Convegno su Isterectomia miniinvasiva ed Eras


Domani a Vicoforte, vicino a Cuneo, si terrà un convegno sull’Isterectomia mininvasiva, organizzato dal dott. Andrea Puppo, primario ginecologo dell’Ospedale di Mondovì, e dal dr. Camanni, il mio ginecologo.

Tra i temi affrontati durante il convegno, quello dell’Assistenza pre e post operatoria in termini di paragone tra assistenza tradizionale e ERAS. L’ERAS è un protocollo medico pensato  per un miglior recupero dopo un intervento chirurgico ed è nato con l’obiettivo di garantire, dopo l’intervento, un recupero ottimale ed un ritorno precoce e sicuro alle attività quotidiane. Il protocollo ERAS prevede la collaborazione attiva del paziente e si basa su alcuni accorgimenti che devono essere presi nella fase precedente ed in quella successiva all’intervento (www.humanitas.it).

E’ proprio in virtù di questo protocollo, praticato dal dr. Camanni, che il mio decorso post operatorio è stato nettamente diverso da quello del mio primo intervento in laparotomia.

Si parlerà inoltre di tecniche diagnostiche, di procedure chirurgiche conservative e di isterectomia e sessualità. Tutti temi interessanti e a me, in qualche modo, cari.

La notiziona care amiche è che io potrò partecipare, in platea! E’ stato il dott. Puppo ad invitarmi ufficialmente, specificando che potrò assistere alla discussione ed anche parteciparvi se lo riterrò opportuno. Io sono proprio felice di questa opportunità e non vedo l’ora di raccontarvi il tutto!

Cercheremo (io e il bighi) di fare anche dei video e di raccogliere per voi tanto materiale interessante.

Inconterò tra l’altro anche la dottoressa Biglia, (la “Numero 7” del mio libro e di certi miei racconti qui sul blog) e non vedo l’ora di dirle che il mio utero non era proprio così da buttare, come sosteneva lei, e che per mia fortuna non le ho dato ascolto e ho incontrato medici più capaci e più aggiornati di lei. Che dite, riuscirò a dirglielo proprio in questi termini?? 🙂

Eccovi un sunto di quello che sarà il programma dell’evento.

VENERDI’ 12 MAGGIO 2017

  • Lettura magistrale
  • Tavola rotonda. La patologia uterina: tecniche diagnostiche a confronto
  • Live surgery dalle S.O. dell’ Ospedale Regina Montis Regalis, Mondovì. L’Isterectomia laparoscopica nella patologia complessa della pelvi.
  • Assistenza pre- e post-operatoria: assistenza tradizionale vs ERAS
  • Dalla clinica alla tecnica chirurgica
  • E se non le operassimo nemmeno?  Terapia medica e procedure chirurgiche conservative
  • Isterectomia, femminilità e sessualità:  temi per il consenso informato.

SABATO 13 MAGGIO 2017

  • Razionale gestionale per promuovere chirurgia mininvasiva e Fast Track Surgery
  • Razionale medico per promuovere ERAS . M. Braga
  • Presentazione del protocollo ERAS
  • Tavola rotonda
  • Condivisione protocollo ERAS per l’isterectomia

Quindi oggi mi stò preparando psicologicamente all’evento. Spero che gli argomenti non siano trattati in modo troppo tecnico, nel senso che vorrei pur capirci qualcosa! E spero di avere il coraggio di dire la mia davanti ad una mega platea di ginecologi, anche perchè questa è proprio l’occasione in cui speravo da tempo!


6 thoughts on “Convegno su Isterectomia miniinvasiva ed Eras

  1. In bocca al lupo cara Eleonora per domani , sono sicura che riuscirai a dire la tua perché sei bravissima! Non vedo l’ora che ci fai sapere com’è andata
    Ti leggo sempre
    Claudia Tuhut

  2. Ely che bellooooo!
    Una “di noi” in mezzo “a loro”, non mi sembra vero!
    Certo che devi dire almeno 1 parola…..Quello che direbbe ciascuna di noi: Grazie….Ma non un grazie generico, x tutti….Grazie a quei medici che si impegnano a cercare alternative, ” che ci accompagnano prima e dopo nel nostro percorso.Grazie a quei medici che si preoccupano anche del dopo…Che analizzano anche l’ aspetto psicologico….Xche’ siamo xsone, donne e non se lo devono dimenticare.Grazie a chi non ci lascia sole e vuote….
    Tutte e 3 le volte che mi sono operata ho avuto problemi con lo stomaco ( la seconda volta non ho quasi mangiato x un mese)…..Effetto dell’ anestesia, certo, ma e’ anche vero che l’ utero e’ strettamente collegato allo stomaco ( basta pensare alle nausea della gravidanza, al mal di stomaco che molte lamentano prima o durante il ciclo).
    Ho avuto anche ” la sensazione di essere stata operata nella parte + delicata di me, quella piu’ vulnerabile ( l’ utero, x noi donne, e’ carico di significati simbolici.Intervenire in questo organo di rende molto deboli dal punto di vista emotivo.
    Non posso neanche immaginare come si sente una donna dopo l’ isterectomia, mi fa orrore anche scrivere questa parola……Ed e’ doveroso provare a fare di tutto prima di arrivare a questo.
    E se nel peggiore. Dei casi si deve arrivare a questa mutilazione tremenda e’ giusto farlo nel modo meno doloroso possibile, PREPARANDO la paziente ad affrontare tutto quello che le si presentera’ …..( X me e’ doloroso scrivere questo, vorrei che nessuna arrivasse a questo).
    Quindi Ely, devi RINGRAZIARE SOLO QUELLI CHE CI AIUTANO,solo loro. E ribadire che prima di arrivare a soluzioni drastiche e’ bene provare un altro modo.E se qualcuno ti risponde ( come hanno fatto a me) che l’ utero e’ solo un organo riproduttivo rispondi ( citando il mio nome) ” allora lei, non avrebbe problemi, o scrupoli a togliere l’ utero a sua moglie, sua figlia, alla sua amante……Lo so,. Sono parole dure, ma arrivano dirette, centrano il punto, quello che tutte noi abbiamo a cuore.
    * NB cerca di capire, se puoi, quali sono le effettive conseguenze sull’ isterectomia ( mi fa paura anche scriverla questa parola).Loro sono sempre vaghi, minimizzano, non si capisce bene.Una donna che ho conosciuto proprio durante una visita ginecologica mi ha detto che dopo e’ diventata incontinente, ha avuto un prolasso ( l’ utero, in effetti, se ci pensi tiene fermo tutto ” da quelle parti” .” ).Quando vedo le pubblicita’ degli assorbenti x l’ incontinenza ci penso…..Questa donna che ho incontrato il e’ ancora giovane, non ha 50 anni!

    Sono felice che domani al convegno di sara’ UNA DI NOI, la piu’ coraggiosa e determinata.
    Voglio dirti che ti ammiro tanto e vorrei avere una minima parte del tuo coraggio.
    Domani, insieme al tuo cuore batteranno ” tanti altri cuoricini”, emozionati x questa possibilita’.
    Domani, non sarai sola…..Ci siamo anche noi…..Io ti staro’ vicina- vicina nella speranza di trovare uno spiraglio, qualcuno che ci ascolti e ci aiuti.
    Ti voglio bene tanto- tanto- tanto…..Xche’ ti sei adoperata x aiutare tutte le donne, di tutte le eta’…..E con il tuo blog chissa’ quante ne hai salvate e quante ne salverai.
    Grazie x il tuo aiuto disinteressato.
    La tua generosita’ ,domani, ti portera’ a rappresentare tutte noi al convegno.
    TVB😘

  3. Mi sarebbe proprio piaciuto partecipare, non vedo l’ora di sentire da te come si é svolto il convegno. Sicuramente tu sarai stata bravissima come sempre. Grazie.

    1. Miriam vi racconto presto! Avevo già un po’ di post pronti in pubblicazione e stò dando la precedenza a quelli, ma a breve usciranno anche tutte le news del convegno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...