Silvia che vorrebbe curare il suo fibroma con alimentazione e fitoterapia

Silvia vorrebbe curare il suo fibroma in primis con l’alimentazione, e magari con la fitoterapia, e cerca esperienze e consigli al riguardo. Anche il nome di qualche ginecologo esperto in materia, o almeno aperto all’argomento.

Chi può aiutarla?

Buongiorno, mi chiamo Silvia e anche io come tutte voi sono arrivata qui cercando avidamente ovunque soluzioni ai fibromi che mi stanno creando disagi e paure. Ho 41 anni, ho scoperto tramite visita ginecologica di controllo fatta nel 2018 di avere 1 fibroma di 1.5 cm raddoppiato nel giro di 3 mesi poi stabilizzato a 3cm. Man mano che passa il tempo le mestruazioni si fanno sempre più abbondanti anche se sempre molto regolari accompagnate da anemia. Da qualche mese sono diventate emorragiche e nel primo giorno molto dolorose tanto da causarmi emorragie (ho il tranex sempre con me) con conseguente assenza dal lavoro. Insomma quasi invalidanti. Grazie alla testimonianza di Francesca che avete pubblicato ho provato ad usare borsa del pastore e devo dire che ho cominciato subito a vedere dei miglioramenti.

Per quanto riguarda la mia esperienza in realtà ho fatto una visita di controllo dopo gli episodi emorragici mensili, ma si è andati un pó per le lunghe causa emergenza sanitaria covid-19. Sono riuscita a farmi visitare il 26/01 e purtroppo la ginecologa ha trovato un secondo fibroma.

Parto dal presupposto che ho scelto di farmi visitare da una ginecologa che non conoscevo ma che mi hanno consigliato essere molto sensibile e preparata. In realtà mi sono trovata di fronte ad una dottoressa che aveva solo fretta di finire il turno delle visite (tra l’altro a pagamento e in ritardo di circa un’ora) e mi ha fatto molto male durante l’ecografia. I fibromi sono 2, di 3 cm e di 5 cm. Già questa notizia mi ha fatto rimanere molto male. La visita di un anno prima evidenziava un solo fibroma laterale sx di 3 cm. La visita precedente ancora mi diagnosticava un solo fibroma anteriore di 3 laterale cm. Ora due fibromi, uno anteriore di 3 cm e uno laterale sx di 5 cm. Ho provato a fare domande anche su questa cosa che a me non tornava, ma mi ha solo detto freddamente che l’unica possibilità a questo punto è l‘intervento in laparotomia perché quello di 5 cm è troppo grosso per poter intervenire in laparoscopia. Ha visto che non ero d’accordo e che cercavo altre soluzioni. Mi ha solo detto che tanto la lista di attesa per gli interventi è molto lunga, si andrà tra 8/12 mesi e quindi ho tutto il tempo per pensarci e poi con la laparotomia non mi viene tolto l’utero e in 3 gg di degenza poi riprendo la mia vita quotidiana! 

Erano le 19 e l’ospedale chiudeva, mi ha detto che sul referto potevo trovare la sua mail per qualsiasi domanda.

Mi sono sentita certamente delusa per la notizia dei 2 fibromi. Arrabbiata per come sono stata trattata (ho dato subito una recensione pari a 0 sul sito dell’ ospedale)… E anche un pó impaurita. Paura per come proseguiranno i miei cicli, la mia anemia, per come dovrò affrontare questa situazione e soprattutto l’eventuale intervento. 

Da qualche mese sto leggendo testi sull’igienismo, sull’alimentazione vegan tendenziale crudista, sul potere del ns corpo che con digiuno terapeutico è capace di disgregare i fibromi. E poi mi sono imbattuta nel tuo sito dove ho letto le varie testimonianze e le diverse esperienze, anche di persone che hanno provato l’approccio con metodi naturali e fitoterapici.

Da qualche gg quindi sto approcciando un programma fitoterapici almeno per i sintomi che sono forte dolore durante il primo giorno di ciclo ed emorragia nel secondo e terzo giorno.

Quando ho letto testimonianze sulla culdotomia mi ero quasi illusa di aver trovato quel che faceva per me. Poi ho letto meglio e ho capito che per i casi di fibromi anteriori questo intervento non è praticabile.

Mi sento ad un bivio. Sento di poter dare fiducia al mio corpo e credo che davvero l’alimentazione e ciò che introduciamo sia la prima medicina, da lì partono tutti gli input al nostro “complicato” sistema ormonale. Vorrei però trovare qualcuno che mi possa seguire o indirizzare in questo percorso o anche ginecologi aperti a questi argomenti.

Dimenticavo forse di dirti che ho 41 anni, 3 figli di 17, 16 e 11 anni. Non ho mai avuto problemi prima di 2 anni fa. I miei cicli erano regolari e piuttosto corti. Nel 2018 ho cominciato a notare sbalzi ormonali e cambiamenti nel mio corpo, seno sempre piuttosto gonfio, mestruazioni più abbondanti e da lì è iniziato tutto. 

Se vuoi pubblicare la mia storia fai pure Eleonora, sarei felicissima di poter dare e ricevere aiuto. 

Grazie infinite per il sostegno e l’alternativa di approccio che date a chi si trova sfortunatamente ad affrontare un disagio che sembra così banale ma che in realtà ci toglie la gioia di essere donne.

3 commenti

  • Si tratta di bufale. L’alimentazione non ha alcun ruolo nella genesi, nello sviluppo e nella eventuale riduzione dei fibromi. La cura dei fibromi e’ fondamentalmente chirurgica sia essa open surgery che mini invasiva (resettoscopia, laparoscopia o embolizzazione). Alcuni farmaci si usano per brevi periodi in attesa di intervento quando necessario. Tutto il resto sono fandonie se non vere e proprie truffe.

  • Luna

    Ciao cara,
    io posso dirti che soffro di fibromi all’utero e anche di endometriosi. Dopo non aver risolto NULLA con i metodi proposti dalla ginecologa (dopo un anno di cure ormonali mi si sono formati i fibromi, che prima non avevo, e l’endometriosi è peggiorata) ho deciso di farmi operare per rimuovere i fibromi uterini ma al contempo ho deciso anche di vedere un medico ayurvedico. Ci tengo a precisare: MEDICO, laureato in medicina e chirurgia e regolarmente iscritto all’albo, in seguito specializzatosi in medicina ayurvedica.
    Immagino cosa forse starete pensando, ero scettica anch’io, ma infondo provare non mi costa nulla, mi hanno comunque sospeso i farmaci (perché erano molto pesanti e comunque non funzionavano) e sono in attesa di intervento chirurgico: provare una via alternativa non mi costa nulla, mi sono detta.
    Alimentazione e stile di vita incidono eccome, SEMPRE e su TUTTO, perché sono determinanti per il mantenimento di un corretto equilibrio ormonale nel corpo; bisognerebbe starci attenti anche se si prendono farmaci!
    Valuta tu quello che ti senti di provare, le risposte in tasca non ce le ha nessuno in questo tipo di patologia, le esperienze sono svariatissime e la tua salute riguarda prima di tutto TE.
    In bocca al lupo.

    • paola

      Ciao Luna,
      anch’io vorrei provare qualche soluzione naturale ma io ho difficoltà a reperire informazioni, hai qualche nominativo di riferimento ?
      grazie ciao
      Paola

Lascia un commento

Cliccando Accetto dichiaro di aver letto e di accettare la privacy policy del sito web