La storia di Monica che cura le sue ferite emotive

<<Carissime ragazze e donne tutte, sono in convalescenza e vi racconto la mia storia nel caso possa essere d’aiuto a qualcuna o forse parlarne solleva me>>

Monica è una donna di 48 anni che 5 anni fa, durante la gravidanza, ha scoperto di avere dei fibromi uterini che fortunatamente non hanno compromesso nulla. Li ha monitorati e tenuti sotto controllo anno dopo anno; ha usato anche la spirale Mirena a scopo contraccettivo senza alcun effetto collaterale.

Purtroppo alcuni mesi fa uno dei suoi fibromi intramurali è cresciuto ed ha raggiunto un diametro di 7-8 cm. Monica ha vissuto un solo episodio di sanguinamento senza altri disturbi né anemia. Si è rivolta a diversi ginecologi per capire cosa fosse giusto fare e alla fine, poiché il fibroma non arrestava la sua crescita nonostante la presenza della spirale <<Ho deciso>>  scrive Monica <<e non certo a cuor leggero, di sottopormi all’intervento di isterectomia visto che l’ablazione mi era stata sconsigliata>>

L’intervento è stato eseguito in laparoscopia. Monica racconta di non aver sofferto dal punto di vista fisico ma adesso, le serve del tempo per curare le sue ferite emotive.

A un mese e mezzo dall’intervento Monica non vede quasi più le cicatrici sul suo corpo.

<<Per il resto>> scrive Monica <<Ci sto lavorando…>>

Grazie davvero Monica. Con poche e semplici parole hai condiviso con noi un momento così importante e certamente doloroso della tua vita mostrandoci, fra le righe, la voglia e la volontà di superare tutto, di stare bene.

Siamo certe che ci riuscirai presto! Un abbraccio

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Cliccando Accetto dichiaro di aver letto e di accettare la privacy policy del sito web