Cara Monica,
      cavoli mancano pochi giorni all’operazione! Come stai? Che tipo di intervento sarà? E come mai ti sei rivolta al dr. Camanni (hai letto qui o l’hai trovato per altre strade?). Se ti va scrivimi in privato così mi racconti bene la tua storia e ti do metto anche in contatto con Micol (che comunque può anche risponderti direttamente qua). E in ogni caso non preoccuparti, con il dr. Camanni sei in ottime mani!

      1. Ciao cara è stata la mia ginecologa che mi ha messo in contatto con lui,lo conosce direttamente perché ha lavorato con lui per un certo periodo.iio sono di Torino .la mia vita ginecologica purtroppo è stata segnata fin dal infanzia sono nata con una malformazione all apparato genitale .All età di 15 anni sono stata tre mesi in ospedale per un delicato intervento di ricostruzione ,risolto con successo ma che mi ha fatto crescere brutalmente,e spezzare i mie sogni di diventare madre….Mi sono costruita una corazza intorno e sono ripartita..,Crescendo mi sono sposata e per fortuna con mio marito abbiamo deciso di adottare un bimbo,e anche qui il calvario è stato dolorosissimo!!!ma per fortuna dopo 6anni siamo riusciti a diventare genitori di un bellissimo bimbo !!(che ormai ha 18 anni)…purtroppo però nel 2001 tramite la solita ecografia scoprono un qualcosa che non riescono bene a definire,quindi decidono di farmi un intervento in laparoscopia per togliere ls cisti,(che pensavano!!)invece al mio risveglio mi dicono che non era niente altro che il mio piccolo abbozzo di utero che era cresciuto..,,,,Purtroppo la mia ginecologa non era presente e il ginecologo che mi ha operato non ha tolto nulla..(premetto che io non ho mai avuto il ciclo …)Sfortuna vuole che proprio attaccato al utero si sia formato un fibroma e che negli ultimi anni è cresciuto troppo e mi pesa sulla vescica.,,Quindi in accordo con la ginecologa e il dot Camanni si è deciso di toglierlo!!e domani sarà il gran giorno!!A Milano Mi toglieranno il fibroma e l abbozzò di utero è vista l età ( quasi 52 )penso anche le ovaie perche ho il terrore che anche lì mi possa crescere qualcosa !!!!Il dot Camanni è stato gentile ,ma la paura c e lo stesso.Grazie di avermi ascoltato Monica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...