Alessia embolizzata all’Ospedale San Camillo


Alessia era destinata all’isterectomia totale, ma poi ha incontrato un medico che l’ha indirizzata al Dott. Stefano Pieri, che ha embolizzato il suo fibroma presso il reparto di Radiologia del San Camillo di Roma. Leggete la sua bella testimonianza!

Mi chiamo Alessia, ho 47 anni e sono di Roma.

Sono stata dimessa ieri dall’Ospedale San Camillo-Forlanini in seguito ad embolizzazione di un voluminoso fibroma uterino..

Problematica che mi tormenta da anni e contro cui ho dovuto combattere a lungo.

Dai 40 in poi, nelle varie visite ginecologiche ed ecografie transvaginali a cui mi sono sottoposta, sono stati sempre riscontrati miomi di considerevoli dimensioni che mi procuravano cicli abbondanti e sintomi da compressione, pesantezza al basso ventre e mal di schiena..

La sentenza senza possibilità di appello della maggior parte dei ginecologi che ho consultato era netta e spietata: isterectomia totale.

Immaginerete alla perfezione lo sconforto che mi ha sempre pervasa.

Solo un bravo medico ha avuto la delicatezza di informarmi, quattro anni fa, circa l’esistenza di un “nuovo” intervento mini invasivo che avrebbe potuto salvare il mio utero. L’embolizzazione del fibroma uterino, per l’appunto.

Mi inviò dal Dott. Stefano Pieri, al reparto di Radiologia del San Camillo Forlanini di Roma.

Il Dott. Pieri analizzò la mia condizione e, in seguito a risonanza magnetica con mezzo di contrasto, mi comunicò l’idoneità all’embolizzazione del fibroma.

La prima avvenne nel 2017. Da subito notai un’evidente riduzione della durata del ciclo da 10 giorni a 5). Stavo decisamente meglio. Ho fatto controlli annuali con risonanza e, dopo una iniziale riduzione del volume dei primi fibromi embolizzati, ho scoperto, durante la visita ginecologica annuale, dopo quattro anni, un nuovo ospite indesiderato di circa 16 cm. Perchè loro tornano, si riformano e crescono. Anche dopo una miomectomia, sia chiaro. La ginecologa di turno (ne ho cambiati almeno tre o quattro in questi anni) è stata nuovamente drastica, sebbene per nulla informata in materia. Miomectomia con asportazione della parte superiore dell’utero.

Non ho esitato un attimo. Ho richiamato il Dott. Pieri che, con le sue infinite professionalità e pazienza, mi ha nuovamente sottoposta a risonanza con mezzo di contrasto (il fibroma non misurava 16 cm bensì 10 ma era comunque troppo voluminoso e rischiavo crescesse ancora, non essendo ancora in menopausa e in balìa dei dispettosi estrogeni). Da lì, riconfermata l’idoneità, è stata programmata la nuova embolizzazione, effettuata martedì scorso.

Al momento non posso esprimermi del tutto, avendo i controlli per la verifica effettiva della riduzione del volume fra tre-sei mesi, ma la mia scelta e la mia fiducia in questa tecnica, praticata già da anni in diversi Paesi del mondo, resterebbero invariate.

Sarà comunque mia cura informarvi sui futuri benefici avvertiti.

La mia testimonianza è un invito a non arrendervi subendo la prima diagnosi.

Salvare l’utero spesso si può e si deve, ricorrendo alle aggiornate, sofisticate metodiche di trattamento praticate in Italia. La Scienza è stata protagonista di innumerevoli rivoluzioni.. Ignorarle significherebbe negare il progresso ed il rispetto per noi stesse in quanto donne.

Rivolgetevi con fiducia all’ospedale della vostra zona che pratica l’embolizzazione e affidatevi alle mani di un professionista. 

Ringrazio in primis il Dott. Stefano Pieri che mi ha operata e tutta la straordinaria equipe della Radiologia Vascolare ed Interventistica del San Camillo-Forlanini per la competenza che la contraddistingue.

A voi la mia complicità e il mio affetto.

Alessia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.