L’intervento in laparotomia di Alessia all’Ospedale Sant’Anna di Torino


Ecco la storia di Alessia, reduce di un intervento di laparoscopia per la rimozione di un fibroma. Grazie di cuore per aver condiviso con noi la tua bella testimonianza, e un gigantesco in bocca al lupo per il tuo futuro!

Ciao,

volevo raccontare la mia recente esperienza per fare in modo che più donne possano venire a conoscenza di questi “maledetti fibromi”.
Sono una donna di Torino di 33 anni senza figli e ho sempre goduto di buona salute. Dai 23 anni fino allo scorso anno prendevo Lybella, più che altro per rendere sopportabile un ciclo altrimenti invalidante (dolori, nausea e febbre).
Nel corso del 2017 ho avuto parecchi episodi di candida, che fino a quel momento non sapevo neanche cosa fosse. Dopo aver preso diversi medicinali sono riuscita a debellarla ma era chiaro che c’era qualcosa che non andava…mi era rimasta una fastidiosa leucorrea e il mio ciclo era cambiato. 
Nonostante la pillola, ero tornata ad avere dolori e tensione mammaria durante il ciclo e a cicli alterni delle fortissime emorragie nel primi due giorni di ciclo. La ginecologa decide di prescrivermi una pillola simile ma diversa, pensando che magari semplicemente mi fossi assuefatta alla pillola precedente. Ma mi invita a prenotare un’ecografia transvaginale, anticipandomi che avrei potuto avere un fibroma o un polipo.
Ovviamente vado nel panico…cos’è un fibroma?? È grave? Si può curare? ANSIA…
Faccio l’ecografia circa un mesetto dopo e ovviamente viene fuori lui, il MALEDETTO FIBROMA di 6×6 cm. Tralascio il fatto che la dottoressa ecografa (non so se si dice così) ha avuto il tatto di un elefante in una cristalleria, arrivando a incolparmi di non essermene accorta…ma si può??
Comunque a questo punto mi tocca fare una radiografia con contrasto per capire posizione, dimensioni esatte e quanto è vascolarizzato. 
E sono così arrivata al 2018. 
Non sapendo dove rivolgermi mi faccio consigliare dal mio medico: la cosa migliore è rivolgersi agli ospedali, nello specifico qua a Torino al Sant’Anna che è un ospedale universitario ostetrico-ginecologico.
Una volta alla settimana fanno visite ambulatoriali con un normale ticket, così prenoto per la fine di gennaio. Durante la visita mi fanno un’ecografia approfondita, e ammetto anche un po’ dolorosa, e il responso è: MIOMA SOTTOMUCOSO DI 6×7 cm (ebbene sì è crescito nel giro di pochi mesi) con deformazione della cavità uterina. Ecco spiegate le emorragie, i dolori lancinanti, la pancia perennemente gonfia, la cattiva digestione e il bisogno di urinare ogni ora.
Il ginecologo che mi sta visitando in ospedale mi consiglia di operarmi e mi invita a fare subito le procedure per il pre-ricovero da loro per poter calendarizzare tutte le visite prima dell’operazione. Come si può immaginare io alterno momenti di panico a momenti di rassegnazione…tenermelo e continuare a soffrire o buttarmi sulla chirurgia? L’intervento si prospetta in LAPAROSCOPIA con anestesia totale, un po’ complesso date le dimensioni del fibroma e il mio utero che è retroverso (praticamente adagiato sul tratto finale dell’intestino).
Alla fine combatto la paura e prenoto tutto al Sant’Anna (ovviamente gratuitamente perché a carico del servizio sanitario nazionale). Così dopo esami del sangue, ecografia più approfondita e visita anestesiologica mi viene comunicata la data…a soli due mesi dalla prima visita in ospedale!
Durante l’ultima visita il chirurgo che mi avrebbe operato mi consegna un plico esplicativo dell’operazione che dovrò affrontare, il quale mi toglie praticamente tutti i dubbi che avevo…e mi ordina tutta una serie di cose da fare prima dell’operazione: dieta senza fibre, prendere il carbone vegetale, lavande vaginali disinfettanti e nel giorno precedente prendere un flacone di lassativo.
Arriva la mattina del giorno dell’operazione, mi metto le calze antitrombo, prendo la borsa con vestaglia e cambio e mi reco in ospedale con la mia famiglia. Arrivo alla 7 ma scendo in sala operatoria solo alle 12 perché in lista sono l’ultima della giornata. Nonostante le mie pulsazioni a mille, l’operazione fila liscia anche grazie al personale molto gentile, disponibile e soprattutto preparato.
Quando mi sveglio dall’anestesia noto che ho il catetere e la sacca di drenaggio del sangue uterino. L’operazione è durata quasi 2 ore e il chirurgo mi rassicura che è andato tutto bene. Posso rilassarmi finalmente. 
Il reparto dove vengo portata è piccolo e pensato per brevi degenze quindi c’è una particolare atmosfera rilassante, forse proprio perché tutti sanno che presto se ne andranno a casa. Le infermiere e infermieri sono tutti gentili e premurosi. La prima notte passa tranquilla, poi decidono di tenermi ancora un giorno visto la mia consistente perdita di sangue e conseguente anemia. A posteriori mi dico meno male…la laparoscopia mi presenta il conto: forti dolori al petto, alla spalla e in generale molta aria nell’intestino. Quando ti fanno la laparoscopia ti gonfiano la cavità addominale per poter lavorare megliosui tessuti interni e poi parte di quell’aria ti rimane dentro e deve essere riassorbita. Il che avviene per ognuno in tempi diversi ma il dolore è abbastanza normale. Se fossi tornata a casa avrei sicuramente chiamato il 118, invece rimanendo in ospedale mi hanno tranquillizzato e somministato del buscopan per flebo, che mi ha aiutato a sopportare le coliche.
Dopo due notti in ospedale torno quindi a casa, dove ho passato circa una settimana praticamente tra letto e divano, poi man mano mi si sono rimarginati i 4 taglietti e adesso ho solo delle piccole cicatrici rosa che sto trattando con il Bio-oil (una nell’ombelico e tre appena sopra la zona del pube)
Ora devo fare la visita di controllo ma mi sento veramente benissimo, come non mi sentivo da tanto tempo! Mi si è riappiattita la pancia, il ciclo è normale  e mi sento decisamente più “leggera”.
Posso quindi sostenere che ne è valsa decisamente la pena. Se tornassi indietro lo rifarei. Certo non è una passeggiata, ci sono tanti ostacoli e situazioni ansiogene da superare, ma visto che finora ho notato solo risultati positivi posso dire che vale la pena di affrontarli.
Spero che questo racconto possa essere di aiuto per chi sta vivendo una situazione simile, se non altro per capire che non è un problema irrisolvibile. Per me è stato fondamentale confrontarmi con alcune amiche che, chi in prima persona e chi come familiare, ci erano già passate. E poi questo forum, dove ho letto tante testimonianze affini alla mia.

Un abbraccio a tutte!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...