Stefania indecisa sul tipo di intervento da preferire


Ciao. Approdo per caso al blog dopo la scoperta da poco di un fibroma uterino di 6 cm. Ho 47 anni, nullipara e non credo di voler figli anzi ormai…direi che la scelta ormai si impone….anche se ho procrastinato la scelta non avendo vocazione particolare ma il dubbio di non aver fatto figli comunque convive in me.
Il ginecologo mi ha indicato intervento in laparotomia perche le dimensioni sono importanti e dice che è un pò vascolarizzato. Ma non mi ha spiegato nulla di più. Ho chiesto se ci fossero probabilità che fosse maligno, dice che solo la biopsia lo dirà ma dall’eco non sarebbe. Inoltre non ho perdite strane ne dolori forti.
Però congiuntamente a questo problema ho scoperto a poco di avere un problema di ipertono del pavimento pelvico causa o conseguenza di cistiti post contali recidivanti da ormai 20 anni e più, curate sempre e solo con antibiotici. Che credo siano la causa della mia disbiosi intestinale.
Pra ho sempre addome gonfio, il fibroma pesa sulla vescica e forse è tutto concatenato anche alle problematiche pelviche.

Abito a Milano e sono in cura presso la Pelvico unit dell’Ospedale San Raffaele. La urologa d.ssa Tutolo è stata la maga che ha iniziato a indagare scoprendo il vaso di pandora…..
Però il ginecologo che da tre anni mi segue per il malefico papilloma virus guarda caso in nessuna visita si è mai preso in carico di farmi una dico una eco transvaginale. Mai. Ho da sempre sofferto di dismenorrea e dolori lancinanti tanto da svenire e andare in pronto soccorso. Mi fecero eco tgv per sospetta endometriosi ma non ne venne mai fuori nulla. Questo però era il 2004.
Poi da 8 anni ho iniziato con una dieta vegana per scelte etiche, ed il dolore mestruale è quasi scomparso, se non alcuni cicli magari verso il terzo giorno.

Mi chiedo: perchè nessun ginecologo MAI ha indagato negli ultimi 10 anni direi, a cosa fosse dovuto questo ciclo cosi abbondante? Perchè mai una eco tgv eppure le visite erano a pagamento e ogni 6 mesi faccio colposcopia e pap test? Sono incazzata nera.

Ora ho chiesto secondo parere alla clinica Mangiagalli di Milano. Ho letto le formazioni e specialità dei ginecologi e per istinto ho scelto la d.ssa dell’Utri. Mi vedrà il 29 aprile. volevo sapere se qualcuna fosse già andata da lei e/o se su Milano aveste altre indicazioni. Avevo pensato anche allo IEO ma andrei alla cieca anche lì.

In San Raffaele sono in lista di attesa: tempi da 2 a 6 mesi.
Io vorrei operarmi quanto prima, ma sto leggendo meglio sulle casistica della laparotomia e pare non proprio una passeggiata.

Oggi ho acquistato il tuo libro e cosi comincio ad andare alla visita un pò più informata.

Hai consigli da darmi?

Quello che ho scritto a Stefania è che penso che potrebbe valutare l’embolizzazione .. A Milano potrebbe rivolgersi al dr Rampoldi.

Altrimenti trovare un ginecologo in grado di operarla in laparoscopia.

Le ho suggerito di evitare la laparotomia: come scrivi lei i tempi di ripresa sono lunghi e comunque è un intervento molto invasivo.. ad ogni modo prima di proporle altre strade aspetto qualche suo aggiornamento, visto che purtroppo ho risposto alla sua email molto in ritardo, ahimè..


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.