Maddy e i suoi fibromi peduncolati


Maddy è stata operata in laparatomia anni fa per rimuovere un fibroma. Ha subito un’operazione molto invasiva (ne so qualcosa!) e la sucessiva ripresa è stata lunga.
Oggi, purtroppo, Maddy si trova di nuovo a combattere contro i suoi fibromi.  Nel suo utero “alloggiano” infatti diversi fibromi a peduncoli (posizionati all’esterno dell’utero) che, con il tempo, sono diventati sempre più grossi. Per fortuna il suo ciclo è regolare e lei non è soggetta ed emoraggie. I fibromi le procurano però un gonfiore addominale fastidioso dal punto di vista estetico.

Come combattere i fibromi?

Maddy deve decidere come affrontare i suoi fibromi. L’idea di un nuovo intervento, vista l’esperienza passata, la spaventa, e vorrebbe trovare una soluzione meno invasiva.

Esmya

Maddy stà valutando, innanzitutto, di prendere Esmya. Non è riuscita però a trovare nessuno ginecologo di Roma, la sua città, in grado di prescrivergliela. Ha anche scritto alla Gedeon Richter, ma non ha ottenuto informazioni utili.
Io vorrei quindi lanciare un appello alle mie lettrici: qualcuno conosce un ginecologo di Roma che può prescrivere Esmya a Maddy? La richiesta è urgente!

Embolizzazione

Maddy ha anhe tentato la strada dell’embolizzazione dei fibromi uterini all’Ospedale Gemelli di Roma ma è risultata non idonea a questo tipo di trattamento per via della presenza di fibromi peduncoli. Vorrebbe tuttavia prendere un appuntamento con il Dott. Lupattelli, il maggior esperto di embolizzazione, per avere un’ulteriore conferma. Via mail infatti il Dott. Lupattelli l’ha informata che  “NON SEMPRE” i fibromi peduncolati non sono indicati all’embolizzazione. ” Tuttavia possono essere tranquillamente rimossi prima di embolizzare”.

Ultrasuoni Focalizzati

Maddy ha inoltre valutato la via degli ultrasuoni focalizzati e ha incontrato il Dott. Napoli al Policlinico di Roma. I peduncoli che non potevano essere sottoposti a embolizzazione non possono però neanche esssere eliminati con gli ultrasuoni. Maddy aveva però anche un fibroma non peduncolo da sottoporre al trattamento, e poi in un secondo momento avrebbe potuto pensato di eliminare i peduncoli con un intervento chirurgico. Purtroppo però anche questa potenziale soluzione si è rivelata per Maddy una delusione: dalla risonanza magnetica è infatti emerso che il fibroma che doveva essere sottoposto al trattamento era posizionato in prossimità della colonna vertebrale e gli ultrasuoni avrebbero potuto colpire, assieme al fibroma, anche la colonna vertebrale, danneggiandola.

Laparoscopia o Laparotomia

A Maddy i medici hanno consigliato di prendere in considerazione l’intervento chirurgico. Ma quale risulterebbe migliore per eliminare i fibromi peduncoli? La laparatomia o la laparoscopia? E a quale bravo chirurgo di Roma Maddy potrebbe rivolgersi? Chi ne conosce uno in gambissima??

La Culdotomia

E poi c’è la culdotomia per la rimozione di fibromi, sulla quale non ho però ancora indagato abbastanza. Sarà mia cura tuttavia chiedere al Dott. Rolli se il trattamento può essere idoneo anche a casi di fibromi peduncol.

Maddy insomma stà cercando la strada più appropriata al tuo caso e, piena di fiducia, è certa che la troverà! Brava Maddy, è così che si fa!

La mia nuova amica desidera inoltre augurare a Tutte le Donne che combattono i Maledetti Fibromi di trovare presto la soluzione vincente ed io non posso che appoggiare, con tutta me stessa, il suo augurio.


11 thoughts on “Maddy e i suoi fibromi peduncolati

  1. consiglio a Maddy di tentare con dott. Lupattelli, se lui sostiene che l’intervento è fattibile, lui sa il fatto suo. se lo sconsiglia vuol dire che veramente non è possibile intervenire con questa tecnica.
    Loredana

  2. Ciao Loredana,
    sto prendendo tempo per organizzarmi bene sul dal farsi,
    intanto ti faccio sapere che ho prenotato una visita
    con una ginecologa che è a conoscenza del farmaco Esmya (grazie a Ele);
    in seguito provvederò a prenotare un appuntamento con il dott. Lupattelli;
    intraprendere diverse strade mi servirà sapere tutte le possibilità che posso avere
    nell’affrontare bene i “maledetti”.
    Maddy

  3. Care Amiche,
    a richiesta di Ele, vi racconto brevemente il mio evolversi del mio percorso medico.
    Sono andata da una ginecologa molto gentile e mi ha fatto un’ ecografia transavaginale; dall’esame è risultato che io non abbia i fibromi peduncoli (ma allora posso fare l’embolizzazione?) e l’ha confrontata con l’ecografia che ho fatto al Gemelli dove risulta la presenza dei “peduncoli”….ma come è possibile?
    Ho rivisto la RM che ho fatto al Policlinico dal dott.Napoli e anche qui non accenna nessun peduncolo….
    Ho spiegato alla ginecologa che io intendevo fare l’embolizzazione, ma me l’ha sconsigliata perchè i miei fibromi sono molto vascolarizzati e anche se accade in casi rari potrebbero degenerare, per cui devono essere rimossi per fare poi esami istologici.
    L’embolizzazione è un intervento che non va a controllare lo stato dei fibromi, mentre un intervento chirurgico è più diretto. Mi ha consigliato la miomectomia e mi ha nominato un chirurgo molto bravo il dott. Barracco che lavora alla clinica Casa di Cura Città di Roma (convenzionata).
    E Esmya non funzionerebbe sul mio caso per via dei fibromi che sono molto vascolarizzati e tra l’altro grandi.
    Ora ragionandoci sopra, in tutti gli interventi chirurgici compresa l’isteroscopia, gli esami istologici li fanno sempre, fa parte della prassi e poi l’embolizzazione non è nel campo di questa gentile ginecologa.
    Per cui non mi resta che andare da Lupattelli sperando che metta in chiaro la mia situazione.

    Un caro saluto a tutte.
    Maddy
    Ps. vi incollo una testimonianza, presa dal forum di Lupattelli, molto interessante:
    http://embolizzazione.forumup.it/about14-.html&highlight=

  4. Care Amiche,
    in ritardo di qualche giorno, vi racconto la mia visita da Lupattelli che incredibilmente mi ha detto che posso fare benissimo l’embolizzazione!!
    Lupattelli è stato molto disponibile, ha voluto conoscere tutti i dettagli del mio incasinato percorso medico visionando l’ecografia, fatta al Gemelli, del tutto discordante con la RM.
    Ha visionato bene la mia RM in cd-room nel suo computer e ha constatato che non ho neanche un peduncolo.
    Mi ha detto che l’embolizzazione si può fare sempre; se avessi avuto dei peduncoli (nella parete esterna dell’utero), in quel caso sarebbero stati rimossi con la laparascopia per poi procedere in un secondo momento con l’embolizzazione.
    Ora dopo tanto tempo mi sembra di aver trovato la via d’uscita (incrocio le dita!!).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...