Paola cerca soluzioni alternative all’isterectomia


Paola ha 57 anni ed è in menopausa da 7. Da anni ha un fibroma posterolaterale esterno che piano piano nel tempo è passato da 3,5 cm a 6 cm. Il ginecologo l’ha sempre tranquillizzata, dicendole che la menopausa avrebbe risolto tutto.

Poi la novità: un carcinoma tiroideo. E così Paola affronta una tiroidectomia e, probabilmente per gli sbalzi ormonali conseguenti, il fibroma dapprima si riduce e poi torna a 6,5 cm, si calcifica e comincia a darle dolore.

Ed ecco allora la sentenza: isterectomia con taglio classico.
Sono andata in tilt“, scrive Paola, “ho spostato l’intervento sperando di trovare qualcosa che mi possa evitare una soluzione così demolitiva…“.

Il ginecologo le ha detto: “Tanto l’utero alla sua età a che le serve?
Paola scrive: “Io non credo che questo organo sia stato messo lì dalla natura o da Dio, secondo le credenze, per essere a scadenza. Allora possiamo togliere l’utero a tutte le donne che per scelta o altro non hanno partorito? Un tempo si uccidevano le galline se non facevano le uova, le pecore se non partorivano, ma noi non siamo animali!“.

Paola cerca altri pareri e, visto che non è una situazione di emergenza, sta prendendo tempo per le dovute ricerche. Tra l’altro in menopausa è ingrassata di quasi 10 kg e ha sentito dire che il tessuto adiposo produce estrogeni e quindi stimola i fibromi…

Paola è pugliese, ma è disponibile a spostarsi pur di trovare un buon centro e un ginecologo che possa proporle un trattamento alternativo all’isterectomia, di qualunque tipo (agopuntura, omeopatia…) oppure una soluzione chirurgica meno demolitiva.

Qualcuna di voi può dare qualche riferimento utile a Paola?


3 thoughts on “Paola cerca soluzioni alternative all’isterectomia

  1. Ciao Paola, perché non considerare un consulto con il Dr. Camanni? Io ne ho tolto ben 5 ( 1kg _ sottosieroso, intramurale, peduncolare, intralegamentoso)..

  2. Dottor Benatti, Clinica Città di Parma. Non è uno che fa il tifo per la demolizione, lui ripara. Ha riparato me e il mio fibroma era molto molto più grosso del tuo. Se il tuo è “piccolo” come dici, c’è pure caso che non debba neanche tagliarti la pancia. Parla solo con dei chirurghi capaci, non con ginecologi rimasti indietro di 50 anni o chirurghi che fanno pagare la propria incapacità sulla pelle altrui!

  3. Ciao Paola,perche’ non provi a sentire se puoi intervenire con l’ embolizzazione?? Anche io ho un fibroma esterno di 12 centimetri e 2 anni fa provai a contattare Lupattelli e mi disse che secondo lui non ci sarebbero stati problemi.Io a luglio devo fare la risonanza e poi andro’ da lui.Fino ad adesso mi era mancato il coraggio , prova a contattarlo..un abbraccio. ANGELA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...